GP Belgio F1 2012, Button in pole position: ma quanti brutti avversari!

Formula 1: Button è il favorito per la vittoria del GP del Belgio ma il pilota McLaren dovrà vedersi le spalle da tanti arrembanti avversari

da , il

    GP Belgio F1 2012, Button: "Una pole che vale una vittoria"

    Le qualifiche del Gran Premio del Belgio di Formula 1 2012 lasciano intravedere una possibile gara a due livelli. Davanti a tutti ci sono piloti molto veloci ma lontani dalle posizioni che contano in classifica mondiale. Dall’altra, più indietro, ci sono quelli che si giocano il titolo iridato che lamentano delle difficoltà nel trovare il giusto ritmo. Jenson Button, dall’alto della sua pole position, guida il gruppo di quelli che puntano tutto sulla vittoria di tappa. A rendergli la vita difficile ci sono dei personaggi letteralmente imprevedibili come Kamui Kobayashi e Pastor Maldonado. Non solo da loro, però, dovrà guardarsi le spalle il pilota della McLaren.

    Jenson Button: “Una pole position che vale una vittoria”

    Jenson Button non ci crede quasi. Sabato mattina la sua McLaren era quasi inguidabile. Nel corso delle qualifiche, invece, si mostra pressoché perfetta:“Devo dire che è da molto tempo che non sono in pole position. Risale a Monaco 2009 se non sbaglio. E’ qualcosa che mi ha toccato – ha dichiarato in conferenza stampa – Negli ultimi anni ho fatto buone gare ma non ho mai disputato grandi qualifiche. E’ importante per me ritornare dopo la pausa con questo buon risultato e ripartire con il piede giusto. Sono contento come se avessi ottenuto una vittoria”, ha ammesso. Button, lo ricordiamo, è reduce da una prima parte di stagione 2012 piuttosto difficile. Eccezion fatta per il buon avvio, ha sofferto molto l’evoluzione delle caratteristiche della vettura. Il lavoro svolto durante l’estate, però, ha rimesso le cose a posto e questo risultato lo dimostra. “Jenson è rimasto calmo e concentrato. Stamattina aveva delle difficoltà ma oggi pomeriggio è riuscito a risolvere i problemi ed a migliorarsi giro dopo giro. Domani disputerà una grande gara”, ha affermato il team principal della McLaren Martin Whitmarsh.

    GP Belgio F1 2012: tanti aspiranti alla vittoria!

    Button non è in buona compagnia. Se i vari Alonso, Hamilton, Webber e Vettel saranno impegnati soprattutto a marcarsi a uomo, dietro di lui ci sono piloti pronti a dare tutto per scrivere il loro nome nella storia della Formula 1 vincendo su uno dei circuiti più prestigiosi di sempre. Questi, capeggiati da Maldonado e Kobayashi, hanno monoposto imprevedibili, sulla carta meno performanti della McLaren, ma capaci di tirar fuori di tanto in tanto prestazioni sbalorditive. “Questa mattina abbiamo modificato il setup della macchina ed è migliorata. Poi nelle qualifiche è successo che siamo arrivati in prima fila - ha spiegato Kobayashi - Non so se dipende anche dalle caratteristiche della pista che è modificata e ci ha favorito, sicuramente abbiamo fatto un gran lavoro durante la pausa estiva e la vettura è migliorata”. Parla di miglioramenti anche Maldonado:“Siamo stati costanti nelle qualifiche durante la stagione. Oggi sembra che la macchina sia ancora più forte. Abbiamo cercato di capire e risolvere i nostri problemi per andare meglio nella seconda parte della stagione. Abbiamo lavorato sulla macchina avendo le idee chiare come, ad esempio, migliorare la fase della frenata. Nella prima parte di stagione abbiamo avuto risultati altalenanti per cui d’ora in poi dobbiamo essere più costanti e concreti”, è stato il commento del venezuelano. Non solo i primi tre delle qualifiche del GP del Belgio credono fermamente di poter vincere la gara di domani. Dalla piazzola numero cinque c’è un’altra ambiziosa Sauber, quella di Sergio Perez:“La quinta posizione è ottima per domani. Siamo messi bene anche come team. Domani può succedere di tutto e possiamo anche lottare per la vittoria che deve essere il nostro obiettivo”, ha chiarito il pilota degli svizzeri.

    E’ Raikkonen il vero favorito?

    Abbiamo fatto tanti nomi. Tranne il suo. non ci siamo dimenticati. Tutt’altro: sono alcuni giorni che caldeggiamo la sua candidatura come vincitore del Gp del Belgio di F1 2012. L’esito delle qualifiche di Spa-Francorchamps non è entusiasmante ma lascia del tutto aperte le chance di Kimi Raikkonen. “Le qualifiche sono state buone ma nell’ultimo giro avevo un po’ troppo sottosterzo. Non so perché. Devo dire, comunque, che ho fatto il massimo possibile per cui vanno fatti i complimenti agli altri che sono andati più forte”, ha ammesso. Ciò che consola la Lotus è l’abituale grande progresso nelle prestazioni tra giro secco a passo gara.