GP Austria F1 2014, Massa al settimo cielo: “Spero sia l’inizio per nuove opportunità”

Torna in pole position Felipe Massa

da , il

    F1 GP Austria 2014, le prove libere del venerdì

    Loro sono stati velocissimi, era la condizione principale da realizzare nelle qualifiche del Gran premio d’Austria. Le due Williams hanno fatto il loro. L’altra variabile era legata a qualche intervento “soprannaturale” che limitasse le Mercedes. Hamilton ha sbagliato nel suo giro migliore, andando largo alla Rindt, poi un guasto prevedibilmente ai freni posteriori l’ha mandato in testacoda al secondo tentativo. Detto questo, Rosberg non ha sfruttato al meglio il potenziale della W05 ed ecco che è servita la pole di Felipe Massa. Si prende una rivincita grande così sulla Ferrari, dopo anni mediocri. Avrebbe dovuto cambiare aria prima, per se stesso e per la Rossa: ne avrebbero guadagnato entrambi.

    L’ultima volta che era partito davanti a tutti, Brasile 2008. Quel mondiale sfiorato, conquistato per pochi secondi, poi sfumato.

    Non è in grado di lottare per il titolo oggi Felipe, nemmeno per la vittoria domani a Zeltweg, ma questa pole e le prospettive di un podio sono comunque grandi obiettivi da perseguire. «Sono davvero felice, devo ringraziare il team, è un grande momento per tutti. E’ passato molto tempo dalla mia ultima pole position, in Brasile nel 2008; dobbiamo concentrarci sulla gara di domani, sarà molto difficile e importante per noi».

    Quasi ripercorre le ultime stagioni, quando dice: Essere il pole, primo, non è qualcosa che ho potuto raggiungere in molte occasioni: spero che questo sia solo l’inizio di una serie di possibilità di finire davanti a tutti. Sono molto emozionato, non solo per me, ma anche per la Williams, che ha avuto una storia incredibile e sono tornati adesso in lotta. C’è tanto da fare, siamo sulla strada giusta».

    Hanno scelto la power unit Mercedes a Groove, mossa azzeccata e supportata da una monoposto sincera e ben disegnata. «Sono sbalordita, non ci aspettavamo un risultato di questo tipo che ci ripaga del lavoro fatto. Le Mercedes finora hanno dominato, ma siamo competitivi e i ragazzi in fabbrica stanno lavorando duramente. E’ il primo risultato importante da quando ho questo ruolo, si tratta di un risultato di squadra», dice Claire Williams.

    Non c’è solo Felipe a tenere alta la bandiera della Williams Martini che tanto piace agli appassionati per quella livrea a suo modo storica. Davanti c’è Valtteri Bottas, protagonista nelle libere del mattino, in Q3 ma autore di una sbavatura nell’ultimo tentativo, che comunque non gli avrebbe assicurato la pole. «Bravo a Felipe, sono contento per il team, è un risultato molto positivo e abbiamo fatto grandi passi avanti rispetto allo scorso anno. E’ soltanto sabato, ma si intravedono i frutti del duro lavoro. Domani non sarà facile tenere le Mercedes dietro e altre macchine, Ferrari e Red Bull, saranno forti».

    Fabiano Polimeni