GP Australia F1 2016, Hamilton non si fida della Ferrari

GP Australia F1 2016, Hamilton non si fida della Ferrari

La SF16-H fa paura e Rosberg avvisa delle difficoltà legate al divieto di comunicazioni via radio

da in Circuito Melbourne F1, Formula 1 2017, GP Australia F1, Lewis Hamilton, News F1
Ultimo aggiornamento:
    GP Australia F1 2016, Hamilton non si fida della Ferrari

    La logica vorrebbe che fossero ancora davanti, quelli da battere. Mercedes si prepara al Gran Premio d’Australia 2016 con i galloni di favorita, perché se è vero che la Ferrari può aver migliorato, non v’è motivo per credere che a Stoccarda se ne siano stati fermi a guardare. Ma Lewis Hamilton non si fida, guarda con sospetto alla Rossa: «Hanno un asso nella manica, credo che saranno molto più vicini di quanto non dicano. Arrivano senza proclami ma potrebbero ripartire su alti livelli», dichiara in conferenza stampa.
    C’è curiosità intorno al campione del mondo, soprattutto per scoprire come si comporterà in qualifica. I tentativi di giro veloce a Barcellona non lo hanno soddisfatto, vedremo se l’abbinata W07 Hybrid-gomme supermorbide restituirà il sorriso a Lewis, dietro di parecchi decimi nei test sul giro singolo. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara della Formula 1 2016 da Melbourne!

    Guarda al programma dei test, incredibile, con 800 km al giorno coperti da lui e Rosberg, utilizzando unicamente gomme medie, se non qualche sporadico passaggio con le gomme morbide. Non sarebbe stato meglio avere un quadro più completo, sperimentare il comportamento della macchina anche da scarica e con mescole diverse? «Assolutamente. E’ chiaro che i giri veloci sono quelli più divertenti, mentre i long run sono piuttosto… lunghi e meno emozionanti. Abbiamo fatto però quel che dovevamo e raggiunto l’obiettivo degli 800 km al giorno nei test. Non pensavamo li avremmo fatti, per cui, forse, con il senno di poi, avremmo modificato il nostro programma, ma a fine giornata tutto è andato secondo i piani».

    Dall’altro lato del box c’è un Rosberg più che mai carico, al tempo stesso consapevole anche lui della minaccia Ferrari, come la definisce. «Erano estremamente vicini al nostro passo nei test e li prendiamo molto seriamente in considerazione.

    Dobbiamo stare attenti, ci aspettiamo una battaglia, di per sé anche positiva fintanto che non ci sarà nessuno davanti a me».
    Parla anche delle restrizioni sul fronte delle comunicazioni radio, che «renderanno tutto molto più impegnativo. Noi piloti beneficiamo della strategia ed è lì che puoi perdere il risultato, perché non potrai guidare secondo le indicazioni degli strateghi, ma sulla base di quanto hai programmato prima della gara».

    | LEGGI ANCHE: VETTEL, SIAMO VICINI ALLE MERCEDES | I SOPRANNOMI DATI DA VETTEL ALLE MONOPOSTO | GLI ORARI DEL GRAN PREMIO D’AUSTRALIA 2016 |

    Un taglio radicale alle istruzioni che potranno essere impartite dai box, limitate a poche eccezioni legate a rotture imminenti e definitive, mentre non si potranno avere riscontri sulla strategia degli altri piloti, l’uso delle gomme, la durata dello stint, figurarsi l’adozione di specifiche impostazioni per la power unit. In qualifica, inoltre, stop alle informazioni sullo spazio disponibile davanti a sé e su chi segue, per crearsi un giro pulito: «Gli ingegneri sanno che c’è una macchina lenta che sarà davanti se rientro ai box nel giro deciso nella strategia, perciò mi terrebbero fuori un giro in più, ma con le nuove disposizioni dovrò rientrare in quell’esatto giro perché non saprò che quel pilota è in quella posizione, così le mie gomme si rovineranno».

    646

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Melbourne F1Formula 1 2017GP Australia F1Lewis HamiltonNews F1
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI