GP Abu Dhabi F1 2015, risultati gara: trionfa Rosberg, Ferrari a podio [FOTO]

Si parte alle 14:00 a Yas Marina, Vettel chiamato alla rimonta impossibile

da , il

    GP Abu Dhabi F1 2015, la gara.Nico Rosberg corre da padrone ad Abu Dhabi e mette in fila la terza vittoria consecutiva. Ha dominato dall’inizio alla fine, senza mai dare uno spiraglio a Lewis Hamilton, buon secondo. Ha provato a differenziare la strategia, restando più a lungo in pista prima della seconda sosta, ma non ha pagato. Nico con gomme fresche ha subito messo in pista la velocità buona per ampliare il divario, da 1″ prima del pit a 11″ dopo la sosta. Lewis non ha azzardato la scelta delle gomme supermorbide, tornando sulle morbide ma con un divario troppo ampio per pensare di poter attaccare Nico. Ha recuperato costantemente nel finale, arrivando a pochi secondi, insufficienti però per la vittoria.

    La cronaca della gara

    Sul podio finisce anche un consistente Kimi Raikkonen, rapido e con tempi allineati spesso a quelli Mercedes, come dimostra il gap non esagerato dalla testa. Quarta piazza per Vettel, la rimonta massima auspicabile prima del via è andata in porto, giocando con uno stint iniziale molto lungo su gomme morbide, approfittando della strada libera davanti a sé per sfruttare le gomme gestite bene, prima di attaccare in pista un gagliardo Perez, avvantaggiandosi delle gomme supermorbide. A punti vanno anche Perez quinto, Ricciardo, Hulkenberg, Massa, Grosjean e Kvyat.

    a cura di: @fabianopolimeni

    CLASSIFICA GP ABU DHABI F1 2015

    55/55 – Nico Rosberg vince il Gran Premio di Abu Dhabi 2015! Successo meritatissimo, precede Hamilton, Raikkonen, Vettel, Perez, Ricciardo, Hulkenberg, Massa, Grosjean e Kvyat

    54/55 - Altro sorpasso di Grosjean, passa Kvyat ed è nono

    53/55 - Grosjean passa Sainz ed entra nella top ten, bel modo per congedarsi dalla Lotus. Sottolineiamo il passo da 46″3 di Raikkonen, seguito da un veloce 45″8 e il 45″7 di Vettel, Ferrari con ottima velocità e il divario di 18″ da Rosberg maturato da Kimi conferma la competitività della Rossa

    51/55 - Siamo a poche tornate dalla bandiera a scacchi, Hamilton è a 6″9 da Rosberg, gira 4 decimi più rapido. Raikkonen è terzo e marca in 45″5 un ottimo ritmo. Vettel è a 26″6 da Kimi, con 14″ di vantaggio su Perez. Nelle posizioni di rincalzo, Sainz può provare ad attaccare Kvyat, 1″ di distacco e uguale margine su Grosjean dietro

    50/55 - 5″ di penalità per Verstappen, per aver passato Button. Però ha già adesso 8″3 di vantaggio su Jenson e l’applicazione non pregiudicherà la 12ma posizione.

    49/55 - Problemi tecnici per Kvyat, che deve cedere la posizione a Massa

    classifica gp abu dhabi f1 2015 (5)

    46/55 – Grandissima resistenza di Button su Verstappen, Jenson lo porta all’esterno e Max passa fuori dai limiti della pista, non può farlo e dovrà restituire la posizione. Jenson ha stabilito le gerarchie: la vecchia guardia che si impone con le maniere forti. Duello regolare e bello, vedremo ora se Verstappen rispetterà le regole

    45/55 – Vettel attacca e passa Perez, rimonta completata, è quarto Sebastian, con 27″ di gap da Raikkonen. Gran gara comunque anche per il pilota Force India

    43/55 - Vettel si porta a 1″9 da Perez, mentre Hamilton fa 1’44″713. Vale nulla, con 11″7 di gap da Rosberg

