GP Australia F1 2009: live blog

Live Cronaca del Gran Premio d'Australia di Formula 1 2009

da , il

    GP Australia F1 2009: live blog

    Cronaca Live del Gran Premio d’Australia di Formula 1, prima gara del calendario 2009. Le vetture si stanno schierando sulla griglia di partenza. Prima fila tutta occupata dalle Brawn GP di Jenson Button e Rubens Barrichello. A mezz’ora dal via, nell’Albert Park di Melbourne si registra un bel sole, temperatura ambientale di 25° e dell’asfalto attorno ai 29°.

    07.55 Le vetture sono schierate. Prima fila per Button e Barrichello. Dietro le Brawn GP troviamo Vettel, Kubica, Rosberg, Massa, Raikkonen, Webber, Heidfeld e Alonso per quanto riguarda i primi 10. Hamilton è ultimo. Le Toyota partiranno dalla pit lane. Le due vetture di Ross Brawn sono tra le più pesanti mentre Robert Kubica sarà il primo a fermarsi. Dopo di lui toccherà a Massa e Raikkonen, Rosberg e Vettel. Via via tutti gli altri. Il più pesante di tutti è Nick Heidfeld.

    08.00 Inizia il giro di formazione. Solo la Ferrari e Kubica partono con gomme morbide.

    08.03. Partiti! Parte a razzo Jenson Button. Male Barrichello. Bene le Ferrari con Massa grintosissimo e Kimi Raikkonen che scalano le posizioni.

    GIRO 01. Contatto tra Barrichello, Webber e Heidfeld che vanno a coinvolgere anche Sutil e Kovalainen. Tranne il brasiliano sono tutti al box. Kovalainen si ritira.

    GIRO 02. Dopo un primo giro di grande bagarre, le posizioni si stabilizzano. Button prende il largo seguito da Vettel, Massa, Kubica, Raikkonen, Rosberg, Barrichello e Nakajima. Lo stesso Barrichello accusa dei danni alla propria vettura. Hamilton, decimo, è in rimonta con gomme morbide e poca benzina.

    GIRO 06. Hamilton supera Piquet. E’ nono. Davanti, Button e Vettel prendono il largo a suo di giri veloci.

    GIRO 08-09. Rosberg e Barrichello pressano Raikkonen che occupa la quinta posizione. I due superano il finlandese con il brasiliano che rovina l’ala anteriore ma prosegue. Entrambe le Ferrari sembrano avere problemi di gomme. Crollano i tempi. Raikkonen rientra al box assieme a Bourdais, Trulli.

    GIRO 10, Anche Kubica ha problemi di gomme e viene passato da Massa che poi rientra al box. Pit stop anche per Hamilton

    GIRO 12. Kubica ai box. La classifica aggiornata vede Button e Vettel con oltre 30 secondi di vantaggio su Rosberg, Barrichello, Nakajima, Piquet, Buemi, Fisichella, Alonso e Glock per quanto riguarda la top ten. Massa è 11° davanti a Kubica e Raikkonen.

    GIRO 16. Pit stop per Vettel e Rosberg. Problemi al fissaggio di una gomma per il tedesco che perde tempo prezioso. AL rientro in pista è superato anche da Raikkonen e piomba in 13a posizione.

    GIRO 18-19. Incidente per Nakajima. Vettura ferma con detriti sparsi per la pista. Pit stop per Barrichello che cambia l’ala anteriore, danneggiata al via. Sosta anche per Glock e Button.

    GIRO 20. Safety car in pista per l’incidente di Nakajima. Decisione forse tardiva? Ad ogni modo, tutti vanno al box per la prima sosta. Corsa neutralizzata. In vista della ripartenza, la nuova classifica è la seguente: Button, Vettel, Massa, Kubica, Raikkonen, Rosberg, Piquet, Trulli, Buemi, Barrichello, Glock, Hamilton, Alonso, Fisichella, Bourdais, Heidfeld, Sutil, Webber. Da segnalare che il pilota romano della Force India ha perso tempo prezioso durante il pit stop per non aver prontamente beccato la piazzola di sosta, forse disturbato dal sole calante.

    GIRO 24. Ripartenza. Nessun sorpasso nelle prime posizioni. Alla prima staccata, però, Piquet va in testacoda e si ferma nella sabbia. La Ferrari non riesce a sfruttare il KERS. Rosberg viene danneggiato dalla manovra del pilota Renault e finisce nono, superato da Trulli, Buemi e Barrichello.

    GIRO 31. Pit stop per Massa. E’ il primo tra quelli davanti a fare l’ultima sosta. La mossa potrebbe dare buoni frutti se nei prossimi giri dovesse entrare un’altra safety car. Altrimenti, il traffico lo danneggerà nel confronto con Kubica e Raikkonen.

    GIRO 33. Pit stop per Trulli.

