Gomme o Chewing – gum?

alcuni numeri sulle gomme da motogp

da , il

    gomme gum

    E parla che si riparla, si finisce sempre lì. Le Gomme.

    Tutti ne parlano, tutti le vogliono (e buone, possibilmente!), tutti le cercano, tutto (o quasi….) dipende da loro.

    E’ di qualche giorno fa la notizia della crasi tra D’Antin e la Dunlop, le Ducati vanno anche perchè alla Bridgestone hanno fatto un buon lavoro, le Michelin continuano a macinare kilometri e vittorie…

    Perchè è cosi importante la gomma? Semplice, perchè è lo strumento di collegamento tra il pilota e l’asfalto. E tutto dev’essere studiato in modo che il pilota sia in grado, in uscita di curva, di aprire il gas una frazione di secondo prima. Che può sembrare irrilevante, ma in una competizione non lo è affatto.

    E allora, tutti a discutere, tutti a scervellarsi, tutti a fantasticare (spesso trasportando poi molte cose nella realtà) sulla diminuzione del diametro, su come variare le geometrie, aumentare l’aderenza senza perdere in manegevolezza, garantire le prestazioni per tutta la gara evitandone il decadimento dopo 10 giri e così via…

    Vi siete mai chiesti quali siano i “numeri” di una gomma da competizione? Leggiamone alcuni…

    1000: numero di pneumatici scarrozzati da Michelin sui circuiti europei di ogni MotoGP. (Lavoraccio!)

    800: numero di pneumatici utilizzati da ogni pilota nel corso di una stagione mondiale. Le gomme posteriori sono le piùdesiderate, La Michelin ne porta addirittura 20 per ognuno, con quelle davanti si “risparmia” un pò: le anteriori sono 8.

    Una gomma anteriore pesa intorno ai 5 Kg, per quella posteriore siamo sui 7 Kg.

    60° è l’angolo massimo di inclinazione di una gomma quando la pista è asciutta

    Si chiude vertiginosamente l’angolo di inclinazione quando la pista è bagnata, riducendosi a “soli” 45° .

    100 cm2 è l’area totale di contatto di una gomma anteriore e posteriore. Cioè? Immaginate la superficie di 2 carte di credito…ok, è quella!

    5 km la distanza media sopportata da una gomma da qualifica (le cosiddette gomme chewing-gum).

    100 Km, invece la distanza media percorribile senza grossi cedimenti da una gomma da gara.

    150 il numero delle componenti utilizzate nella fabbricazione di uno pneumatico.

    350km/h la velocità massima raggiunta da una motogp