GP Bahrain F1 2015, Hamilton imperturbabile: “Ho sempre parlato in pista”

Resta l'uomo da battere anche per il Gran Premio del Bahrain 2015. Lewis Hamilton parla di gomme, festa sul podio e la rivalità con Rosberg.

da , il

    Non lo scalfisce nemmeno l’idea di un Gran Premio del Bahrain 2015 da correre con l’incertezza di come si comporterà la Mercedes sulle gomme posteriori. Lewis Hamilton apre il week end a Sakhir con dichiarazioni di chi sa essere il più forte, sul piano psicologico anzitutto. Inevitabilmente si torna ai fatti di Shanghai, quelli concentrati tutti nel dopo gara: sportivi e di “colore”. «Ho sempre parlato in pista, da quando avevo 8 anni. Cerchi di imparare dalle decisioni e dall’esperienza, sperando di migliorare. Devi parlare in pista, cercando di fare del tuo meglio, tutto il resto che va fuori dalla macchina non mi interessa», dice quando gli viene chiesto di commentare i malumori di Rosberg. Problemi suoi, in sintesi. Per seguire il live della GARA del GP Bahrain F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole in conferenza stampa

    | GP BAHRAIN F1, ANTEPRIMA: FERRARI DI NUOVO PROTAGONISTA? |

    L’altro tema che ha tenuto banco è il festeggiamento sul podio (lo champagne in faccia alla hostess), ritenuto sessista dagli inglesi di Object, e anche in questo caso Hamilton non dà troppo peso alle critiche, sottolineando come si sarebbe preoccupato davvero se il “disagio” fosse arrivato dalla ragazza sul podio: «Non ho sentito molto fino a oggi, onestamente. Le mie azioni sono il riflesso delle mie emozioni, la F1 è il punto più alto del motorsport e avevo appena vinto un GP. E’ stata qualcosa di divertente, non avrei mai voluto mettere in imbarazzo qualcuno, non so nemmeno quale sia il motivo per cui alcuni si siano offesi, credo che in questo sport uno degli aspetti più amati è quando riusciamo a trasmettere le emozioni e il divertimento che abbiamo. Se si fosse lamentata in prima persona la ragazza mi sarei preoccupato, ma non è stato così».

    | LEGGI ANCHE: ORARI TV GP BAHRAIN |

    Non lo scalfisce praticamente nulla, nemmeno il ritorno su una pista aggressiva sulle gomme posteriori. L’ultima volta fu in Malesia e il risultato tutt’altro che entusiasmante per le Mercedes. Le temperature saranno inferiori, vero, ma l’asfalto è molto più abrasivo e i tecnici dovranno lavorare per un bilanciamento perfetto sulle W06 Hybrid: «In Malesia le gomme posteriori sono dominanti, come qui, per cui le Ferrari saranno molto forti, però noi avremo un approccio diverso per contrastare questa nostra debolezza, sarà dura ma il team lavorerà per correggere questo problema».

    Fabiano Polimeni