Formula 1, verso la nuova era…

da , il

    Mosley

    Nel 2006 un primo assaggio.

    Col 2007 si comincerà…

    Dal 2008 la nuova era della Formula 1 sarà realtà.

    Il primo appuntamento sarà quello del GP della Cina ad ottobre 2006. Secondo l’accordo raggiunto nelle ultime settimane, in quell’occasione dovranno essere presentati alla FIA i tipi di motori che verranno utilizzati nel 2007 (ai quali non sarà possibile apportare ulteriori modifiche).

    Dal 2007 al 2010, poi, quegli stessi motori non potranno superare i 19.000 giri, in modo da aumentarne la resistenza e livellare le potenze. Insomma: non sarà il propulsore a fare la differenza! Questo nell’ottica della Federazione dovrebbe voler dire più equilibrio (cioè più spettacolo) e meno costi.

    Sempre dal 2007 verrà abolita la terza macchina. Si preannuncia meno spazio per i collaudatori e, conseguentemente, meno spettacolo nelle prove libere del venerdì.

    Altra importantissima novità è l’arrivo del monogomma. Finalmente non saranno gli pneumatici a determinare il successo o l’insuccesso di un team, ma il team stesso sarà al 100% responsabile dei propri risultati.

    Passando al 2008, arriviamo alle note più eclatanti e rivoluzionarie.

    Partiamo dai telai: non più di due modifiche alla struttura di base. La centralina che comanda l’elettronica di motore e cambio sarà standard (appalto per la realizzazione già assegnato, a sorpresa, alla Microsoft).

    Ci sarà il ritorno a gomme slick - di dimensioni più grandi rispetto agli pneumatici attuali – in modo da ridurre la velocità ed aumentare la tenuta.

    Infine, prenderà corso il famigerato doppio alettone posteriore che dovrebbe sconfiggere le turbolenze aerodinamiche, principali causa della difficoltà dei sorpassi.

    Questo è senza dubbio il punto più interessante e dibattuto. In pratica, accettare una soluzione del genere vorrebbe dire dover riconcepire da capo l’aerodinamica delle vetture, buttando al vento decenni di studi e di progressi. 2008, anno zero.