    GIRO 34-36. Giri record per Kubica che, a sorpresa, dà un segnale con la sua BMW Sauber che fino a poco prima beccava un secondo al giro da Button.

    GIRO 39. Pit stop per Kubica e Raikkonen.

    GIRO 40. Glock, testacoda e poi riprende ma viene superato da Raikkonen che ora è nono. Massa è 13°, Trulli 12°. I tre, assieme a Kubica che occupa la 7a posizione, sono in attesa di sfruttare le soste di chi sta loro davanti per recuperare posizioni.

    GIRO 43. Pit stop per Hamilton che rientra davanti a Massa. Raikkonen torna nuovamente al box per un problema da verificare. (La RAI non si accorge che per il finlandese è la terza sosta e che,quindi, è evidente ci sia qualcosa che non va). Un replay mostra un’uscita di pista di Raikkonen che spiega il motivo della terza sosta dove doveva essere inizialmente cambiato il musetto mentre poi, invece, è stato deciso di lasciare quello lievemente danneggiato.

    GIRO 45. Pit stop per Vettel che al rientro in pista supera Barrichello a mantiene la seconda posizione.

    GIRO 46. Problema tecnico per Massa che rientra lento al box e si ferma. Pit stop per Button che conserva la prima posizione.

    GIRO 48.Miglior tempo per Nico Rosberg. A dieci giri dalla fine la classifica vede Button davanti a Vettel di 1”5. Dietro di loro Barrichello che deve ancora fermarsi. Poi Kubica, Alonso e Glock (anche loro due devono ancora fare la seconda sosta), Rosberg, Trulli, Hamilton, Buemi.

    GIRO 51-52. Pit stop per Glock, Barrichello e Alonso.

    GIRO 53. La classifica degli ultimi giri vede Button davanti a Vettel e Kubica. Barrichello supera Rosberg e si prende la quarta posizione. Dietro di loro sono in zona punti Trulli, Hamilton, Glock.

    GIRO 54. Rosberg in difficoltà con le gomme viene superato anche da Trulli, Hamilton e Glock.

    GIRO 55. Kubica attacca Vettel per la seconda posizione. I due si toccano e rovinano le loro vetture. Riprendono la corsa con troppa foga ma vanno fuori pista non avendo più carico all’anteriore. Entra la safety car a 3 giri dalla fine con Kubica ritirato e Vettel che prosegue a velocità lenta senza la ruota anteriore.

    GIRO 57. Dopo due giri, Vettel parcheggia sull’erba. Anche Raikkonen si ritira per un problema al differenziale. Debacle Ferrari.

    GIRO 58. La corsa termina con la safety car che rientra. Jenson Button vince il Gran Premio d’Australia 2009. E’ doppietta per la Brawn GP con Rubens Barrichello. Sul podio sale anche Jarno Trulli. Quarto è Hamilton. A punti Glock, Alonso, Rosberg (autore del giro più veloce al passaggio 48 in 1’27”706) ed il debuttante Buemi. Completano la classifica Bourdais, Sutil, Fisichella e Webber. Finale amarissimo per Kubica e Vettel che dopo essere stati grandi protagonisti chiudono la corsa a mani vuote.

    DOPOGARA. Jarno Trulli viene penalizzato di 25 secondi per sorpasso in regime di safety car. Lewis Hamilton sale sul podio e Bourdais entra in zona punti. La Toyota ha fatto sapere che presenterà appello. A seguito dell’incidente tra Vettel e Kubica, invece, il pilota Red Bull sarà retrocesso di 10 posizioni in griglia nel prossimo GP.

    GP Australia F1 2009, risultati e ordine di arrivo:

    1. Button Brawn GP (B) 1h34:15.784

    2. Barrichello Brawn GP (B) + 0.807

    3. Trulli Toyota (B) + 1.604 *

    4. Hamilton McLaren-Mercedes (B) + 2.914

    5. Glock Toyota (B) + 4.435

    6. Alonso Renault (B) + 4.879

    7. Rosberg Williams-Toyota (B) + 5.722

    8. Buemi Toro Rosso-Ferrari (B) + 6.004

    9. Bourdais Toro Rosso-Ferrari (B) + 6.298

    10. Sutil Force India-Ferrari (B) + 6.335

    11. Heidfeld BMW Sauber (B) + 7.085

    12. Fisichella Force India-Ferrari (B) + 7.374

    13. Webber Red Bull-Renault (B) + 1 lap

    14. Vettel Red Bull-Renault (B) + 2 laps

    15. Kubica BMW Sauber (B) + 3 laps

    16. Raikkonen Ferrari (B) + 3 laps

    Giro più veloce: Rosberg, 1:27.706

    Ritirati

    Massa Ferrari (B) 46

    Piquet Renault (B) 25

    Nakajima Williams-Toyota (B) 18

    Kovalainen McLaren-Mercedes (B) 1

    * = penalizzato di 25 secondi