Giancarlo Fisichella: io non pago per correre!

Giancarlo Fisichella: io non pago per correre! il pilota romano non vuole appendere il casco al chiodo e spiega di avere ancora delle offerte, smentendo che le preferenze nei suoi confronti sarebbero legate ai suoi sponsor

da , il

    Giancarlo Fisichella: io non pago per correre!

    Durante le ultime settimana c’è stata una continua altalena di notizie attorno all’accordo tra Giancarlo Fisichella e la Force India. Ancora nulla sembra deciso ma il pilota romano è intervenuto per chiarire che, comunque vada, lui non porterà soldi pur di avere il posto assicurato.

    La smentita si è resa necessaria perché, secondo alcune fonti, l’ex-pilota Renault avrebbe garantito ben 10 milioni di Euro pur accaparrarsi l’ultimo sedile di F1 rimasto disponbibile.

    L’idea di diventare un pilota con la valigia, però, non è andata giù a Fisichella che ha tenuto a precisare in modo molto chiaro come stanno veramente le cose:“Io non pago per correre, io vengo pagato per farlo!”

    “Io non porto degli sponsor con me – prosegue il proclama di Fisico - ma sono i team per i quali corro che li portano a me”. “Se avessi 10 milioni di euro – conclude l’italiano – me ne starei davanti alla TV anziché andare a correre…”

    Su quest’ultima frase possiamo anche non essere d’accordo, visto e considerato che in 12 anni di F1 avrà guadagnato ben oltre quella cifra. Ad ogni modo, il senso delle sue parole è chiaro.

    Vijay Mallya sembra che abbia indicato come data decisiva il 10 gennaio. L’accordo tra il pilota romano e gli indiani sembrava già fatto salvo poi prendere atto che la dirigenza del team aveva bisgono di altro tempo per decidere.

    L’ultimo avversario per Fisichella pare sia Roldan Rodriguez. Lui sì, in grado di portare bei soldi alla squadra. Ricordiamoci, però, che i nuovi investitori hanno sempre detto di non aver problemi economici e che avrebbero scelto i loro piloti solo per il merito.

    Ora, se alla prima occasione smentissero i loro propositi, potremmo tranquillamente smettere di guardare con curiosità ed interesse l’avventura di questo nuovo team.