GP Austria F1 2015, anteprima. L’ombra di Le Mans sul Circus

Lo spettacolo della gara Endurance contrasta con la monotonia dei gran premi

da , il

    La Formula 1 arriva a Spielberg per il Gran premio d’Austria 2015 ma inevitabilmente si porta dietro l’onda lunga della 24 ore di Le Mans, vinta da Porsche, vinta da Nico Hulkenberg. Il confronto tra quella che è la presunta massima categoria dell’automobilismo e la più famosa gara di durata al mondo emerge impietoso, tanto più dopo le parole del vincitore, a sottolineare come tra un pit-stop e l’altro sia riuscito ad andare a tutta, senza curarsi troppo di particolari come il consumo di carburante e la gestione delle gomme. In effetti la 24 ore di Le Mans ha, se possibile, sollevato ancor più dubbi su quella che è l’attuale Formula 1, chiamata a rinnovarsi inseguendo una strada che la riporti vicino al pubblico, con lo spettacolo che chi va in pista si attende di vedere. Per seguire il LIVE in diretta web della gara della GP Austria F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Ferrari, attenta alla Williams

    Chi critica la complessità delle monoposto evidentemente dovrebbe guardare alla miriade di diverse soluzioni tecniche espresse a Le Mans: motori turbodiesel, benzina, diverse soluzioni di ibrido. C’è di tutto, a livelli di complessità tali da poter “rivaleggiare” con la Formula 1. Eppure dopo un centinaio di giri percorsi nella gara di durata in Francia il divario tra i primi due era grosso modo quello che in Formula 1 si ha dopo una decina di giri.

    | LEGGI ANCHE: PIRELLI SOFT E SUPERSOFT, LE STRATEGIE POSSIBILI |

    Il Gran premio d’Austria offrirà l’opportunità ai team motorizzati Mercedes di far valere la potenza delle power unit e potremmo ritrovarci ancora Nico Hulkenberg nelle posizioni buone per andare a punti. I favoriti è scontato dire chi siano, poi c’è la Ferrari, uscita da Montreal con un bottino inferiore alle attese ma anche con la consapevolezza di avere espresso con Vettel il ritmo gara buono per insidiare una delle due Mercedes, più di quanto non abbia fatto Kimi Raikkonen. Il finlandese è a sua volta chiamato a una prova di sostanza, che cancelli l’errore del Canada e dia nuovamente il contributo che ci si aspetta da lui nell’ottica del mondiale Costruttori. Però i ferraristi dovranno fare anche molta attenzione alle due Williams, lo scorso anno assolute protagoniste in qualifica con la pole position di Massa e oggi autorevoli minacce quantomeno per un arrivo a podio.

    | LEGGI ANCHE: GLI ORARI DEL GP D’AUSTRIA IN TV |

    Il giro di pista

    Il Red Bull Ring è circuito relativamente corto, appena 4300 metri che si completano in 70 secondi e poco più. Tre rettilinei svettano sull’unico complesso di curve veloci e i tornanti che li raccordano. In fondo al dritto di partenza si stacca in salita per curva uno cieca nel punto di corda, da toccare e poi far correre la monoposto sul cordolo esterno, per non penalizzare la velocità sul dritto che segue. È il rettilineo più lungo del tracciato, una continua piega a sinistra che termina con una violenta staccata dalla settima alla prima marcia, buono per approvare il sorpasso. Il tornantino Remus a destra in salita mette alla frusta quelle che sono le doti di trazione delle monoposto, uno degli elementi che possono fare la differenza sul circuito austriaco.

    | E’ RISCHIO PIOGGIA A SPIELBERG, LE PREVISIONI METEO |

    Siamo nel punto più alto di Spielberg, seguito da uno scollinamento e dalla frenata della curva Gosser, una lunga destra da affrontare contando sull’equilibrio aerodinamico e impostando il complesso di curve veloci composto da una rapida sinistra e l’ampia S Lauda chiude il settore centrale e immette nel settore conclusivo della pista. Due curve quasi a 90°, nelle quali avere un anteriore molto preciso in inserimento e un posteriore altrettanto stabile per accelerare in fretta in uscita, quella che riporta sulla dritto di partenza. Tanto motore, una motricità al top, un equilibrio aerodinamico da sfruttare nel T2, sono questi i punti chiave che una monoposto deve avere se vuole andare forte sulla Red Bull Ring.