    42/55 - Sfrutta bene la gomma supermorbida Vettel, giro record in 45″1, 4″2 da Perez. Dietro Kvyat è negli scarichi di Hulkenberg

    41/55 - Giro molto lento di Hamilton, in 47″5. Vettel deve guardarsi da Ricciardo, alle spalle. Si ferma Hamilton, monta ancora le gomme morbide

    40/55 - Cambio gomme di Vettel, passa alle supermorbide e ora dovrà passare Perez in pista

    39/55 - Ottimo passo di Perez, resiste bene a Vettel e ha 15″6 di gap.

    La cronaca della gara

    classifica gp abu dhabi f1 2015 (3)

    37/55 - Guardando la gara di Vettel, la quarta posizione al momento non è assicurata, perché ha solo 16″7 su Perez, con una fermata ancora da fare: deve arrivare a 21″ almeno. Giro record di Rosberg, 1’45″356! Raikkonen 45″352.

    35/55 - Rosberg sta legittimando la sua vittoria, girando in 45″9 contro il 46″5 di Hamilton. Ha l’occasione di differenziare la strategia, ma al momento è in perdita rispetto a Nico. Vettel marca 46″4 contro il 46″3 di Hamilton e il 45″6 di Rosberg. Raikkonen è in scia di Vettel e fa 46″1. Passa Kimi e torna terzo. Dietro, bagarre tra Grosjean, Hulkenberg e Kvuat, in 1″6 tutti e tre.

    33/55 – Pit lento per Raikkonen, un problema sulla gomma anteriore destra gli ha fatto perdere dei secondi preziosi, ma ha molto margine su Vettel. E’ rientrato in pista quarto, dietro Sebastian. Hamilton ha avuto il “permesso” di allungare lo stint per guadagnare su Rosberg, attualmente a 18″9, non bastano per stare davanti e Nico stampa 1’45″450: record

    32/55 - Hamilton spinge a tutta, T1 record per lui, deve recuperare 1″ tra giro d’entrata e d’uscita per star davanti. Difficilissimo. Rosberg intanto è tornato in pista terzo, con gomme morbide e risponde subito con un ottimo T2 nonostante la gomma ancora fredda. Hamilton ha un altro giro, non si ferma. Sosta che invece fa Raikkonen

    31/55 - Altra sosta di Bottas, che ha scontato i 5″ di penalità per unsafe release. Super giro di Vettel: 1’45″965, le gomme morbide fanno andar forte anche Perez (45″8). Attenzione davanti: 9 decimi tra Rosberg e Hamilton, che si fa sotto e vedremo se imporrà una strategia diversa rispetto a Rosberg che rientra adesso al box per la seconda sosta

    29/55 - Fermata di Sainz. Raikkonen gira costante sul 47″ basso, come Rosberg. Hamilton si è portato a 1″3 dopo i giri veloci precedenti. Vettel è un fulmine, dopo il 46″1 precedente ecco un altro 46″1. bene anche Ricciardo, sul 46″5

    28/55 – Al box Perez per la seconda sosta, e proprio ora Vettel stampa 1’46″0, è giro record in gara

    27/55 – Vettel gira come Raikkonen, sul 47″8 ma ha Ricciardo davanti, 8 decimi. Hamilton continua a guadagnare, è a 1″6: attenzione. Fermata al box di Ricciardo, via libera per Vettel, che ha 4″4 da Perez e un ritmo molto più veloce

    26/55 – Hamilton recupera terreno su Rosberg, giro record e 1″ preso a Nico: si trova a 2″3. Pit adesso di Kvyat, mentre Alonso via radio chiede di ritirare la macchina se non dovesse entrare una safety car

    25/55 – Seconda sosta di Hulkenberg.

    23/55 - Giro record di Hamilton, 46″7 per lui ma è a 4″6 da Rosberg. Raikkonen gira bene, ma perde sempre un paio di decimi a tornata, è a 5″8 da Hamilton. Vettel non ha ancora il margine su Perez per fare il pit e rientrare davanti, ha solo 11″5.

