GP Australia F1, voci fuori dal podio

GP Australia F1, voci fuori dal podio per i piloti protagonisti della corsa che però non sono riuscito ad entrare tra i primi 3 come alonso, kovalainen sfortunatissimo, barrichello e le ferrari

da , il

    GP Australia F1, voci fuori dal podio

    Si sono salvati in pochi. Tra esclusi, ritirati e incidentati sono solo 6 le vetture giunte al traguardo nel GP d’Australia 2008. Tra queste, oltre alle tre salite sul podio, c’è un Alonso che capitalizza al massimo le situazioni venutesi a creare, un Kovalainen sfortunato ed un Nakajima che è stato costretto a tornare per ben due volte al box a farsi risistemare la carrozzeria.

    Fernando Alonso:“E’ stata una gara molto strana con molti sorpassi, incidenti e problemi meccanici per molti piloti. Siamo stati in grado di sfruttare al massimo le opportunita’ che si sono presentate oggi e abbiamo concluso il primo Gran Premio con un buon risultato, che da a tutto il team un’iniezione di fiducia per il resto della stagione. Comunque, dobbiamo continuare a lavorare per migliorare il nostro livello di performance in qualifica e il nostro passo in gara, ma il risultato di oggi e’ molto importante per noi”.

    Heikki Kovalainen:“Ovviamente la mia competitivita’ e’ stata migliore di quanto mostra il risultato. Sfortunatamente l’ultima safety car mi ha impedito di arrivare secondo. La mia partenza e’ stata OK ma durante il primo stint ho avuto un po’ di graining alle gomme, ma non sono stato condizionato troppo. Ho cercato di passare Fernando ma quando ho strappato una visiera sul rettilineo principale ho premuto per sbaglio il tasto del limitatore e Fernando e’ riuscito a ripassarmi”.

    Rubens Barrichello:?Nonostante il risultato finale della gara sia deludente, sono molto soddisfatto della mia prestazione e che siamo riusciti a sfruttare la macchina al massimo. È stata una gara davvero strana nella quale, dopo il primo pitstop, ho inoltre perso il controllo degli ammortizzatori anteriori, con conseguenti maggiori difficolta’ fino all?arrivo”.

    Kazuki Nakajima:“Arrivare fino alla fine e’ stato grande per me ed ancora piu’ bello conquistare dei punti. In partenza una macchina e’ andata lunga davanti a me non sono riuscito ad evitarla e cosi’ ho danneggiato il mio alettone anteriore. Poi con i diversi momenti in regime di safety car il team ha fatto un ottimo lavoro con la mia strategia e mi ha permesso di andare a punti. Verso la fine della gara, ho avuto un altro incidente, ma alla fine ce l’ho fatta.”

    Sebastien Bourdais:?Non e’ la prima volta che mi capita un momento di delusione e non sara’ neanche l?ultima. Quello che conta veramente e’ che la squadra ha lavorato veramente bene, reagendo molto velocemente e chiamandomi, ad esempio, per rifornire non appena la corsia box e’ stata aperta, dopo la seconda safety-car. E? stata una mossa perfetta, una chiamata provvidenziale. A partire da quel momento, avevo benzina per finire la gara mentre altri davanti a me dovevano ancora fermarsi per rifornire”.

    Robert Kubica:“La mia gara e’ andata abbastanza bene all’inizio: ero su una strategia simile a Nick ed ho mantenuto un buon ritmo. Poi la mia strategia e’ stata cambiata e la cosa non ha pagato: sono rimasto dietro Bourdais, perdendo molto tempo. Avevo ancora un’occasione di segnare punti ma alla fine del terzo periodo in pista della Safety Car Nakajima mi e’ venuto addosso ed ho dovuto fermarmi”.

    Timo Glock:?Alla partenza mi sono toccato con altre due vetture, e anche se il serbatoio era carico di carburante siamo stati in grado di recuperare terreno nella fase iniziale della gara. Dopo il pit stop ho iniziato a trovare difficolta’ nella guida, e la mia gara e’ finita con l’incidente. Fisicamente sto bene, ma la delusione e’ tanta.?

    Nelson Piquet:“Ho fatto una buona partenza e sono riuscito a guadagnare qualche posizione durante il primo giro, piuttosto caotico. Sfortunatamente sono stato colpito in partenza e la mia vettura e’ stata danneggiata quindi non sono riuscito a concludere il mio primo Gran Premio”.

    Jarno Trulli:?La batteria era troppo calda gia’ all’inizio della gara, e quando mi sono fermato per il pit stop ha ceduto definitivamente. È un peccato, perché la vettura era a posto e stavo facendo una buona gara, mantenendo senza difficolta’ la posizione che ci avrebbe fatto iniziare l’anno andando a punti, che purtroppo invece abbiamo perso.”

    Sebastian Vettel:“I miei problemi sono cominciati fin dal via quando mi si e? spento il motore. Non potevo farci nulla: non e’ dipeso assolutamente da un mio errore. Questo ha fatto si’ che ho perso qualche posizione e quando sono arrivato alla prima curva avevo Kimi al mio fianco a sinistra e Jenson a destra. Ho provato a stare piu’ vicino che potevo a Kimi per lasciare abbastanza spazio alla macchina a destra, ma quando ho voltato per inserirmi in curva, ho sentito che qualcuno mi toccava dal lato destro. Mi sono ritrovato in testacoda e nel mezzo della carambola. Sono molto deluso?.

    Giancarlo Fisichella:“Sono davvero amareggiato per aver dovuto lasciare la gara per un contatto con un altro pilota, che mi e’ entrato come un kamikaze. Il dispiacere e’ piu’ grande anche perche’ in un GP come questo saremmo potuti andare a punti”