GP Bahrain F1 2012: Rosberg fa paura, Ferrari guardinga

Formula 1: il Gran Premio del Bahrain vedrà un Nico Rosberg grande protagonista nonostante qualifiche opache

da , il

    Gp del Bahrain 2012   rosberg

    Le qualifiche del Gran Premio del Bahrain di Formula 1 2012 si sono svolte nel segno di Sebastian Vettel e della Red Bull. La McLaren si è ritagliata un ruolo di buona antagonista mentre all’appello è mancata clamorosamente la Mercedes delle meraviglie cinesi. Schumacher ha alzato bandiera bianca per colpa di un problema al DRS. Nico Rosberg è semplicemente andato piano. Eppure è proprio il giovane tedesco ad essere indicato come il più minaccioso. Un discorso del genere non può essere fatto per Fernando Alonso che, comunque, si compiace di non essere poi esageratamente in difficoltà con la Ferrari e confida nella sua intelligenza tattica per disputare una gara da protagonista.

    Rosberg: quello che fa più paura

    Se Martin Whitmarsh della McLaren dichiara “la Red Bull si è comportata bene ma staremo a vedere domani cosa farà Nico Rosberg che è ancora molto insidioso” significa che la Mercedes fa ancora tanta paura. Il vincitore di Shanghai non si nasconde:“Mi aspettavo di fare meglio però non essere felici per un quinto posto in qualifica significa non essere messi per niente male. Oggi devo dire che abbiamo lavorato molto in ottica gara tenendo da parte un set di gomme nuove e privilegiando un assetto meno aggressivo. Sono ottimsita”. Ross Brawn conferma gli intenti bellicosi:“Siamo determinati a fare bene. Cercheremo di gestire il passo gara per domani con il degrado delle gomme che sarà un elemento chiave per molte scuderie”.

    Alonso: “Ci sarà da lottare fino alla fine”

    Nella Q2, con le gomme morbide, becca solo due decimi di distacco dal miglior tempo fatto in quel momento da Hamilton. Un ottimo segnale. Per la gara avrà la possibilità di scegliere se partire con le mescole morbide usate o quelle medie nuove che ha conservato con cura per giocare al meglio con le tattiche. “Abbiamo usato tutti i treni di gomme morbide in Q1 e Q2 - ha ricordato Fernando Alonso - per cui siamo arrivati in Q3 senza pneumatici. Abbiamo chiuso senza fare giri cronometrati così siamo nella condizione di scegliere con quali gomme partire. Questo sulla carta non è un circuito buono per noi ma devo dire che la macchina non è andata poi così male. Fino ad oggi abbiamo avuto un weekend normale per il nostro passo in questo 2012. Domani mi aspetto una gara migliore perché normalmente la gara è sempre in crescita per noi. Il degrado sarà estremo. Ci saranno tanti pit stop e tanti sorpassi. Dobbiamo gestire le gomme e forse aver messo da parte quelle a mescola media può essere un vantaggio. Ci sarà da lottare fino all’ultimo giro”.