GP Australia F1 2008: il circuito di Melbourne

GP Australia F1 2008: il circuito di Melbourne conosciuto anche come Albert Park

da , il

    GP Australia F1 2008: il circuito di Melbourne

    5,3 Km da percorrere 58 volte per un totale di 307,57 Km e 1h e 35 minuti di gara circa. Sono queste le cifre del circuito circuito australiano dell’Albert Park che si snoda all’interno della città di Melbourne.

    Dal 1996 il GP d’Australia non si tiene più ad Adelaide ma nel tracciato cittadino ricavato dalle strade perimetrali del parco situato al centro della città.

    Come tutti i circuiti che sfruttano strade normalmente dedicate alla circolazione ordinaria, non vi è possibile effettuare test e la pista in generale si presenta particolarmente sporca ed insidiosa. L’asfalto, viscido, cambia caratteristiche con il passare dei giorni ed il depositarsi della gomma nelle traettorie.

    Per essere un tracciato cittadino la media sul giro è molto elevata. La pista è composta da alcuni allunghi (quasi mai veramente rettilinei) spezzati da curve strette e chicane alcune delle quali inserite appositamente per rallentare le vetture.

    Questa particolare configurazione ha favorito paurosi incidenti, soprattutto in fondo al rettifilo che segue la “esse” dopo il via. Nessun pilota è mai rimasto ferito ma nel 2001 ha perso la vita un commissario di percorso.

    I punti caldi, oltre a quello appena citato, sono la destra-sinistra in fondo al rettilineo che porta spesso i piloti ad “osare” troppo (finendo sull’erba nel migliore dei casi) e la Ascari, una curva a destra che chiude l’ultimo allungo e precede la parte finale, quella più guidata.

    L’evento ha sempre sollevato numerose proteste da parte degli ambientalisti. Recentemente, a minare il futuro del GP d’Australia, oltre al malcontento di una parte della popolazione di Melbourne, ci si è messo pure Bernie Ecclestone, Il patron della F1 ha più volte dimostrato scarso interesse nei confronti di questa location ed ha già minacciato l’esclusione dalla prossima stagione nel caso in cui l’organizzazione non prepari la corsa di notte, in modo da renderla visibile ad orari più agevoli agli spettatori europei.

    Ripercorriamo un giro di pista con il video da youtube della pole position di Kimi Raikkonen del 2007.