GP Australia F1, verso la gara tante icognite ed una sola certezza: Lewis Hamilton

GP Australia F1, verso la gara tante icognite ed una sola certezza: Lewis Hamilton

da , il

    GP Australia F1, verso la gara tante icognite ed una sola certezza: Lewis Hamilton

    Chi può dividere Lewis Hamilton dal gradino alto del GP d’Australia 2008? Uno, nessuno, centomila fattori ruotano attorno alla prima gara della stagione rendendola decisamente imprevedibile. Tale per tutti tranne che per un manico del genere.

    C’è da vedere cosa accadrà in partenza, c’è da capire la tenuta delle gomme extramorbide sotto il sole di Melbourne e c’è da scoprire quanto sarà facile/difficile portare al termine una corsa senza commettere errori di guida adesso che le macchine vanno guidate per davvero.

    Gli errori di guida ne abbiamo visti molti già nelle prove libere. Un calo di concentrazione adesso costa molto più caro che in passato e alcune vie di fuga all’Albert Park somigliano molto a delle sabbie mobili.

    Le gomme soffriranno meno graining col passare dei giri e potrebbero beneficiare di temperature più basse rispetto al venerdì.

    Quanto alla partenza, c’è curiosità attorno al chiaccherato fenomenale sistema della McLaren. Vista la scarsa esperienza e l’obbligo di mantenere la mappatura usata al via per i primi 90 secondi di gara, inoltre, è possibile che ci siano belle/brutte sorprese un po’ per tutti.

    Ripeto, l’impressione è che questi aspetti brevemente elencati, se creeranno disagi ai più, non intaccheranno Hamilton. Lo splendido ragazzo di Ron Dennis ha la forza e la tranquillità per volare al di sopra degli imprevisti facendoli sembrare roba piccola ed insignificante come solo i grandi sanno fare.

    Robert Kubica sembra più leggero degli immediati inseguitori. Questo potrebbe garantire a Kovalainen un facile secondo posto finale a meno che la Ferrari non riesca a tirare fuori dal cilindro qualche contromossa in grado di raddrizzare un weekend dalle tinte scure.

    Se le sensazioni della vigilia saranno confermate, Felipe Massa lotterà proprio con i due della BMW Sauber in un duello dall’esito tutt’altro che scontato. Il discorso podio, quindi, è presto chiuso a questi cinque nomi. Più dietro la bagarre sembra incandescente e azzardare pronostici è quantomai velleitario. La Toyota potrebbe calare alla distanza ma beneficare di qualche ritiro di avversari come Williams e Red Bull. Tra gli osservati speciali non si possono non fare i nomi di Vettel, Alonso e Nakajima.

    Dal punto di vista dello spettacolo puro, invece, in una corsa sicuramente più movimentata che nelle passate edizioni, il protagonista designato è Kimi Raikkonen. Il finlandese è chiamato ad una rimonta impossibile che difficilmente potrà concludersi con un bottino consistente di punti.