GP Australia F1 2012: vince Button davanti a Vettel e Hamilton, Ferrari 5a con Alonso

Formula 1: cronaca e commenti del Gran Premio d'Australia di F1 2012

da , il

    Jenson Button - Gp australia f1 2012

    E’ Jenson Button il vincitore del Gran Premio d’Australia, gara inaugurale della Formula 1 2012. Il pilota McLaren supera il poleman Lewis Hamilton alla partenza e poi controlla con autorevolezza la gara nonostante una rischiosa safety car a meno di venti giri dalla fine gli faccia trovare Sebastian Vettel nei tubi di scarico. Il campione del mondo in carica non riesce a tenere il passo dell’inglese ma porta la sua Red Bull al secondo posto davanti al già citato Hamilton ed al compagno di squadra Mark Webber. La Ferrari migliora leggermente, soprattutto con serbatoio carico. Fernando Alonso chiude quinto ma in grande affanno. A punti anche , Kobayashi, Raikkonen, Perez, Ricciardo e Di Resta. Ritiri per Schumacher, Massa e Grosjean. Clamoroso all’ultimo giro: escono di scena Maldonado, Grosjean e Vergne per incidenti mentre erano in zona punti.

    PARTENZA. Hamilton è in pole position. Al suo fianco c’è Button. Dietro le due McLaren troviamo Grosjean, Schumacher, Webber, Vettel e Rosberg. Alonso è dodicesimo. Raikkonen 17°. Gomme Pirelli a mescola morbida per tutti i top driver. Partenza regolare per quanto riguarda le prime posizioni. Button scavalca Hamilton alla prima curva. Al termine del primo giro, dietro alle due McLaren troviamo Schumacher, Rosberg, Vettel, Grosjean, Maldonado, Alonso, Webber e Massa. Senna e Ricciardo si toccano e sono costretti ad effettuare un primo pit stop.

    GIRO 02. Contatto tra Grosjean e Maldonado. Il francese è fuori con la sospensione anteriore sinistra rotta. Ne approfitta Alonso che supera entrambi.

    GIRO 05. Fuoripista di Maldonado che viene superato da Massa e Webber.

    GIRO 10. Maldonado si riprende la posizione su Massa. Il pilota Ferrari gira in tempi alti. Per lui problemi di usura alle gomme posteriori.

    GIRO 11. Schumacher arriva lungo alla prima curva e non riesce a riprendere la gara per un danneggiamento del cambio.

    GIRO 12. Pit stop di Massa.

    GIRO 13. Pit stop di Rosberg.

    GIRO 14. Pit stop di Alonso. Lo spagnolo prosegue con gomme a mescola media. Al rientro in pista si trova davanti a Rosberg.

    GIRO 15. Pit stop di Webber. Gomme media anche per l’australiano.

    GIRO 16. Pit stop di Button e Vettel. L’inglese sceglie gomme medie.

    GIRO 17. Pit stop di Hamilton che monta gomme medie.

    GIRO 20. Pit stop di Raikkonen. Il finlandese ha effettuato una grande rimonta. Con tutti i big che hanno effettuato la prima sosta, la classifica vede Button al comando con un vantaggio di 10 secondi su Hamilton seguito da Vettel, Alonso, Rosberg, Webber, Maldonado, Massa, Raikkonen e Kobayashi.

    GIRO 26. Raikkonen e Kobayashi superano Massa. Il brasiliano è nuovamente alle prese con problemi di bilanciamento.

    GIRO 29. Secondo pit stop di Massa. Il brasiliano passa alle gomme medie.

    GIRO 32. Secondo pit stop di Rosberg. Gomme medie per lui.

    GIRO 35. Secondo pit stop di Alonso che prosegue con gomme medie.

    GIRO 37. Secondo pit stop combinato per Button e Hamilton che confermano gomme medie. La Caterham di Petrov si ferma in pista ed i commissari sono costretti a far uscire la Safety Car. Ce n’era proprio bisogno? Del regalo ne approfittano Vettel e Webber che fanno in tempo ad effettuare il cambio gomme ed a ritrovarsi davanti rispettivamente ad Hamilton e Alonso nonostante questi avessero già fatto il loro pit stop pochi minuti prima. Alla ripartenza, quindi, la classifica vede Button seguito da Vettel, Hamilton, Webber, Alonso, Maldonado, Perez, Rosberg, Raikkonen e Kobayashi. Da notare che la ripartenza tarda ad arrivare solo perché si deve attendere che i piloti doppiati riescano a sdoppiarsi. Forse la FIA deve rivedere qualcosa su questo fronte.

    GIRO 42. La Safety Car entra in pit lane. La gara riprende.

    GIRO 48. Contatto tra Senna e Massa. Il pilota Williams effettua un pit stop e riparte. Il ferrarista è costretto al ritiro.

    GIRO 58. Maldonado perde il controllo della sua Williams e sbatte contro le barriere. E’ out quando si trovava in sesta posizione. A poche curve dal traguardo anche Rosberg e Vergne hanno dei problemi ed escono dalla zona punti a favore di Ricciardo e Di Resta che ringraziano. Il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi è Jenson Button con un vantaggio di 2 secondi su Vettel e 4 su Hamilton. A punti anche Webber, Alonso, Kobayashi, Raikkonen, Perez, Ricciardo e Di Resta.

    GP Australia F1 2012: ordine di arrivo

    1. Button McLaren-Mercedes 1h34:09.565

    2. Vettel Red Bull-Renault + 2.100

    3. Hamilton McLaren-Mercedes + 4.000

    4. Webber Red Bull-Renault + 4.500

    5. Alonso Ferrari + 21.500

    6. Kobayashi Sauber-Ferrari + 36.700

    7. Raikkonen Lotus-Renault + 38.000

    8. Perez Sauber-Ferrari + 39.400

    9. Ricciardo Toro Rosso-Ferrari + 39.500

    10. Di Resta Force India-Mercedes + 39.700

    11. Vergne Toro Rosso-Ferrari + 39.800

    12. Rosberg Mercedes + 57.600

    13. Maldonado Williams-Renault + 1 lap

    14. Glock Marussia-Cosworth + 1 lap

    15. Pic Marussia-Cosworth + 2 laps

    16. Senna Williams-Renault + 4 laps

    Giro veloce: Button, 1:29.187

    Ritirati:

    Massa Ferrari 47

    Kovalainen Caterham-Renault 42

    Petrov Caterham-Renault 37

    Schumacher Mercedes 11

    Grosjean Lotus-Renault 2

    Hulkenberg Force India-Mercedes 1

    Karthikeyan HRT-Cosworth 1

    De la Rosa HRT-Cosworth 1