GP Austria F1 2016, qualifiche Mercedes. Rosberg: “La penalizzazione mi costerà tanto”

Hamilton rischia e agguanta la pole, Nico arretra in quarta fila e con le gomme

da , il

    GP Austria F1 2016, qualifiche Mercedes. Rosberg: “La penalizzazione mi costerà tanto”

    E’ stata una corsa contro il tempo per riuscire ad affrontare le qualifiche del Gran Premio d’Austria, quella dei meccanici Mercedes. Nico Rosberg va a sbattere nelle libere 3, sospensione rotta, come tanti altri a Spielberg. Riesce a essere della partita e le prestazioni non mancano. La pole la strappa Hamilton, velocissimo e in grado di sfruttare la pista in evoluzione continua fino agli ultimi secondi, quelli a ridosso della bandiera a scacchi. E’ stata una Q3 con avvicendamenti in sequenza in testa alla classifica, la spunta l’inglese davanti ai due Nico: il leader del mondiale, però partirà settimo, causa sostituzione del cambio, conseguenza dell’incidente al mattino. Per seguire LIVE in diretta la gara del GP Austria F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    «Una sessione molto divertente, è iniziata e finita sull’asciutto, è incredibile quanto in fretta si asciughi la pista, tutto ciò ha aggiunto ulteriori emozioni. Con un nuovo asfalto era molto scivoloso, ma curva dopo curva si asciugava. Quel che contava era mettere l’ultimo giro insieme, anche quello precedente non era male ma sarei stato proprio dietro Ricciardo, così ho alzato il piede ed è stato un grande rischio, perché se non avessi chiuso il giro o se fosse uscita una bandiera gialla, non sarei stato in grado di prendere la pole», spiega Hamilton.

    Leggi anche | Qualifiche, la pioggia crea scompiglio: Hamilton in pole | Vettel: “Questione di fortuna”

    Deve un grande grazie al team, Nico Rosberg: «Anzitutto è stato un lavoro incredibile di tutti, anche i meccanici di Lewis si sono dedicati per cercare di mettere in pista la macchina con tempi ristretti. Le qualifiche sono state emozionanti, abbiamo potuto rimontare le gomme da asciutto. Lewis ha fatto un ottimo lavoro alla fine, il secondo posto non è il primo ma non è male, le 5 posizioni di penalizzazione mi costeranno molto ma cercherò di sfruttare la situazione al meglio». Un’analisi che dovrà tenere conto domani del comportamento delle gomme ultrasoft, destinate a durare meno di 10 giri con il gran caldo atteso. E al rientro in pista potrebbero trovare traffico le due Mercedes, tanto più Nico, al via dalla quarta fila.