Formula 1: Schumacher, delusione planetaria

Formula 1: Michael Schumacher ha sbagliato a tornare in F1

da , il

    Nei giorni scorsi si è sentito parlare di un sondaggio fatto in Germania secondo il quale ben il 63,3% dei connazionali di Michael Schumacher credeva che la sua decisione di tornare in Formula 1 fosse stata un errore. A questo filone si stanno accodando pian pianino tutti i maggiori esperti ed osservatori della massima categoria dello sport a motore nonché personaggi molto vicini al sette volte campione del mondo. Inutile dire che questo movimento ha fatto tornare in voga l’idea di un addio anticipato dalla Mercedes rispetto ai tre anni di contratto.

    MICHAEL SCHUMACHER. Oltre il 60% dei tedeschi, praticamente due su tre, crede che Michael Schumacher abbia fatto un errore a tornare in Formula 1. Solo un restante terzo di connazionali del fenomeno di Kerpen giudica in modo positivo la sua voglia di rimettersi in gioco all’inedita età, per un pilota di F1, di 41 anni suonati. A far particolarmente scalpore, inutile girarci intorno, è il confronto con Nico Rosberg che da vittima sacrificale del cannibale, si sta trasformando in spietato carnefice.

    JOS VERSTAPPEN. Uno dei piloti massacrati da Schumacher come compagno di box è Jos “the boss” Verstappen. L’olandese, interpellato dal De Telegraaf ha detto la sua:“Può essere che in questi tre anni lontano dalle piste abbia perso la sua sensibilità. Oppure, semplicemente, è uno Schumacher in carne ed ossa che non riesce più a fare nessuna magia”. La faccenda è seria e rischia di aprire un dibattito molto feroce: da una parte c’è chi sostiene che Schumacher, il più grande di tutti i tempi, ha perso non contro Rosberg ma contro un rivale ben più attrezzato, vale a dire l’eta che avanza. Dall’altra sponda ci sono i detrattori dell’ex ferrarista che possono finalmente dimostrare la loro teoria: Schumacher è sempre stato un pilota sopravvalutato che ha battagliato contro non campionissimi ma solo bravi piloti quali Damon Hill, Jacques Villeneuve, Jean Alesi, Rubens Barrichello, Mika Hakkinen, David Coulthard, Kimi Raikkonen, Johnny Herbert. Per fugare qualche dubbio, nel video in alto lo vediamo in azione contro sua maestà Ayrton Senna.