Formula 1 possibile anche senza Ferrari?

Video della Ferrari che fa debuttare sul circuito di Vairano la nuova F60B

da , il

    Mentre, come mostrano queste immagini, la Ferrari porta al debutto sulla pista di Vairano la nuova F60B, Max Mosley replica seccato alla dirigenza di Maranello che aveva minacciato un ritiro dalla Formula 1: “Questo sport potrebbe sopravvivere senza la Ferrari”.

    VIDEO TEST F60B. Come il video preso da youtube fa intravedere, nella giornata di sabato la Ferrari guidata da Marc Gené ha effettuato alcune prove aerodinamiche così come concesso dal regolamento. Obiettivo del test era quello di verificare in condizioni reali che i calcoli fatti al computer ed in galleria del vento fossero corretti. La F60B, oltre a montare il nuovo diffusore dei miracoli, è più leggera di 15 Kg rispetto al modello precedente. Grazie a questo accorgimento, sarà possibile utilizzare il Kers e, contemporaneamente, avere più zavorra da spostare all’occorrenza per migliorare il bilanciamento della vettura.

    MOSLEY MINACCIA. Sul fronte sportivo è chiaro l’obiettivo della Ferrari: recuperare competitività. Su quello politico, altrettanto: imporre alla Federazione, con il supporto delle altre scuderie della FOTA, l’adozione di un regolamento meno restrittivo sul fronte dei budget. Questo atteggiamento, però, non è piaciuto a Max Mosley che ha risposto in modo molto coraggioso a Montezemolo:“Sarebbe molto triste perdere la Ferrari. E’ la Nazionale italiana. Lo sport, però, potrebbe sopravvivere anche senza la Ferrari – ha sparato il Presidente della FIA – Se un team va dai suoi dirigenti e dice ‘Voglio fare la guerra alla Fia perche’ voglio poter spendere 100 milioni di sterline in piu’ di quanto la Fia vuole farmi spendere’, credo e spero che i dirigenti dicano ‘Perché non potete spendere 40 milioni di sterline se gli altri team possono farlo?”‘ ha aggiunto.

    TETTO BUDGET. Il limite di spesa è la risposta più credibile che la Federazione è riuscita a dare alla crisi economica mondiale:“I rischi, per chi bara, sarebbero enormi. Se avessimo il minimo sospetto, invieremmo gli ispettori a controllare” spiega Mosley per fare capire la serietà della sua proposta. Con questa rivoluzionaria novità regolamentare, la FIA è convinta – e forse con ragione – di poter garantire un alto numero di partecipanti al mondiale di F1 i quali avrebbero pari opportunità e prospettive di lunga permanenza. Il problema sta nel fatto che le grandi case da una parte ritengono che la cifra di 44 milioni di Euro non sia sufficiente per fare ricerca, dall’altra non ci stanno ad essere parificate a degli anonimi team del genere USGPE.

    SONDAGGIO. Per proseguire la discussione, votate il sondaggio della settimana