GP Australia F1: Vettel non molla l’osso

Di nuovo Red Bull

da , il

    Trionfo della Red Bull sul circuito australiano di Albert Park, a Melbourne. Sebastian Vettel ha messo a segno la seconda pole stagionale e, dietro di lui, si è piazzato il compagno di squadra Mark Webber, risvegliatosi dopo una prestazione non particolarmente brillante in Bahrain. In ripresa anche Jenson Button, che partirà dalla seconda fila accanto a Fernando Alonso (terzo) e davanti all’altro ferrarista, Felipe Massa. Le Mercedes di Rosberg e Schumacher partiranno in sesta e settima posizione, con il 7 volte campione del mondo sempre dietro al compagno di squadra. Perdono invece terreno le Renault di Kubica e Petrov, che nelle libere del venerdì si erano distinte portando un po’ di scompiglio all’interno dei team favoriti.

    SEBASTIAN VETTEL. Il pilota della Red Bull aveva iniziato con il piede sbagliato nelle libere del venerdì. Quinto al mattino e sedicesimo nel pomeriggio, Vettel era finito fuori pista alla fine della seconda sessione, ma si era comunque dichiarato molto soddisfatto della sua monoposto. Oggi, è arrivato il riscatto e la pole position. “Un gran risultato per il team! Mark corre in casa qui, ma del resto in Germania l’anno scorso la pole era stata sua” ha commentato il pilota tedesco ironizzando sul secondo posto del compagno di squadra. “Abbiamo fatto degli ottimi progressi con la monoposto e non vedo l’ora di correre domani”.

    MARK WEBBER. Il venerdì del pilota australiano era iniziato meglio di quello del compagno di squadra. Webber era infatti balzato dalla quattordicesima alla terza posizione nelle libere2. In gara partirà dalla prima fila, anche se non nasconde un po’ di rammarico per aver mancato la pole proprio nell’appuntamento di casa. “Sebastian ha fatto un ottimo lavoro, ma anche il secondo posto è un buon risultato e ci sono tutte e due le monoposto schierate in cima alla griglia. Domani spero in una gara asciutta altrimenti il tracciato potrebbe essere insidioso con i continui sbalzi di tempo”.

    JENSON BUTTON. Leggermente in discesa, rispetto alla sua performance nelle libere 1 e 2, il pilota di McLaren, che ha messo a segno il quarto miglior tempo, mente il compagno di squadra Lewis Hamilton, protagonista nella giornata di venerdì, partirà undicesimo.Ieri siamo andati decisamente alla grande, mentre questa mattina la macchina non è andata proprio come ci aspettavamo” ha dichiarato il campione in carica. “Abbiamo perso aderenza e le vetture davanti a noi erano più potenti. Nonostante tutto, in qualifica sono andato bene, e il feeling con la MP4-25 era buono, tranne che nella parte finale delle Q3. Non so cosa sia successo, ma non c’era lo stesso bilanciamento delle prime due sessioni. L’importante è che, rispetto al weekend in Bahrain, siamo migliorati molto”.