GP Australia F1 2017, Vettel: “Niente aspettative, speriamo di essere con i primi”

A Melbourne, in conferenza stampa, Hamilton rilancia: «Ferrari favorita»

da , il

    GP Australia F1 2017, Vettel: “Niente aspettative, speriamo di essere con i primi”

    Alonso e Ricciardo, ma soprattutto Vettel e Hamilton. La prima conferenza stampa piloti, al Gran Premio d’Australia 2017, ha un parterre de roi. Aspettative diverse sul mondiale di Formula 1 a un passo dal via. E le sensazioni avute nei test saranno sostituite, già dalle prove libere 1 a Melbourne, da un quadro vero e senza possibilità di sfuggire al cronometro. Con le nuove regole, arrivano impressioni buone da far dire: «La sensazione è che sia la macchina più veloce mai guidata, ma al momento non sappiamo come siamo messi», spiega Vettel. Dalla Ferrari SF70H è attesa la conferma dello stato di salute mostrato a Barcellona. L’Albert Park è una pista completamente diversa e andrà scoperto il comportamento del nuovo progetto

    «Siamo curiosi, aspettiamo sabato e domenica. Lo scorso anno molte cose non sono andate bene, ora siamo concentrati su noi stessi. Abbiamo lavorato in fabbrica come nei test, dove i tempi non contano tantissimo. Siamo soddisfatti: tanti chilometri fatti e buone risposte ottenute», ha aggiunto.

    Va professata ancora cautela, finché non avremo in mano la prima griglia di partenza, con i tempi delle qualifiche. Sebastian conferma come si sia lavorato per migliorare in ogni area ed “esercizio”, le qualifiche da tempo rappresentano un tabù per chiunque non abbia una Mercedes. Poter lottare per la pole e la prima fila è essenziale per impostare un certo tipo di gara. «Credo che non ci sia nulla di certo. Abbiamo lavoro da fare davanti a noi e la macchina sembra funzionare. Abbiamo fatto parecchi giri, per cui possiamo esserne contenti, ma non abbiamo certezze. Non si può dare niente per scontato, l’anno è lungo e siamo solo a marzo. Non so cosa si aspetti da noi chi sta all’esterno del team: ma noi, come squadra, in questo momento non abbiamo nessuna aspettativa. Speriamo di essere coi primi, questo è il nostro obiettivo e per arrivarci bisogna lavorare molto. Ci concentreremo su ogni singolo passo avanti e continueremo a spingere».

    Figurarsi, poi, a parlare di lotta per il mondiale, oggi. «Siamo a marzo, dovreste chiedermelo a ottobre e novembre, ma se guardiamo alle prestazioni sicuramente ci aspettavamo un grosso passo avanti e lo abbiamo anche sentito in pista». Senza aspettative, scoprire “sulla strada” il valore della Ferrari nel confronto con Mercedes, anzitutto.

    Hamilton: Ferrari da battere

    E chi individua la Rossa come favorita principale a Melbourne è Lewis Hamilton. «La Ferrari al momento è la più veloce, sono assolutamente i favoriti. Nei test hanno avuto una velocità fantastica, sono stati i più rapidi e non siamo riusciti a seguirli. Quando andremo in pista sarà interessante come siamo usciti dai test, cosa abbiamo appreso e come abbiamo integrato nella macchina queste conoscenze». L’incertezza di scoprire le carte e i valori in campo si abbina alla curiosità su Red Bull. Lewis “impaziente”, «sono molto molto curioso di scoprire cosa porterà Red Bull, visto che rispetto alla Ferrari sono stati piuttosto indietro nei test. Non li ho visti introdurre tanti aggiornamenti, per cui presumo lo faranno qui e sono impaziente».

    L’auspicio di tutti è che la lotta per la vittoria sia più animata e veda tre team e sei piloti con possibilità di alternarsi in testa. «Avere più squadre e piloti in battaglia è l’essenza delle corse. Più lotte ci sono e più soddisfazione c’è quando vinci. Mi sono preparato per affrontare la sfida ed essere in battaglia», ha aggiunto Hamilton, favorevole a rimescolamenti più frequenti, «dovrebbero fare più cambiamenti perché spesso può esserci il dominio di un certo team e a volte è difficile da riprendere. Apportare modifiche mette pepe, non ho mai visto i tifosi così emozionanti per l’avvio di un campionato, perché non sappiamo dove si trova ogni squadra rispetto all’altra».