GP Bahrain F1 2015, Hamilton: “Abbiamo dimostrato che la Mercedes resta la migliore”

Hamilton fa tris e vola in classifica dopo il Gran premio del Bahrain 2015. Rosberg terzo perde la posizione nel finale su Raikkonen: le parole dei protagonisti Mercedes dopo la gara.

da , il

    Inarrivabile. Lewis Hamilton è semplicemente senza avversari nel Gran Premio del Bahrain 2015. Riesce a esprimere tutto il potenziale della Mercedes e si mette in tasca la terza vittoria dell’anno, che lo fa volare nella classifica del mondiale, con 27 punti su Rosberg e 28 su Vettel. «Il mio biettivo è vincere il titolo, ma anzitutto devo ringraziare il mio team perché era difficile gestire le gomme e la Ferrari ci ha dato tanto filo da torcere. Dobbiamo continuare a spingere e un grazie enorme a tutti», dice sul podio. Un po’ di pathos nel finale, quando il pedale del freno ha dato qualche problema, facendo temere la rimonta di Raikkonen: «Credo che ci sia stato un piccolo problema ai freni, che si sono riscaldati un attimo, è stato un problema e ho dovuto andarci leggero».

    Le parole dei protagonisti

    Vettel, Rosberg o Raikkonen, non è un problema contro chi vinci, l’importante sono i 25 punti: «Vincere è sempre vincere, non conta troppo contro chi. E’ bello combattere con le Ferrari e abbiamo dimostrato che la Mercedes è ancora la migliore e lavoriamo per mantenere lo slancio. Ora dobbiamo tornare in Europa, ho già fatto meglio finora quest’anno, ma c’è Barcellona dove l’anno scorso è stata dura e Monaco,dove non ho vinto», dice pensando ai prossimi appuntamenti. Come già scritto dopo la pole position ottenuta al sabato, sta guidando al massimo livello mai espresso in carriera Lewis, che aggiunge: «Penso di valere tanto ma il contratto non è stato ancora firmato. Mi sento forte, nelle migliori condizioni della mia vita e mi sto godendo il momento».

    | LEGGI ANCHE: HAMILTON DOMINA, GRANDE RAIKKONEN |

    Nonostante il terzo posto, oggi Rosberg ha espresso una buona aggressività, sfruttando la velocità Mercedes e passando due volte Vettel e una Raikkonen. I freni nel finale gli hanno tolto la seconda posizione, altrimenti facile da conservare visto l’esito negativo degli attacchi di Vettel su Bottas. Gli attacchi sfoggiati nei giri precedenti si sono fatti sentire, ma lui guarda il lato positivo del podio agguantato: «E’ andata abbastanza bene perché ho fatto tanti sorpassi, alla fine cercavo di riprendere Lewis ma il ritmo era simile, poi ho perso i freni e sono andato dritto e mi è costata la posizione su Kimi».

    | LEGGI ANCHE: FERRARI, RAIKKONEN: “SPERAVO QUALCOSA IN PIU’” |

    In partenza ha cercato di mettersi subito in scia a Hamilton, attaccando Vettel e trovando una porta chiusa: «Ho cominciato in maniera deludente al via, perdendo una posizione da Kimi, ma ho capito subito che la macchina era fantastica e sono partito all’attacco superandoli. Dopo il pit ero dietro Sebastian e ho dovuto ripetere tutto».

    Fabiano Polimeni