GP Abu Dhabi F1 2014, Williams sugli scudi: Massa e Bottas sorridono

Chiude con un crescendo convincente, la Williams al Gran premio di Abu Dhabi 2014

da , il

    F1 Gran Premio Abu Dhabi 2014, il venerdi prima della gara

    Sono un po’ bugiardi i 2″6 con i quali Felipe Massa chiude il Gran premio di Abu Dhabi 2014, alle spalle di Hamilton, sul podio, davanti a Bottas. Gran corsa del brasiliano, non si discute, ma il gap è direttamente legato alla modalità-gestione-gara attivata da Hamilton.

    Le gomme supersoft nello stint finale erano la carta giusta da giocarsi per sparigliare il campo nel caso ce ne fosse stata l’opportunità, forse un giro di troppo prima della sosta, coinciso con il giro velocissimo dell’inglese. Ma va bene così, perché una Williams numericamente terza forza del mondiale, ma seconda se si guarda al piano tecnico, non l’avrebbe pronosticata nessuno a marzo.

    «Sono molto contento del risultato, oggi la vittoria era molto vicina e a un certo momento ci ho pensato. Sono contento del passo gara, tutto è funzionato alla perfezione e ha fatto vedere che quando abbiamo la macchina possiamo fare un buonissimo lavoro», dice Felipe.

    | LEGGI ANCHE: CRONACA DEL GRAN PREMIO DI ABU DHABI 2014 |

    Sul podio, tributa i giusti onori al neo-campione del mondo. «Te lo sei meritato, hai fatto un campionato incredibile, congratulazioni. E’ stata una bella corsa, non mi aspettavo di avere questo passo, eravamo leggermente più lenti delle Mercedes, ma non troppo. Sono riuscito a fare uno stint molto lungo e a un certo punto abbiamo parlato con il team per mettere le supersoft. Avrei voluto la vittoria, spero sia l’inizio per la prossima stagione», aggiunge. Ha sofferto particolarmente l’avvio di campionato Massa, quando tra errori strategici e qualche incidente di troppo, non ha avuto la regolarità di Bottas, che si prende il quarto posto nel mondiale, vera sorpresa insieme a un Ricciardo anche oggi monstre.

    | ALONSO: ALLA FERRARI SERVE STABILITA’ |

    Torna sul finale del Gran premio di Abu Dhabi 2014, Massa: «Mancavano 10 giri, ero abbastanza veloce e avevo un secondo di vantaggio, ma le gomme poi hanno degradato negli ultimi 4 giri e non avevo il passo per colmare il divario. Sono molto orgoglioso di questa squadra, di correre per la Williams, speriamo di poter fare di più l’anno prossimo».

    | ROSBERG: RIPARTIRO’ DALLA VELOCITA’ IN QUALIFICA |

    Dopo Interlagos, anche a Yas Marina sta davanti a Bottas, altro mister-partenza-orribile nella domenica finale del campionato. Ha saputo rimontare, ma avrebbe forse avuto altre chance per stare lui sul secondo gradino del podio, se fosse partito almeno normalmente. «Per questa stagione è andata decisamente bene. Un anno incredibile, come team siamo andati migliorando gara dopo gara e abbiamo visto in questa gara quanto siamo forti. E’ una curva ascendente e mi aspetto molto per la prossima stagione».

    Li aspettiamo anche noi a marzo, quando potranno contare sul gran motore Mercedes e dovranno esclusivamente lavorare sul telaio e l’aerodinamica della monoposto, per trovare quello che è mancato quest’anno.

    Fabiano Polimeni

    GP Abu Dhabi F1 2016, quante ne sai su Yas Marina? Fai il quiz!

    Domanda 1 di 10

    Nel 2010, per quale motivo Alonso anticipò la prima sosta ai box?