GP Belgio F1 2012, Ferrari: è grande il rammarico per l’incidente di Alonso [VIDEO]

Formula 1: la Ferrari fa i complimenti a Felipe Massa per aver tolto punti ad uno degli avversari di Alonso ed aver dimostrato che la monoposto era competitiva in Belgio

da , il

    GP Belgio F1 2012, Ferrari: Massa aumenta il rimpianto per l'incidente di Alonso

    Forse non tutti si sono accorti che Felipe Massa ha chiuso il Gran Premio del Belgio di Formula 1 edizione 2012 a soli 4 secondi dal terzo gradino del podio, vale a dire dalla Lotus di Kimi Raikkonen. Per buona parte della gara il pilota della Ferrari ha marcato gli stessi tempi dei suoi avversari ed è andato più veloce di Sebastian Vettel e Jenson Button che sono arrivati davanti a lui per aver fatto un pit stop in meno. Pochi rimpianti, sia chiaro, per come poteva essere e non è stato: il brasiliano ha ammesso che fare due cambi gomme è stata una scelta obbligata. Tuttavia la sua prestazione dà un’indicazione importante: Fernando Alonso avrebbe potuto disputare un Gran Premio da protagonista. Questa consapevolezza da una parte accresce il rammarico per l’occasione sprecata ma dall’altra consola per le gare a venire. La Rossa dovrà sì difendersi ma potrà ancora giocarsela ad armi pari visto che i rivali continuano a togliersi punti a vicenda e nessuno appare come invincibile.

    Felipe Massa: il sorpasso su Webber lo rende utile

    Senza quel sorpasso ai danni di Mark Webber, saremmo a commentare il solito Felipe Massa sottotono. Con quella mossa, invece, il brasiliano si rende finalmente utile riuscendo, pur se marginalmente, ad intrufolarsi tra i piloti avversari del compagno Fernando Alonso per la conquista del titolo mondiale 2012. “E’ stata una buona gara ed è un bel risultato dopo essere partito 14° - ha dichiarato Massa - Purtroppo l’incidente alla prima curva mi ha penalizzato perché ho trovato la strada interrotta e sono passato a sinistra mentre gli altri che hanno potuto passare a destra rispetto ai detriti mi hanno superato. Comunque arrivare quinto vista la posizione che avevo è sicuramente positivo”. Secondo il pilota di San Paolo, era impossibile tenere dietro Vettel perché la sua Ferrari non poteva reggere il ritmo facendo un pit stop in meno:“Soffrivo con le gomme e per me sarebbe stato impossibile fare una strategia con un solo pit stop che, ovviamente, ha avvantaggiato quelli che sono stati in grado di farla. Ora pensiamo al prossimo appuntamento di Monza. Avremo una macchina con un assetto molto scarico per il circuito veloce e speriamo di dare una grande gioia ai nostri tifosi”, ha concluso. Come detto, la nota più positiva del GP del Belgio della Ferrari numero 6 è il sorpasso ai danni di Mark Webber nelle fasi finali. L’australiano lamenta la scarsa velocità di punta ed incolpa la strategia:“Vettel ha fatto una strategia migliore. Era quella da fare ma non lo potevamo sapere fino alla fine. Purtroppo è andata così. C’è da dire che è normale per un team diversificare le tattiche. Per me è frustrante non poter superare. Avevo un buon passo ma non ero sufficientemente veloce. La stessa cosa mi era successo nel Gran Premio scorso”, ha spiegato. Quanto capitato al pilota della Red Bull dimostra come i margini siano per tutti molto risicati. Anche nella seconda parte della stagione 2012, quindi, varrà la solita legge: il più bravo sarà colui che commetterà meno errori. Proprio per questa ragione a Maranello si fatica a digerire il KO di Alonso. Troppo brutto e immeritato per essere vero…

    Ferrari: un buon Massa accresce il rammarico per il KO di Alonso

    I primi complimenti a Massa arrivano direttamente da Stefano Domenicali:“Felipe ha fatto un’ottima gara considerando la pessima qualifica di ieri. Teneva il passo di Kimi ed è arrivato a pochi secondi dal podio”, ha ricordato. Il team principal ha anche parlato di Fernando Alonso:“Visto il nostro passo di gara oggi, c’è un grande rammarico per quanto accaduto a Fernando in partenza. Avrebbe raccolto facilmente dei punti importanti che ci avrebbero aiutato molto in campionato. Detto ciò, dobbiamo far passare in fretta lo stato d’animo negativo e voltare pagina. Quanto successo oggi a lui può succedere agli altri in futuro per cui dobbiamo stare concentrati sulla gara di domenica prossima”.