GP Austria F1 2014, Ferrari prima degli “altri”? Ci si può fidare?

Alonso per l'ennesima volta chiude le prove libere del venerdì in terza posizione, primo tra gli "altri"

da , il

    F1 GP Austria 2014, le prove libere del venerdì

    Ok, l’abbiamo imparato. E’ venerdì e il risultato della Ferrari nelle prove libere del Gran premio d’Austria va preso con le molle. Alonso è il primo degli altri, Raikkonen uno qualunque, come dice la sua 11ma posizione. Cosa può fare la F14 T nel verde di Zeltweg? Intanto potrà portare al debutto in gara la nuova aerodinamica, quel vestito aderente e performante (?) che era stato provato in Canada per poi essere messo nel cassetto, causa troppo caldo. Ecco, augurandoci che non venga ancora cassato – perché altrimenti resterebbero le gare invernali sulla neve come ultimo scenario utile per la configurazione – potrebbe aiutare a star davanti alle Williams e prendersi finalmente una seconda fila dal lato della pole.

    Le libere al sabato confermeranno o meno gli auspici del venerdì. Certo, novità o meno, il distacco dal vertice è sempre intorno ai 9 decimi, il che significa che il guadagno prestazionale può farsi sui diretti rivali, non sui leader. Per intenderci, migliorare per star davanti a Williams e Red Bull.

    Il venerdì rosso non ha mancato di regalare problematici bilanciamenti d’assetto, e dopo aver preso le misure al mattino la situazione è migliorata nei secondi 90 minuti. «Oggi è stata una giornata particolarmente intensa, come è normale quando si torna su una pista dopo molti anni di assenza. Nonostante le instabili condizioni meteo abbiano ridotto il tempo in pista nella prima sessione, siamo comunque riusciti a completare tutto il nostro programma, che oggi prevedeva l’analisi di nuove soluzioni aerodinamiche portate per questa gara. Insieme a Fernando ci siamo concentrati su differenti prove di assetto, io sull’anteriore e lui sul posteriore, in modo da poter confrontare i dati raccolti nella seconda sessione. Nel pomeriggio il feeling con la vettura è migliorato ma per varie ragioni, tra cui la mancanza di grip, il traffico e il vento, non sono riuscito a mettere insieme un buon giro, né a migliorare nell’ultimo settore». Parola di Raikkonen.

    Si concentra sulla strategia, invece, Alonso. Il graining sulle gomme posteriori non è un buon segnale e c’è da sperare vada via con l’aumentare della temperatura, anche se non è scontato. Cosa attendersi dalla gara? Il ritmo di Fernando è buono, sempre in riferimento alla Williams e alla Red Bull, mentre i primi due posti sono già assegnati. «Dalle gomme non è arrivata nessuna sorpresa, le supersoft sembrano più veloci e certamente saranno le gomme della qualifica, ma per la gara è impossibile stabilire adesso quali saranno le strategie. Oggi è stato sempre nuvoloso ed è caduta anche qualche goccia di pioggia, ma se ci sarà sole nei prossimi giorni il comportamento degli pneumatici potrebbe cambiare. Le previsioni di bel tempo lasciano aperti i giochi e soprattutto la possibilità di regalare un bel weekend agli appassionati che già oggi hanno affollato il circuito».

    Fabiano Polimeni