GP Australia F1 2014, anteprima: tanta trazione e Melbourne è amica [FOTO e VIDEO]

Il Gran Premio d'Australia 2014 inaugura il mondiale di Formula 1, quello del ritorno ai motori turbo

da , il

    GP Australia F1 2014, anteprima Pirelli

    Melbourne, GP d’Australia. Si parte da qui, il mondiale di Formula 1 parte da qui. L’Albert Park terrà a battesimo la stagione delle rivoluzioni, quella tecnica dell’era turbo e quella dei rapporti di forza in pista, come sussurrato dalle prove invernali. I test sono già passato, ingombrante per alcuni – leggi Red Bull, Renault, Lotus – trovati con i compiti a casa non fatti o fatti male, mentre per altri rappresentano un biglietto da visita pesante. Da venerdì si dovranno svelare le prime carte e scopriremo il vero potenziale della Mercedes, ma anche della F14 T, chiamata a soddisfare Alonso e Raikkonen, sperando che i due soddisfino le aspettative del popolo Ferrari.

    Capiremo quale può essere l’outsider delle prime gare, con una Williams da tenere d’occhio. Dopo tanti anni, per la prima volta non staremo troppo a parlare di gomme, mescole, carcasse, degrado e difficoltà a mandarle in temperatura. Pirelli arriva in Australia con una gamma di prodotti conservativi, dalle caratteristiche differenti ma in grado di assicurare prestazioni non troppo distanti dal 2013, annus horribilis per il gommista milanese.

    Il problema principale a Melbourne sarà un asfalto green, privo di gommatura fino alla giornata di domenica, quindi con un progressivo e continuo miglioramento che dovrebbe ridurre i fenomeni di graining in gara. Lo scorso anno Raikkonen vinse con una strategia a due soste, ma si correva con gomme molto più morbide (supersoft e soft medie; ndr). Quest’anno dovrebbero essere alla portata di tutti.

    Sarà partita da giocare anche (se non soprattutto) sull’affidabilità. Il motore turbo, d’accordo, ma non solo. Il Gran Premio d’Australia 2014 metterà a dura prova anche l’impianto frenante, con 8 staccate – sei delle quali davvero impegnative, e punte di decelerazione di 5G – oltre l’incognita dell’adattamento dei piloti al brake-by-wire.

    Il giro di pista

    gp australia 2014 mappa circuito melbourne, albert park

    In fondo al dritto, primo tratto dedicato all’azionamento dell’ala mobile, è subito una staccatona per inserire la monoposto nella veloce S, poi giù in accelerazione e occhio ai pattinamenti di potenza, con la coppia esuberante dei V6 da gestire e tenere a bada: traversi garantiti, almeno al venerdì, complice la scarsa gommatura. Secondo allungo e seconda porzione per usare il DRS, quest’anno con un’apertura di 65 millimetri. Si arriva alla frenata della curva tre, dove tentar fortuna e sorpasso: destra e subito cambio di direzione a sinistra, inserendo le marce in successione, per affrontare il curvone 5 che porta al primo intertempo. Ancora una frenata decisa, dentro la monoposto nella destra di curva 6 e nuovamente a richiedere massima trazione per proiettarsi verso la chicane prima del rettilineo-piega che costeggia il lago. E’ il tratto con la variante sinistra-destra dove serve tanto equilibrio aerodinamico e carico, per poi proseguire in pieno fino alla curva 13.

    Altro punto dove aggrapparsi forte al pedale del freno, due curve a 90 gradi in sequenza che portano al lento tornantino prima dell’ultima curva, con il sottosterzo prevedibilmente a disturbare le macchine meno bilanciate. Ultima curva in accelerazione, si sfrutta tutto il cordolo e la speranza sarà quella di aver staccato la pole. Per il record del giro più veloce, meglio mettersi l’anima in pace: è targato MSC, anno di grazia 2004.

    L’Albert Park richiede un assetto da medio-alto carico, per assicurare aderenza nel T2 e stabilità in frenata. L’equilibrio in staccata e una trazione elevata, sono gli elementi che premiano più di altri sui 5 mila e 300 metri del tracciato australiano.

    Chi ne avrà di più?

    Riparte il Fanta F1 di Derapate!

    Gp Valencia 2012, la gara

    Eccoci di nuovo a parlare del FantaF1. Il tradizionale gioco on line di Derapate.it riparte con la nuova stagione di Formula 1. Se pensi di poter indovinare chi otterrà la pole e i primi otto classificati di ogni Gran Premio, allora non perdere tempo: iscriversi è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!

    Ferrari, test F1 2014 in Bahrain