Giancarlo Fisichella è alla frutta?

quale futuro per giancarlo fisichella? il pilota della renault sembra al capolinea

da , il

    Giancarlo Fisichella è alla frutta?

    Che Giancarlo Fisichella dovesse far le valigie per lasciare la sua Renault a Piquettino sembrava la cosa più scontata dell’universo prima che iniziasse la stagione

    Nella debàcle francese, però, l’unico a salvarsi – si fa per dire – era stato il pilota romano che, così facendo, sembrava essersi guadagnato una certa fiducia nel team e una sorta di riconferma.

    L’indiziato numero 1 a fare le valigie sembrava, a quel punto, Heikki Kovalainen. Il finlandese è stato autore di un avvio di stagione catastrofico, ai limiti del ridicolo.

    In particolare i primi Gran Premi sono stati per lui non solo inconsistenti dal punto di vista prestazionale, ma anche come quantità di errori commessi e mancanza di concentrazione.

    Dopo più di un anno lontano dalla bagarre, poteva starci.

    Prese le misure alle altre 21 vetture in pista, infatti, Kovalainen – nonostante non dia ancora l’impressione di essere un fenomeno – sembra andare decisamente meglio di Fisico e la situazione del pilota romano diventa piuttosto difficile.

    Si fanno questi ragionamenti perché Nelsinho Piquet non solo vuole il volante della Renault R28 ma pare persino che lo abbia già assicurato. Al 99% non andrà più in Williams e in nessun altra squadra che non sia la Renault. al 100% sarà in Formula 1 nel 2008. Seguendo l’esempio di Alonso prima e lo stesso Kovalainen poi, dopo un anno da collaudatore verrà promosso a titolare.

    La testa da mozzare, quindi, è una delle due tra Fisico e Kovalainen. Chi farà fuori Briatore? L’amico italiano o il ragazzo del futuro sul quale ha scommesso?

    Per Fisichella si è fatto anche il nome della Prodrive che, essendo a tutti gli effetti una McLaren-b, non sarebbe malaccio come soluzione. Probabilmente dare una monoposto del genere a De La Rosa e Paffett sarebbe sprecato. Ma quest’ultima ipotesi resta un sogno per Giancarlo che, dopo Monza, potrebbe fare i conti con la dura realtà.