Futuro Ferrari? Tante alternative, 1 soluzione!

la ferrari deve guardare al futuro senza jean todt e prendere brwan e alonso, almeno così' vuole montezemolo

da , il

    Futuro Ferrari? Tante alternative, 1 soluzione!

    Mentre tutti si interrogano sul futuro della McLaren, tra maximulta e maxipolemiche, proviamo a vedere, invece, che futuro c’è per la Ferrari. Le alternative sono molte a svariano su tutti i fronti, da quello piloti a quello dirigenziale. La risposte sono tante, la soluzione è solo una.

    Via Jean Todt. Non è un auspicio, ma un dato di fatto. Via Jean Todt dalla gestione sportiva per ricominciare a guardare avanti.

    La soluzione è questa.

    L’effetto domino che ne conseguirà prevede il ritorno di Ross Brawn, molto vicino ma sempre condizionato dalla possibilità di dargli un ruolo in linea con le sue giustamente alte aspettative. Se per qualche motivo il tecnico dovesse scapparsene alla Honda, allora altre promozioni sarebbero in vista per quei ragazzi (vedi Stefano Domenicali) cresciuti proprio alla sua ombra e che già stanno occupando egregiamente la poltrona che lui ha lasciato libera.

    La rotta da seguire è data nientemeno che dal “presidentissimo” Montezemolo. A lui piacciono i grandi talenti, i piloti che fanno la differenza. Nel 1996 scommise tutto su Schumacher e riuscì a far tornare la Ferrari la squadra più vincente di sempre. Ora i due sono grandi amici e Montezemolo ha tutta l’intenzione di ripetere l’esperimento con un uomo del medesimo calibro del tedesco.

    Un uomo che non assomiglia per niente a Felipe Massa. Un uomo che sembra avere una cattiveria sconosciuta persino al velocissimo e sempre stimato Kimi Raikkonen. In finlandese, infatti, dà garanzie di vittoria, ma non sembra quel fenomeno in grado di aprire un ciclo e capace di caricarsi sulle spalle una squadra intera.

    Per questo c’è bisogno di Fernando Alonso e per questo il partito di quelli che lo vogliono prende applausi dal presidente. Per questo c’è bisogno che Jean Todt faccia altro, o meglio, che faccia quello per cui al momento è stato incaricato

    Jean Todt, infatti, è già in grado di andare va dalla gestione sportiva. Il francese è amministratore delegato Ferrai e dovrebbe dedicarsi a compiti più generali e, soprattutto, dovrebbe godersi un po’ di più la vita, lontano dallo stress delle corse e vicino alla famiglia. Dovrebbe. Lo farà?