    Posizioni cristallizzate, non ci sono lotte attive, sempre 9 decimi tra il duo Grosjean-Ricciardo e Massa-Kvyat.

    Pitstop di Vettel, monta ancora gomme morbide. Rientra in pista dopo una sosta di 2″9: è sesto, davanti a Hulkenberg, ottimo perché la Force India è molto veloce sul dritto. Si è fermato anche Grosjean con Seb, è 11mo.

    La cronaca della gara

    21/55 - Ricciardo ha preso Grosjean, gira 4 decimi più veloce. Verstappen ha spiattellato le gomme in frenata e chiede di rientrare, meccanici pronti all’operazione. Sempre in scia di Massa, Kvyat, non ha lo spunto per attaccare però

    19/55 - Verstappen ha passato Sainz. Continuano davanti in parata i primi tre: Rosberg 47″0, come Hamilton, Raikkonen 47″3. Vettel con 48″2 guadagna ancora su tutti quelli alle spalle

    17/55 - E’ tornato su un buon passo Raikkonen, equivalente ai Mercedes: 47″2. Mancano solo Vettel e Grosjean alla sosta iniziale tra i primi dieci. Attualmente ci sono solo due lotte interessanti: Massa-Kvyat divisi da 7 decimi e Sainz-Verstappen separati da 9 decimi

    16/55 - Nell’ultimo giro Rosberg è tornato a fare il padrone della gara, 1’46″8 contro il 47″8 di Hamilton e il 47″7 di Raikkonen, ormai in scia a Vettel e pronto a prendersi la posizione. Vettel gira comunque più veloce dei piloti alle spalle di Kimi, per cui può puntare a una quarta posizione in prospettiva.

    14/55 - Hamilton passa Vettel, che aveva fatto un errore nel T3 in giro precedente, facendo avvicinare Lewis. Raikkonen è in assoluto il più veloce con gomme morbide, sta sul passo di 46″9, contro il 47″4 di Rosberg e 47″3 di Hamilton. Kimi deve recuperare 2″9 a Lewis.

    13/55 - Giro record di Raikkonen, 1’46″7, contro il 47″3 di Rosberg, 47″8 di Vettel. Seb ha 4″3 da Rosberg, Hamilton 1″8 da Sebastian, Raikkonen si porta a 3″2 da Hamilton.

    Massa e Kvyat si liberano di Ericsson

    12/55 - Va al pitstop Hamilton, gomme morbide e ritorna in pista alle spalle di Rosberg. 5″ di penalità inflitti a Bottas per unsafe release. Adesso abbiamo Rosberg, Vettel, Hamilton, Raikkonen, Grosjean, Perez, Ericsson, Ricciardo, Hulkenberg e Massa. Non si sono ancora fermati Vettel, Grosjean ed Ericsson nella top ten. Grosjean-Perez sono in lotta, come Ricciardo,Ericsson, Hulkenberg, Massa e Kvyat.

    10/55 - Gira benissimo Vettel, in 47″9 con gomme morbide, contro il 47″1 di Rosberg che sta volando con le supersoft e si ferma in questo giro, seguito da Raikkonen. Gomme morbide per entrambi

    9/55 - Incidente in pitlane tra Bottas e Alonso, unsafe release per la Williams, che ha danneggiato l’ala anteriore. Davanti è crollo della gomma supersoft per Raikkonen, fa 48″6 contro il 48″0 di Hamilton e il 47″1 di Rosberg. Dopo la prima tornata di pit – mancano all’appello Rosberg, Hamilton, Raikkonen, Vettel, Grosjean, Ericsson e Stevens – Bottas e Sainz hanno perso la posizione che avevano in precedenza.

    8/55 – Si alza il passo di Raikkonen, mentre Hulkenberg va ai box. Rosberg gira in 46″8, è record, rifila 8 decimi a Hamilton, ora a 3″. Pit di Sainz, molto lento però. Vettel è risalito quinto con le soste degli altri.

