GP Bahrain F1 2017, l’anteprima: Ferrari-Mercedes, atto terzo

Nel deserto di Sakhir l'attesa è per un confronto di nuovo al vertice tra Hamilton e Vettel

da , il

    GP Bahrain F1 2017, l’anteprima: Ferrari-Mercedes, atto terzo

    Primo back-to-back stagionale, tra Cina e GP del Bahrain F1 2017. E si torna subito in pista con ancora negli occhi l’esaltante confronto (a distanza) tra Vettel e Hamilton. I due hanno dato spettacolo, seppur limitato al botta e risposta cronometrico, buono però per dire che la Ferrari vale la Mercedes in termini puramente velocistici. E, paradossalmente, gli eventi della gara di Shanghai, la pista bagnata, hanno inserito incertezze esterne sulla prestazione della SF70H. Una gara sull’asciutto ci avrebbe restituito una lotta diretta, stile Australia.

    E ci sarà domenica a Sakhir. Il Gran premio del Bahrain 2017 andrà in scena in notturna, con temperature di nuovo elevate, prossime ai 30° C sull’asfalto, ovviamente sull’asciutto. Sarà l’occasione per pesare nuovamente la Mercedes dopo l’esordio incerto di Melbourne, dove la gestione delle gomme e l’errata interpretazione del loro rendimento creo non pochi problemi. Per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Bahrain F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    Il quadro dei valori in campo tracciato dopo due gare dice che la vittoria è un affare limitato a due scuderie. Dovranno darsi una sveglia sia Raikkonen che Bottas, in difficoltà in Cina mentre i rispettivi compagni esprimevano prestazioni notevolmente superiori. Non dovremmo ritrovarci le Red Bull davanti, perché l’umido dell’ultima gara ha favorito Verstappen e Ricciardo finché c’è stato, sull’asciutto poi sono emersi tutti i limiti di una monoposto e power unit Renault ancora inferiori alla concorrenza.

    Il Processo al Gran Premio di Cina

    Il campionato degli “altri”

    Curiosità per capire dietro i top team quale fisionomia può assumere il campionato. Toro Rosso è stata la più regolare sulle due gare, deludenti Force India e Williams, invece, nella media dei gran premi corsi. Poi c’è la Haas, difficile da pesare per le altalenanti prestazioni. Il terzo round del mondiale di Formula 1 2017 si corre su un tracciato dalle caratteristiche ancora diverse. E’ una pista, quella di Sakhir, impegnativa sui freni e le gomme, che richiede tanta trazione, un perfetto equilibrio tra carico aerodinamico e velocità massima e doti aerodinamiche da far valere nella sequenza di curve e cambi di direzione tra curva 5 e il rettilineeo alle spalle dei box.

    Raikkonen-Vettel, in arrivo ordini di scuderia?

    Raikkonen cercasi

    La corsa della Ferrari un anno fa vide il solo Raikkonen partire e arrivare sul podio, secondo. Vettel fu appiedato nel giro di formazione dalla rottura al motore 061. Sembra un secolo fa, viste le prestazioni regalate dalla Ferrari SF70H, completa nel pacchetto e, per ora, senza un chiaro punto debole individuato nelle due gare disputate. Semmai il “problema” potrebbe diventare il secondo pilota, un Kimi Raikkonen che dovrà fornire risposte convincenti in pista, perché il confronto con Vettel non diventi impietoso e porti a un inevitabile divorzio a fine stagione. La gestione della gara in Cina ha mostrato parecchie lacune, certamente con la scusante di non avere ancora il comportamento della macchina che vorrebbe, per adattarlo alla sua guida; l’augurio è che possa lavorare bene nelle prove libere per trovare il feeling necessario e cambiare passo. Ne va delle ambizioni iridate nel mondiale Costruttori, senza dover sperare in un confronto al ribasso tra seconde guide, tra finlandesi, tra Raikkonen e Bottas.