GP Belgio F1 2012, Grosjean: “Ammetto l’errore”. Alonso: “Felice di essere salvo” [FOTO]

Formula 1: Grosjean ammette l'errore e commenta la squalifica per 1 GP rimediata dopo l'incidente del GP del Belgio

da , il

    grosjean incidente alonso spa 2012

    Romain Grosjean ammette l’errore alla partenza del Gran Premio del Belgio 2012 che ha messo fuori causa, in un modo o nell’altro, Fernando Alonso, Lewis Hamilton, Sergio Perez e Kamui Kobayashi. Il pilota della Lotus si prende la squalifica per 1 Gran Premio e prova a voltare pagina. “Quando ami le corse la squalifica è molto dura – ha dichiarato dopo aver appreso la decisione dei commissari di gara di Spa-Francorchamps – Ammetto l’errore ma devo dire che è una decisione molto difficile da accettare”. Intanto Fernando Alonso si sfoga su Twitter mostrando la foto dell’impatto da un punto di vista molto ravvicinato e scrivendo, visto il pericolo scampato:“Si può dire che sia stata una buona domenica, dopo tutto…”. Lo spagnolo racconta, in realtà, di essersela vista davvero brutta.

    Grosjean ammette l’errore

    “Sappiamo che la prima curva è molto stretta – ha proseguito Romain Grosjean nel ricostruire l’incidente – E’ stata una partenza un po’ strana con Maldonado che è scattato prima e il tanto fumo uscito dalla Sauber di Kobayashi. Io ho fatto un errore e ho giudicato male la distanza da Lewis. Ero sicuro di essere davanti a lui. Non ho cambiato la mia traiettoria. Non volevo davvero stringere nessuno contro il muro, non sono qui per fermare la gara al primo giro”. Parlando dei suoi errori, il pilota della Lotus ha aggiunto:“Ne ho fatti troppi. Sono d’accordo. Ma le dinamiche sono sempre state diverse. Non ho mai frenato troppo tardi. Sono sempre stato prudente. Stavolta ero al 100% sicuro di essere davanti a Lewis ma non lo ero quindi devo ripensare alla mia visione della vettura. Da qui alla fine della stagione, però, non voglio più avere incidenti”, ha concluso.

    Alonso:”Non c’è vittoria senza qualche ferita di guerra”

    alonso twitter incidente spa

    Questa foto e questo commento “Posso dire sia stata una buona domenica, dopo tutto…” sono apparsi sul twitter di Fernando Alonso poche ore dopo l’incidente. Come dargli torto? “Sto bene, ho soltanto un po’ male alla spalla sinistra: sono stato al centro medico subito dopo l’incidente ma è tutto a posto, il dolore è solamente dovuto al contraccolpo – ha spiegato Alonso in conferenza stampa – Non mi sono reso conto di nulla: io avevo superato le due Sauber quando mi sono sentito come si mi avesse investito un treno! Subito dopo l’incidente sono rimasto qualche secondo dentro l’abitacolo ma poi c’è stato un principio d’incendio e la schiuma degli estintori non mi faceva respirare. Ho cercato di dire via radio alla squadra che stavo bene ma non ci sono riuscito. Adesso posso dire che, nella sfortuna di aver avuto un incidente del genere, sono fortunato di poter avere la possibilità di tornare in macchina fra pochi giorni”. Il pilota della Ferrari prova a non infierire su Grosjean:“Non sono arrabbiato con lui, non l’ha certo fatto apposta: si vede che io ero nel posto sbagliato nel momento sbagliato”. Poi, sempre sul suo twitter, lancia un messaggio ai tifosi da vero guerriero:“Non c’è vittoria senza qualche ferita di guerra, non c’è arcobaleno senza la pioggia…! Ci vediamo a Monza!”.

    “Sta ai piloti avere rispetto degli altri”

    Infine, l’Alonso-pensiero sull’incidente si conclude con queste considerazioni: «Credo stessero battagliando (Grosjean e Hamilton; ndr) e sono entrambi due piloti aggressivi in partenza. E’ anche vero che in 12 gare Romain ha avuto diversi incidenti al via».

    Ma l’aspetto più interessante dell’analisi dello spagnolo riguarda l’”auto-regolamentazione” che i piloti in griglia dovrebbero darsi, senza necessità di un intervento della Federazione. «E’ stato un week end in cui abbiamo visto molti incidenti in GP2 e GP3, e ora in Formula 1. Sta a noi, i piloti, avere un senso comune e rispetto per gli altri».