Formula 1: Schumacher al top in 3 gare

Formula 1: Michael Schumacher non ha brillato nella gara d'esordio

da , il

    Patirà le pene dell’inferno chi si azzarderà ancora a discutere la storia sportiva del sette volte iridato Michael Schumacher. Quanto tempo, però, sarà giusto dare al driver Mercedes GP prima di poterlo finalmente giudicare nella sua seconda vita da pilota di Formula 1? Secondo il diretto interessato, quando parlava prima del GP del Bahrain, non mancava nulla. Poi, vedendo come sono andate le cose, c’ha ripensato ed ha tirato fuori il concetto di “ruggine”. Secondo Niki Lauda, amico del Kaiser, rivedremo il vecchio Schumacher dalla Malesia. Dopo l’Australia.

    MICHAEL SCHUMACHER. Niki Lauda conosce bene Michael Schumacher e sa bene cosa voglia dire tornare in Formula 1 dopo un po’ di inattività. Secondo l’asso austriaco, l’ex pilota Ferrari sarà di nuovo quello che tutti conosciamo per il Gran Premio di Malesia:“Difficilmente puoi partire meglio di così – ha osservato Lauda commentando la gara di Schumacher in Bahrain - ha guidato poco in inverno e per lui non è stato facile trovare il giro buono in qualifica. Credo gli ci vogliano 3 gare prima tornare ai suoi livello. Per Kuala Lumpur riuscirà a trovare anche la prestazione in un solo giro secco, così come avviene agli altri piloti”. Ricordiamo che l’asso di Kerpen faceva ben altri proclami durante l’inverno. Solo dopo essersi accorto che la Mercedes non è la macchina da battere e che Nico Rosberg è un avversario di tutto rispetto, ha sentito l’opportunità di fare un passo indietro. Sebbene il pilota Mercedes non voglia ammetterlo, la sfida di correre ai massimi livelli del motorsport con 41 anni sulle spalle, può essere proibitiva anche per un fenomeno. Felici di sbagliarci, diamo al Kaiser non 3 gare ma 5! Rifacciamo i conti dopo il GP di Spagna, prima tappa europea della F1. Per allora vogliamo vederlo surclassare il proprio compagno di squadra come ha sempre fatto. Altrimenti saremo costretti a prendere atto che il tempo è passato. Davvero. Anche per un highlander come lui.

    NIKI LAUDA. Intervistato dal sito ufficiale della Formula 1, Niki Lauda ha commentato anche altri fatti salienti di questo inizio di stagione 2010. Tra i temi più caldi, citiamo l’andamento della stagione 2010:“Credo che sarà un’annata dura dove la capacità di sviluppare la macchina farà la differenza. I valori in campo sono quelli sotto gli occhi di tutti con Red Bull davanti a Ferrari e con McLaren e Mercedes subito dietro”. Altro argomento che dovremmo necessariamente sviluppare prossimamente è la lotta in famiglia tra gli ultimi due campioni del mondo:“Non sono sorpreso di Hamilton. Conosce il team e può controllare Button”, ha commentato Lauda puntando tutto sull’anglocaraibico.