    Pit di Bottas, Verstappen e Button a fine giro

    classifica gp abu dhabi f1 2015

    7/55 - Si fermano in massa: Perez, Ricciardo e Massa, tutti vanno su gomme morbide. In pista abbiamo quindi Rosberg, Hamilton, Raikkonen, Hulkenberg, Sainz, Bottas, Vettel, Verstappen, Button e Grosjean nella top ten

    6/55 - Bel sorpasso di Ricciardo in fondo al primo dritto da Drs, alla fine, Hulkenberg si riprende la posizione sul secondo rettilineo ma Daniel risponde ancora in staccata ed è quinto ora. Drive through inflitto ad Alonso per aver centrato Maldonado in partenza.

    Vettel ha passato Verstappen

    5/55 – I tempi davanti sono molto ravvicinati, in 2 decimi tra il 47″2 di Rosberg il 47″3 di Hamilton e 47″4 di Raikkonen, a 3″9 dal leader. Massa sta recuperando su Ricciardo, sesto, mentre Sainz perde terreno dalla Williams e deve guardarsi da Kvyat, Bottas, Verstappen e Vettel, a 7 decimi l’uno dall’altro. Seb non ha lo spunto per passare. Intanto si ferma ora Kvyat per la prima sosta, un giro prima del previsto per quanti puntano alle tre soste

    4/55 - Ultimo giro record di Rosberg, in 46″9, contro il 47″1 di Hamilton e 47″4 di Raikkonen. La bagarre al momento è tra la settima e la 13ma posizione, tutti divisi da 1″ l’uno dall’altro

    3/55 - Vettel è in scia a Verstappen, poi avrà Bottas, Kvyat, Massa e Sainz a tiro. Felipe ora attacca e supera Sainz, in fondo al rettilineo da DRS. Carlos esce meglio in trazione verso il secondo dritto ma è all’esterno e non ce la fa. Dietro bagarre tra Bottas e Kvyat, Valtteri era passato ma Daniil in frenata lo ripassa

    2/55- Si ferma Alonso, era lui il pilota coinvolto nell’incidente con Maldonado in curva 1. Rosberg ha già margine su Hamilton. Dietro Raikkonen è in zona DRS su Lewis, mentre da segnalare l’ottimo Sainz, settimo e con tre posizioni guadagnate, mentre Bottas è sprofondato 10mo, perdendone 4. Buon primo giro anche per Hulkenberg, quinto e due posizioni guadagnate.

    1/55 – Parte il gran premio, Rosberg scatta bene e conserva la posizione, Hamilton non è impeccabile ma gira secondo in curva 1. Contatto nelle retrovie, fuori una Lotus, è Maldonado. Si va al primo intermedio con gran bagarre nella zona centrale del gruppo. Massa in lotta con Kvyat e Sainz. Davanti Rosberg, Hamilton, Raikkonenn, Perez, Hulkenberg, Ricciardo, Kvyat, Sainz, Bottas e Massa. Vettel è 13mo.

    14:00 – Via al giro di formazione del GP di Abu Dhabi!

    13:58 – Vettel partirà con gomme morbide, stessa scelta di Ericsson, Grosjean, Stevens e Merhi (che parte dai box per una modifica all’assetto nel regime di parco chiuso).

    13:55 - Cinque minuti al via del GP di Abu Dhabi. Il primo giro si preannuncia infuocato, con Hamilton che vorrà provare a passare Rosberg: in partenza e sui due lunghi rettilinei, la chance per farcela, dopodiché sarà problematico tentare una manovra

    13:49 – «Le prove del venerdì sono abbastanza inutili per decidere la strategia – per le diverse temperature -. Per noi è una gara abbastanza semplice su due soste, Kimi forse ha una situazione diversa, potrebbe fare due soste usando due set di supersoft», rivela Paul Hembery sulle strategie Ferrari

    13:46 – «L’ultima gara tutti vogliono vincere ed è impossibile controllare i piloti. Kimi è sempre un problema, la velocità delle Mercedes in questa gara è come le altre, la mia paura è per un contatto alla prima curva e vincono gli altri», commenta Niki Lauda

    13:40 - Attualmente sul tracciato si registrano 31° C, temperatura destinata a diminuire ulteriormente nel corso della gara. Ancora ai box Merhi con la Manor, ha 4 minuti per uscire e schierarsi, dopodiché sarà costretto a partire dal box.

