GP Bahrain F1 2016, qualifiche Mercedes. Hamilton: “Il miglior giro del week end”

Una prestazione maiuscola per Lewis, che ha recuperato dopo un primo tentativo andato male

da , il

    GP Bahrain F1 2016, qualifiche Mercedes. Hamilton: “Il miglior giro del week end”

    Su una pista che ha faticato a interpretare al meglio sin dal venerdì, stampa una pole position di quelle epiche, Hamilton nelle qualifiche del Gran premio del Bahrain; dopo un tentativo così così, anzi, proprio sbagliato. Non sarebbe stato probabilmente davanti a Rosberg anche senza l’errore all’ultima curva, perché i parziali si giocavano sul filo dei millesimi, ma la risposta che ha dato nel secondo tentativo è stata assoluta: ha scavato quel solco, 77 millesimi, minimo ma sufficiente per avanzare dalla piazzola numero 4. Adesso dovrà concretizzare al via domani, verso una curva 1 che si annuncia più che mai rovente. Ci sarà Rosberg da tenere d’occhio e le Ferrari alle spalle. Lewis, intanto, si gode la seconda pole su due gare, questa molto più sudata che non in Australia. Per seguire insieme a noi LIVE in diretta la gara del GP Bahrain F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    «Non è andato tutto liscio durante il week end, abbiamo avuto delle difficoltà a mettere insieme dei giri, l’ultimo è stato fondamentale e probabilmente il migliore del fine settimana. E’ incredibile pensare che siamo così veloci, dimostra i grandissimi progressi della tecnologia, e tutto il lavoro fatto da meccanici e ingegneri per arrivare a questo livello», spiega il campione del mondo. Non è semplicemente un giro da prima posizione, è il record assoluto della pista, più rapido anche dei V10 aspirati, segno di quale perfezione tecnologica sia arrivata a esprimere questa Formula 1, che consuma il 30% in meno e riesce a essere più veloce su alcune piste. Chapeau.

    Tornando all’attualità, Hamilton aggiunge: «Non è che non mi piaccia la pista, mi piace venire qui, ma non è uno dei tracciati sui quali riesco a esprimermi meglio, mentre so che Nico è molto forte. Ecco perché sono così soddisfatto di aver fatto quel giro, ci ho provato ma Nico era costantemente più veloce. Non mi preoccupa la partenza, non troppo, è uno spreco di energie. Cerchiamo di fare il meglio che possiamo. Finora non abbiamo ancora parlato di strategie, abbiamo qualche idea ma si cambia man mano che scopriamo come vanno le gomme».

    | LEGGI ANCHE: QUALIFICHE – SUPER-HAMILTON, FERRARI FORTISSIMA | VETTEL: “MACCHINA STREPITOSA” |

    Due o tre soste? In caso di necessità, un treno di medie a disposizione, ma senza averne provato il rendimento con l’asfalto e le temperature di Sakhir. Incognita che domani si svelerà già intorno al 12mo giro, quando dalle supersoft capiremo quali scelte hanno in mente le squadre. Ci ha creduto alla pole, Nico Rosberg. E l’avrebbe meritata, perché sempre davanti nelle sessioni importanti. «Semplicemente Lewis è riuscito a confezionare un ottimo risultato, speravo di essere in pole, questa pista è una di quelle sulle quali la pole conta meno, la strategia può creare tante occasioni ancora. Il nostro stratega è un genio, domani saremo messi bene. Sarà interessante, sicuramente succederà di tutto. Ci aspettavamo una Ferrari molto vicina e siamo contenti di essere rimasti davanti così», commenta Nico.

    Nel box Mercedes, per il momento, la lotta serrata in qualifica non dispiace a Toto Wolff, «la rivalità è intensa tra Nico e Lewis, a me piace, mi diverte che la facciano in tv ma non nel debriefing». Poi guarda alla gara e dice: «Abbiamo visto che la Ferrari parte molto bene, il nostro problema non l’abbiamo ancora risolto. Anche sul passo gara la Ferrari c’è e il gap è ridotto, domani può vincere. Il caldo non piace molto alla nostra macchina, abbiamo lavorato sull’assetto per ritagliarlo sul freddo di qualifiche e gara, è qualcosa che dovremo analizzare, è solo qualcosa di tempo perché la Ferrari vada in pole». Il “freddo” del Bahrain regala un vantaggio, da verificare su piste che presenteranno valori superiori, oltre i 30° C, per trarre un quadro complessivo su quale sia il vantaggio puro di Mercedes sul giro secco.