Giancarlo Fisichella e Force India: è ufficiale

Giancarlo Fisichella e Force India: è ufficiale

da , il

    Giancarlo Fisichella e Force India: è ufficiale

    La Force India ha ufficializzato l’ingaggio di Giancarlo Fisichella. Il pilota romano afffiancherà Adrian Sutil mentre l’altro pilota italiano in lizza, Tonio Liuzzi, è stato scelto come test driver e terza guida.

    Dopo una lunga trattativa ed una sorta di scontro in pista al quale hanno preso parte anche i vari Ralf Schumacher, Christian Klien, Franck Montagny, Roldan Roddriguez e Giedo Van der Garge, a spuntarla sono stati i due italiani.

    Meglio di tutti è andata a Fisichella che era sembrato sin dall’inizio il favorito. Il suo curriculum, in effetti, parlava da solo. Con i suoi 35 anni (li compirà lunedì’ prossimo) e la sua lunga militanza in team minori e di vertice, rappresentava l’elemento d’esperienza ideale per un giovane team con delle ambizioni come la Force India.

    “Contrariamente a quello che la gente potrebbe pensare - ha commentato Fisichella in concomitanza con l’annuncio ufficiale dell’ingaggio - questa non era la mia sola opportunita’, ma la migliore: con la nuova proprietà e un budget competitivo, penso davvero che le cose possano migliorare per l’anno prossimo. Mi sento motivato e pronto ad aiutare la Force India ad entrare in zona punti regolarmente”.

    “I nostri piloti - ha spiegato il boss del team Vijay Mallya – sono un mix di velocità ed esperienza. Crediamo molto in Adrian Sutil e con Giancarlo Fisichella pensiamo di aver messo una pedina fondamentale per i nostri piani. Sono due dei migliori piloti in circolazione e anche Liuzzi lo riteniamo un professionista molto valido che saprà dare solidità allo sviluppo del progetto”.

    Se la Force India vuole davvero scrollarsi di dosso l’etichetta di Cenerentola che Midland prima e Spyker poi avevano assunto, sembra che un primo passo sia già stato fatto nella direzione giusta. Non tutti i team, infatti, possono permettersi di avere una coppia piloti di questo tipo e l’aver ingaggiato Liuzzi semplicemente per fargli fare da test driver, conferma che ai proclami stanno seguendo dei fatti.