GP Austria F1 2017, a Spielberg Vettel corre con gli occhi della FIA addosso

L'ammonimento della FIA che non tollererà altre manovre pericolose pesa nel confronto duro tra Seb e Hamilton

da , il

    GP Austria F1 2017, a Spielberg Vettel corre con gli occhi della FIA addosso

    Prossima tappa, Red Bull Ring. Il Gran Premio d’Austria F1 2017 appare molto più vicino a Baku di quanto non dicano le canoniche due settimane di intervallo, perché la vicenda Vettel-Hamilton ha tenuto acceso più che mai il dibattito in Formula 1 e anche la decisione finale della FIA non sarà priva di effetti. Si va in Austria con Vettel ancora leader del campionato, con il bottino dell’Azerbaijan intatto e due punti in più su Hamilton. La speranza è che il week end che ci attende possa essere ricco di colpi di scena, altre ruotate, meno frutto di reazione sconsiderata e più di pathos sportivo .

    Però la decisione della FIA rappresenta una mannaia che incombe, visto il chiarimento su come non sarà tollerata un’altra manovra di guida pericolosa da parte di Vettel. E’ per certi versi un porre limiti all’azzardo, sarebbe stato molto meglio, paradossalmente, decidere in senso netto, positivo o negativo che fosse, senza lasciare l’alea di un faro acceso sulla condotta di guida. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Austria F1 2017 con risultati e classifica!

    Meteo incerto

    Il Red Bull Ring è circuito molto corto e la tre giorni tra libere, qualifiche e gara è attesa sotto la pioggia, fattore che renderà ancor più emozionante un appuntamento in grado di offrire uno spettacolo interessante e buone opportunità di sorpasso. La variabile gomme è destinata ad avere un ruolo molto meno rilevante rispetto allo scorso anno, quando Vettel e la Ferrari provarono ad allungare lo stint il più possibile, puntando a una sola sosta, ma l’esplosione di una gomma posteriore mise fine alla corsa di Seb.

    Red Bull saprà confermarsi in casa?

    Pista da motore, nella partita tra Mercedes e Ferrari potrebbe inserirsi bene la Red Bull, che proprio a Baku ha dimostrato di aver compiuto passi avanti importanti con l’incremento delle prestazioni del motore Renault. Altro ancora arriverà a Silverstone (sviluppi sul carburante), tra poco più di una settimana, prima, però, gara tra le colline di casa, sulla pista di proprietà di Mateschitz. Verstappen ottenne un insperato secondo posto lo scorso anno, anche grazie al contatto Rosberg-Hamilton all’ultimo giro; Max ha assoluto bisogno di concludere un gran premio e farlo con un podio, per riguadagnare morale dopo tanti, troppi ritiri per cause tecniche.

    La consueta partita nella top ten vedrà i galletti Force India Perez e Ocon confrontarsi per dimostrare ciascuno la propria superiorità sul compagno di squadra, battaglia che ha portato a un risultato gettato al vento in Azerbaijan. Liberi di correre, ha detto Mallya, dovranno fare attenzione, però, a una Williams che potrà essere molto competitiva e, se Massa verrà assistito dalla fortuna, è prevedibile trovarlo in bagarre con le due VJM10. Da seguire anche Lance Stroll: continuerà la striscia positiva inaugurata in Canada o le due gare alle spalle possono considerarsi exploit irripetibili? Certo non potrà puntare al podio, tuttavia, un piazzamento nella top ten in posizione avanzata rappresenterebbe un progresso di cui tenere conto.