GP Austria F1 2016, libere Mercedes. Rosberg: “Gomme determinanti, tanto graining”

Nico mette l'accento sul comportamento delle gomme sul nuovo fondo e promuove le modifiche al Red Bull Ring

da , il

    GP Austria F1 2016, libere Mercedes. Rosberg: “Gomme determinanti, tanto graining”

    Si è presentato al Red Bull Ring come l’uomo da battere nel Gran Premio d’Austria. Già lo scorso anno, Nico Rosberg aveva mostrato una velocità e un adattamento al particolare circuito di Zeltweg migliori di Hamilton, compromettendo però la qualifica con un dritto all’ultima curva. Le prove libere del venerdì lo vedono chiudere in testa, anche con una sessione tormentata dal maltempo. Impressiona la capacità di realizzare immediatamente un gran giro, subito sotto l’1’08″, con gomme supermorbide, diversamente da chi lo insegue, con le ultramorbide, accreditate di un vantaggio nell’ordine degli 8 decimi. I conti si faranno domani, tra libere 3 e qualifiche. Se si girerà sull’asciutto, la frontiera dell’1’06″ determinerà la pole. Per seguire LIVE in diretta la gara del GP Austria F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Il leader del mondiale commenta un venerdì che ha messo i piloti di fronte a due novità: l’asfalto nuovo e i dissuasori da 40 millimetri posizionati oltre i cordoli, che hanno creato non pochi problemi a Max Verstappen, con una rottura dell’ala e della sospensione anteriore destra al mattino. «Ci sono alcune modifiche al tracciato, il nuovo asfalto e i cordoli. Dal mio punto di vista sono cambiamenti interessanti e resta ancora una pista divertente sulla quale guidare. Il nuovo asfalto sembra adattarsi bene alla nostra macchina, forse anche meglio di quello vecchio, ma sarà l’utilizzo della gomma a essere un fattore determinante, visto l’elevato graining apprezzato sull’asciutto».

    Leggi anche | Libere 2: Rosberg sempre in testa, Vettel lavora sulla gara| Vettel: “Buone sensazioni”

    Con le simulazioni effettuate oggi, sembra molto molto difficile riuscire a immaginare una gara con una sola fermata ai box. Vettel ha dato un’indicazione del rapido innalzamento del passo gara con il peggiorare del graining, salvo poi tornare le gomme su tempi accettabili, pur se piuttosto lenti (sul piede dell’1’13″ contro un riferimento a gomma nuova da 1’10″ alto-1’11″).

    E’ a posto anche sul bagnato, Nico: «Ho trovato un buon bilanciamento con la macchina, sono contento complessivamente della prima giornata». Dovrà fare gli straordinari Hamilton per star davanti in qualifica, dove si gioca una fetta importante della vittoria, lui che è già al limite della penalizzazione con il quinto turbocompressore e il quinto MGU-K montati questo week end.

    «E’ stata una giornata complessa per trovare la velocità ed effettuare giri in pista. Iniziava a comporsi tutto stamane, poi la pioggia nella seconda sessione ci ha costretti ad adattare il programma. Fortunatamente, la temperatura elevata in pista ha fatto sì che si asciugasse in fretta e ho potuto girare di più con le ultrasoft prima che finisse il turno e avere il polso del bilanciamento e delle prestazioni.

    Non abbiamo sofferto alcun problema oggi, ed è positivo, c’è ancora tanto da estrarre in vista di domani».