Formula 1: Schumacher resta il numero 1

Formula 1: Michael Schumahcer vince un sondaggio commissionato da FOM e FOTA come pilota più popolare del Circus

da , il

    Michael Schumacher alla riscossa. Poche storie: dentro e fuori la pista il pilota Mercedes GP resta il numero 1. Tornando sull’andamento del Gran Premio del Bahrain, il tedesco fa notare di essere stato più veloce di Nico Rosberg in gara mentre, per quanto riguarda la sua fama, un recente sondaggio commissionato dalla FOM di Bernie Ecclestone e dall’Associazione dei team di Formula 1 lo erge a pilota più famoso dell’intero Circus. A questo punto, ci aspettiamo una sua gran prova in Australia.

    MICHAEL SCHUMACHER. Il sette volte iridato si aspetta di andare più veloce nelle prossime gare confidando nella sua grande capacità di trovare il giusto feeling con qualunque mezzo a quattro ruote. Non solo, dopo averne prese tanto in qualifica quanto in gara, almeno sl fronte dei risultati, dal compagno di squadra, Schumacher ci tiene a sottolineare che, in realtà, è stato lui più veloce di Nico Rosberg:“Mi sono preso una piccola soddisfazione personale nel tenere il passo di Nico durante la gara – ha dichiarato - e sono stato significativamente davanti a lui nella classifica dei giri veloci”, ha scherzato.

    SONDAGGIO F1. Il primo risultato pubblico di un sondaggio commissionato dalla FOM e dalla FOTA, ha incoronato Michael Schumacher come pilota più popolare della Formula 1. Dopo aver raccolto le risposte date da 90 mila appassionati, il sondaggio ha decretato vincitore Schumacher con il 19,5% delle preferenze. Dietro di lui, staccatissimo, Fernando Alonso con il 9.7. Più dietro tutti gli altri tra i quali spicca ancora Kimi Raikkonen nonostante abbia lasciato il Circus per dedicarsi ai Rally.

    MERCEDES GP. Il primo GP della stagione ha dimostrato che i tempi non sono ancora maturi per pit stop da record. Il cambio gomme perfetto resta nei piani della Mercedes GP che si allinea a Ferrari, Red Bull e compagnia bella rendendo noto che potranno arrivare a compiere l’operazione in due secondi e mezzo.“Stare sotto i 3 secondi e mezzo è già un buon risultato ma realisticamente possiamo ambire a migliorarci di un altro secondo”, ha riportato un portavoce del team di Brackley.