GP Abu Dhabi 2017: Hamilton stuzzica Vettel. Seb: “Ferrari è cresciuta durante l’anno”

Tempo di analisi a Yas Marina. Vettel e Hamilton si trovano fianco a fianco in conferenza e guardano al campionato, le sue sfide e i momenti da ricordare

da , il

    GP Abu Dhabi 2017: Hamilton stuzzica Vettel. Seb: “Ferrari è cresciuta durante l’anno”

    Parterre de roi ad Abu Dhabi, nella conferenza stampa del giovedì. Fianco a fianco si trovano Hamilton e Vettel, che riguardano il campionato ed esprimono giudizi. Sui progressi Ferrari, innegabili, sulla consistenza Mercedes, evidente. E della necessità di alzare l’asticella in vista del prossimo anno, quando alla sfida potrebbe unirsi Red Bull. E’ reduce dalla rimonta facile di Interlagos, Lewis. Tanti sorpassi senza mai dover sudare troppo. Altra cosa è stato il confronto con Vettel, che lo ha chiamato a tirare fuori il meglio. «A Spa è stato fantastico lottare con un pilota che rispetto, dal quale non ti aspetti nessun errore: spero di avere altre gare come quella in futuro. A fine anno puoi guardare i punti deboli del tuo avversario e Seb ha quelli che abbiamo un po’ tutti. Anch’io ho degli aspetti sui quali lavorare, sono certo che alzerà ancora il livello il prossimo anno e dovrò farlo anche io», racconta Lewis. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Abu Dhabi F1 2017!

    Sebastian, invece, non perde di vista il gran lavoro e progresso compiuto dalla Ferrari tra il 2016 e il 2017, peraltro ricordato anche da Hamilton. E, in prospettiva futura, Seb dice: «Se saremo in grado di fare un progresso simile l’anno prossimo, sarà come fare una gita nel parco, anche se non è così in realtà. Il progresso è stato incredibile rispetto l’anno scorso, siamo migliorati sul telaio e sul motore in modo eccezionale, siamo stati competitivi sin da subito, vicini alla Mercedes, non abbastanza quando si è deciso tutto. Abbiamo imparato dalle lezioni ricevute e ci aiuteranno per il prossimo anno. E’ positivo avere un paio di gare per poter approcciare un inizio di programma per il prossimo anno. Tutti spingeranno al massimo in inverno, abbiamo le persone giuste e gli strumenti per crescere ancora».

    Hamilton individua nella lotta di Spa-Francorchamps il momento più alto tra i due, da ricordare. E punzecchia Seb, quando gli chiedono di ricordare il sorpasso dell’anno. Vettel dice: «Non ne hai fatti molti» e Lewis, prontamente, ribatte: «Sì, ma ricordo il paio di sorpassi che ti ho fatto». Entrambi concordi nella massima spettacolarità delle gare quando si sono corse ravvicinate. «Credo sia stata una bella stagione, ci devono essere più gare ruota a ruota, come Barcellona. Ho cercato di spingere al massimo, in tutte le gare, a Spa è stato molto intelligente a difendersi, è stato un anno molto divertente, è corretto dire che Lewis è stato il migliore e ha commesso meno errori», riconosce Sebastian.

    Macchine promosse, le 2017, aspettando le prossime con l’Halo: «Con queste macchine si può spingere molto di più, è il modo in cui abbiamo conosciuto la Formula 1 io e Lewis. Le macchine non sono mai abbastanza veloci, ma è stato grandioso e reso le gare migliori, più godibili per noi. Non so se si trasformi in un miglior risultato televisivo. E’ vero che alcune gare siano noiose, ma non serve un record a ogni gara, semrpe più sorpassi, se riesci a fare la manovra è ancor più appagante, in macchina e per chi guarda. I sorpassi devono essere un traguardo che raggiungi e non devono essere regalati. Bisogna accettare che possano essere una o due gare di fila noiose».

    Accantonato l’ennesimo mondiale, si è già ripartiti in fabbrica per programmare la sfida al prossimo anno: «Il livello è molto alto e Mercedes è stata molto competitiva, sarà durissima. Bisogna fare l’ultimo passo, è sempre il più difficile, è quello per cui siamo qui. A Maranello siamo tutti carichi a mille, abbiamo buoni progetti, alcuni si manifesteranno presto, altri richiederanno più tempo. E’ stata una battaglia testa-a-testa, un progresso enorme e traguardo enorme da raggiungere se guardiamo al livello del 2016. Abbiamo compiuto il miglior progresso, sin dai test invernali, lo sviluppo ha rappresentato un punto di forza, che ci ha permesso di restare lì in lotta. Storicamente perdevamo terreno con l’avanzare della stagione, quest’anno siamo riusciti a crescere anche se ancora c’è tanto potenziale. Due tre gare alla fine ci sono costate molto, loro sono stati molto regolari, alla fine noi non siamo stati abbastanza bravi da portare la lotta all’ultima gara. Sappiamo cosa dobbiamo fare. Le macchine avranno un aspetto diverso con l’Halo, d’altro canto è qualcosa alla quale ci abitueremo. La macchina ha un aspetto migliore adesso, si lavorerà sull’estetica in modo che siano belle».