Formula 1: Webber rinnova, Vettel non si pente

Formula 1: Mark Webber ha rinnovato il contratto con la Red Bull anche se solo per un anno

da , il

    Mark Webber è ancora nei piani Red Bull. Fossimo stati in una situazione normale, probabilmente il rinnovo del contratto sarebbe arrivato verso metà estate. Visti i fatti di Turchia e le allusioni ad un eventuale favoritismo di Sebastian Vettel, per scoprire definitivamente le carte in tavola, il team del beverone ha pensato bene di anticipare i tempi annunciando già ad inizio stagione 2010 che l’australiano sarà pilota ufficiale per un altro anno almeno. La soddisfazione è enorme, soprattutto per Webber. Vettel, intanto, fa sapere che non si sente affatto in colpa per quello che è successo ad Istanbul.

    MARK WEBBER. Rinnovo del contratto con soddisfazione reciproca. Dall’incidente del GP di Turchia la sede di Milton Keynes è diventata il centro del mondo per la Formula 1. Giovedì scorso c’è stato il chiarimento tra la dirigenza e i piloti. Ieri il rinnovo di contratto per Mark Webber che ha dichiarato subito dopo:“E’ stata una decisione semplice restare alla Red Bull. Abbiamo iniziato a parlarne molto presto, quest’anno. La decisione di prolungare per un anno è stata presa di comune accordo, tutti sanno che non vado cercando altre sistemazioni in Formula 1″.

    SEBASTIAN VETTEL. Mentre l’ex pilota Red Bull David Coulthard fa sapere che tra Vettel e Webber non ci sono mai stati buoni rapporti personali, il giovane pilota tedesco torna sull’argomento caldo dell’incidente per dirsi non pentito della manovra:“In quel momento ho fatto quello che mi sembrava giusto, e lo rifarei perchè pensavo fosse la cosa giusta da fare. Avevo già superato Mark e stavo provando a spostarmi lentamente sulla destra. In quel momento ero al comando e di solito il leader decide dove andare”.

    RED BULL. Da una conferma contrattuale, quella di Webber, ad una possibile rescissione. A non piacere più agli uomini Red Bull ci sono i motori Renault. “Il nostro telaio è eccellente e lo abbiamo ampiamente dimostrato, ma il motore probabilmente è di 20/30 cavalli inferiore ai motori dei nostri rivali”. Chris Horner si è detto lieto di lavorare con i francesi ma sembra che stia spingendo per ottenere la fornitura dei Mercedes.