GP Bahrain F1 2017, Mercedes. Hamilton: “Torneremo forti come prima”

GP Bahrain F1 2017, Mercedes. Hamilton: “Torneremo forti come prima”

Mercedes con Hamilton e Bottas sul podio nel GP del Bahrain F1 2017, però davanti c'è la Ferrari

da in Circuito Sakhir F1, Formula 1 2017, GP Bahrein F1, Interviste Piloti F1, Lewis Hamilton, Mercedes F1, Valtteri Bottas
Ultimo aggiornamento:
    GP Bahrain F1 2017, Mercedes. Hamilton: “Torneremo forti come prima”

    La regola dell’alternanza vorrebbe che tra 15 giorni, a Sochi, toccasse di nuovo a Hamilton. Il Gran Premio del Bahrain F1 2017 ha confermato una difficoltà iniziale della Mercedes a sfruttare le gomme al meglio. Valtteri Bottas ha visto alzarsi il ritmo anche per un problema di pressione, eccessiva, delle gomme posteriori. Macchina che scivola, bilanciamento sbagliato. Riscontri già avuti a Melbourne, anche allora con la mescola più morbida tra quelle proposte dalla Pirelli. Hamilton non è sembravo essere più incisivo, tanto da trovarsi le Red Bull vicine per un passo che si era alzato chiaramente.
    La safety car è andata anche incontro, perché Vettel recuperava terreno con una velocità nettamente superiore e il pit-stop, al 10mo giro, lo ha “pagato” per intero nella sua lunghezza. Con la SC in pista per l’incidente tra Sainz e Stroll, invece, l’incidenza è stata inferiore della sosta. Però Hamilton azzarda, rallenta troppo per non dover attendere in coda, dietro Bottas, davanti a lui e rientrato nello stesso giro per approfittare della neutralizzazione. I 5″ comminati dalla direzione gara ci stanno ma non condizionano a conti fatti il finale di gara. Non solo per il divario complessivo, oltre i 6″, ma per la valutazione di un finale controllato da Vettel.

    Toto Wolff confessa di aver sperato in un recupero in extremis di Hamilton, che avrebbe però dovuto anche superarlo Vettel, non solo farsi sotto: «Per un breve istante ci ho sperato, ma alla fine sono mancati dei secondi. Dobbiamo analizzare i dati, mancano 6-7″, troppi per vincere».
    Lui, Hamilton, continua a riconoscere il miglior lavoro degli avversari e la lealtà del compagno di scuderia: «Anzitutto congratulazioni a Sebastian e voglio ringraziare anche Valtteri che si è comportato da signore». Ha lasciato strada quando era logico che fosse più veloce la Mercedes numero 44. Da registrare anche l’azzardo che ha portato alla penalizzazione. Lewis spiega: «Nella pitlane è stata colpa mia, non sono partito bene al via, ce l’ho messa tutta per recuperare ma eravamo 19″ dietro dopo la seconda sosta. Dobbiamo spingere, torneremo forti come prima. Sono deluso, anche perché ho perso dei punti quando avrei potuto vincere la gara. Ho dato tutto quello che potevo, ma forse sto anche invecchiando (scherza; ndr)».

    GP Bahrain F1 2017, Vettel in trionfo

    Il sorpasso in pista si è avuto nei 500 metri che dividono lo start dalla prima curva.

    Sembrava che fosse partito bene nei primi metri e potesse addirittura affiancare Bottas, ma Vettel sul lato pulito è arrivato a staccare dentro la curva e prendersi la posizione. Momento cruciale. «E’ stato un week end difficile, la partenza era ok però Sebastian non sapevo dove fosse, non l’ho visto. E’ partito bene, dovevo coprirlo ma ho perso la posizione. A quel punto il passo era più o meno uguale, comunque è stata colpa mia sotto safety car, ho sbagliato. Valtteri aveva un buon passo, pensavo di riuscire a prendere Sebastian, ma vista la penalità di 5″ ha reso tutto più difficile di quanto già non lo fosse. Abbiamo fatto buoni punti per la squadra».

    Risponde anche sul perché nello stint finale non gli abbiano montato le gomme supersoft: «Le gomme sono andate bene, è stata la scelta giusta montare le soft nel finale. Erano buone visto quanto spingevo e con tanti giri da fare, non so se le supersoft me l’avrebbero permesso».

    Non è il risultato desiderato, anche se ancora sul podio, quello di Valtteri Bottas. Critico con se stesso anzitutto, poi a indicare i problemi di assetto avuti in gara: «E’ stata una gara molto complicata, ho faticato a tenere il passo per tutta la gara. Nel primo stint avevamo problemi con la pressione delle gomme posteriori, ma anche negli altri, ho sofferto di sovrasterzo e il ritmo è stato lento. Un peccato, dopo ieri l’obiettivo era molto più ambizioso. Nel complesso credo questo sia stato il miglior week end con il team, ma devo fare molto meglio d’ora in avanti.
    Non so cosa sia successo con la pressione delle gomme, c’era un problema già dal secondo giro, scivolavo al posteriore e non riuscivo a sfruttare la potenza in uscita dalle curve. Ho provato ad allungare il primo stint ma non avevo il passo desiderato. Nel secondo è andato bene all’inizio, ma con sovrasterzo. Nell’ultimo di nuovo ho avuto problemi di bilanciamento. Il passo è stato deludente per quanto mi riguarda, non è stata una bella giornata».

    835

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Sakhir F1Formula 1 2017GP Bahrein F1Interviste Piloti F1Lewis HamiltonMercedes F1Valtteri Bottas