    13:37 – Al venerdì tanti piloti, anche i Mercedes, hanno sofferto con le gomme supermorbide e il pieno di benzina. La gommatura della pista dovrebbe aver ridotto il fenomeno, ma sarà comunque un elemento da tenere in considerazione e, potenzialmente, a vantaggio della Ferrari a inizio gara.

    13:30 – Apre la pitlane, come di consueto 15 minuti per schierarsi in griglia

    Anteprima GP

    13:10 - Iniziamo a guardare alle strategie. Pirelli dà le tre soste come tattica più veloce, ma si scontra con i problemi del traffico, su una pista sulla quale è difficile superare. Quanti azzarderanno i tre pit si fermeranno al settimo giro per montare le morbide dopo un via sulle supermorbide, altra fermata al 23mo e 39mo giro, sempre per confermare le Pirelli gialle.

    Le due soste sono, invece, la strategia più accreditata: via con supersoft, pit al 10mo giro e gomme morbide, confermate al 32mo.

    La griglia di partenza

    1. Rosberg

    2. Hamilton

    3. Raikkonen

    4. Perez

    5. Ricciardo

    6. Bottas

    7. Hulkenberg

    8. Massa

    9. Kvyat

    10. Sainz

    11. Verstappen

    12. Button

    13. Maldonado

    14. Nasr

    15. Vettel

    16. Alonso

    17. Ericsson

    18. Grosjean

    19. Stevens

    20. Merhi

    12:50 - Scorrendo la griglia di partenza, c’è una penalizzazione per Romain Grosjean, arretrato di 5 posizioni per la sostituzione del cambio. Vettel guadagna una piazzola, partirà 15mo, mentre Romain prenderà il via dalla 18ma posizione in virtù dell’arretramento anche di Stevens.

    | LEGGI ANCHE – FERRARI, CHE ERRORE CON VETTEL! | QUALIFICHE, POLE DI ROSBERG. ERRORACCIO VETTEL | LIBERE 3: ROSBERG VOLA, FERRARI COMPETITIVA |FERRARI, VETTEL: “C’E’ TANTO LAVORO DA FARE” |LIBERE 2, ROSBERG VOLA SUL GIRO E SUL PASSO |

    12:45 – «Le mie partenze sono andate bene nelle prove, devo pensare però sulla lunga distanza oggi. Voglio finire bene, ci sono dei tifosi straordinari qui, voglio finire con un acuto, anche se sono su alti livelli da tanto tempo», anticipa Hamilton

    12:35 – «Non vedo l’ora di partire, non siamo in una posizione ideale di partenza, forse però finiremo molto bene, chissà. Dovremo aspettarci molti sorpassi, abbiamo una macchina forte e con un buon passo gara, dovremmo divertirci parecchio. Sarà una gara lunga, anzitutto devo concentrarmi sulla partenza e la prima curva, poi vedremo. Possiamo essere fiduciosi, la macchina è veloce sul long run», commenta Sebastian Vettel

    12:30 – Buona domenica e ben trovati, amici appassionati di Formula 1. Siamo all’ultimo appuntamento dell’anno e non poteva essere più denso di temi chiave. La lotta al vertice da un lato, la rimonta di Vettel dall’altra, gli outsider come Sergio Perez in cerca di un posto al sole e Raikkonen voglioso di mettersi in luce dopo tanto. Si parte alle 14:00, per 55 giri tutti da seguire.