GP Bahrain F1 2015, Ferrari. Raikkonen: “Vicini alle Mercedes? Vogliamo stare davanti!”

Ferrari sugli scudi nelle qualifiche del Gran premio del Bahrain 2015. Vettel e Raikkonen contenti della prestazione, si proiettano alla gara. Le parole dei protagonisti.

da , il

    Quattro e sei. Sono i numeri della felicità, da leggere in decimi. Vettel e Raikkonen. Prima e seconda fila nelle qualifiche del Gran premio del Bahrain 2015. Si partirà da qui, domani, in gara, per costruire qualcosa di importante, che significa vittoria. Attenzione allo spegnimento dei semafori, perché in teoria c’è chi ha la piazzola pulita e gommata, anche se conterà nulla in caso di forte vento, come da previsioni.

    Danno la zampata nel momento chiave i ferraristi, dopo una Q2 non esaltante e un Q1 forse anche meno per Raikkonen. Poco importa, sono vicini alle Mercedes e sul passo gara ne hanno di più. Per seguire il live della GARA del GP Bahrain F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    Sono 245 millesimi a dividerlo da Vettel e per lui che non è certo pilota da qualifica è un risultato eccellente. Kimi Raikkonen sta anche a un solo decimo da Rosberg, che dà la misura di quanto a proprio agio sia il finlandese con la SF15-T. Finalmente. «Ovviamente volevo arrivare ancora più in alto, è un po’ deludente ma la macchina stava andando bene, c’era più grip di quanto mi aspettassi e potevo spingere un po’ di più. Volevo arrivare in prima fila, una doppietta, ma è andata così», commenta a caldo.

    Guardando alla gara, dice: «Dovremo anzitutto fare una bella partenza, poi vedremo. Se staremo vicini alle Mercedes? Noi vogliamo stare davanti!». L’iniezione di fiducia che serve per infiammare il tifo.

    | LEGGI ANCHE: ANALISI PASSO GARA |

    Le parole di Vettel

    Su Sebastian Vettel non si può dire altro se non: super. Ha tirato fuori il giro perfetto, limitando il distacco a 411 millesimi da un altrettanto super Lewis Hamilton. Non era facile, perché le Mercedes al sabato hanno il plus di potenza da tirar fuori e 4 decimi sono – in condizioni normali – il gap più stretto che si sia registrato quest’anno. «Anzitutto sono molto contento del secondo posto, è stata una sessione nella quale all’inizio non riuscivo a trovare il ritmo delle prove, poi continuando a girare mi sono sentito più a mio agio per spingere. Sono molto contento della prima fila e in gara siamo un po’ più vicini, dovremo partire bene».

    | LEGGI ANCHE: QUALIFICHE. POLE DI HAMILTON, SUPER VETTEL |

    Le parole di Vettel

    Con questo Hamilton, una pole era fuori portata, inutile illudersi: «Credo che Lewis fosse più competitivo e già in Q2 aveva messo un limite irraggiungibile. All’inizio delle qualifiche non ero molto contento, poi l’ultimo giro siamo riusciti ad azzeccarlo». Non si scopre troppo pensando alla gara, tiene le carte un po’ nascoste, ma quale sia la forza sul passo delle Ferrari si è visto: «Qui è difficile riuscire a fare durare le gomme, gli altri sembrano preoccupati e speriamo di mettergli pressione, l’obiettivo è semplice: proviamo a fare una bella gara e vediamo domani».

    Fabiano Polimeni