GP Belgio F1 2012, prove libere 1: Kobayashi re della pioggia

da , il

    F1 Gran Premio del Belgio   Il venerdi prima della gara

    AP/LaPresse

    Le prove libere del Gran Premio del Belgio a Spa Francorchamps hanno accolto il Circus al rientro dalla sosta estiva. E come si conviene all’Università della Guida, temperature autunnali e pioggia a disegnare lo scenario della prima sessione. Pochi giri per tutti, tempi affatto significativi, soprattutto guardando al resto del week end che si prevede più regolare sul piano delle condizioni meteo, senza la pioggia odierna. Il miglior tempo è stato realizzato da Kobayashi, autore di 2’11″389 con gomme da bagnato estremo. Numerose le novità tecniche apparse ai box sulle vetture, segno che i team non son rimasti con le mani in mano in queste settimane di stop forzato. Tra gli interventi più appariscenti, le nuove paratie McLaren ai lati delle pance. Da segnalare la rottura del motore per Felipe Massa.

    Cronaca Prove libere 1 – GP Belgio 2012 – Spa

    Avvio di sessione battezzato dalla pioggia che ha allagato il circuito, rallentando le operazioni dei team. Dodici gradi la temperatura nell’aria, 13° C l’asfalto: condizioni diverse da quelle che i piloti dovrebbero incontrare domani e, soprattutto, domenica, con la gara attesa sull’asciutto e con temperature intorno ai 19° C. Un’escursione importante che avrà certamente ripercussioni sul modo di lavorare delle gomme Pirelli, che per il Gran Premio del Belgio fornisce la mescola media e quella dura.

    Il primo temerario a scendere in pista è stato Jean Eric Vergne con la Toro Rosso, seguito da Clos, Petrov, Ricciardo e Bottas. Importanti modifiche, per quel che riguarda la tecnica, sulla McLaren che ha sfoggiato una novità ai lati delle pance. Addio alle tre pinne verticali apparse a Barcellona, il team di Woking ha sviluppato una soluzione con una paratia verticale che collega il fondo piatto all’abitacolo, passando sopra le pance stesse e creando un canale per velocizzare i flussi verso il retrotreno. Inoltre, sebbene Whitmarsh abbia smentito l’utilizzo del doppio Drs, le due Mp4-27 hanno proposto anche un nuovo alettone anteriore che si sospetta sia stato studiato in funzione del sistema introdotto dalla Mercedes a inizio anno.

    La Mercedes ha messo in pista alcune novità, tra cui un monkey seat rivisto, nello stile di quello anticipato dalla Lotus con il super-Drs. In Ferrari, oltre a una diversa configurazione alare tra Massa e Alonso al retrotreno, sulla F2012 sono riapparse delle piccole paratie verticali sul bordo esterno del fondo piatto, nella zona anteriore delle pance, già anticipate nelle libere dei gran premi precedenti. Anche l’ala anteriore ha mostrato degli aggiornamenti, con il profilo principale che presenta due soffiaggi, mentre il piano superiore ospita un flap ulteriore, molto svergolato verso l’esterno, per un effetto a cascata. Rispetto all’alettone già visto in passato è stato rimosso il flap a sbalzo montato sulla parte interna della paratia verticale dell’ala.

    Dopo 10 minuti di prove libere del Gran Premio del Belgio, condizioni pessime a Spa con il miglior tempo di Kobayashi fermo a 2’17″. Gli unici a non aver effettuato nemmeno l’installation lap sono stati Hamilton e Alonso. Curiosità per Schumacher, che festeggerà domenica i 300 gran premi in carriera. Il tedesco ha sfoggiato un casco tutto nuovo, dalla livrea color argento. Tutto fermo in pista, con anche Alonso e Hamilton a completare un installation lap dopo mezz’ora, ma nessun altro ad avventurarsi lungo i 7 km di Spa, allagati e con il rischio aquaplaning dietro ogni curva. Mark Webber ha spiegato nel corso delle prove che non c’era alcun motivo di rischiare, con le condizioni meteo per sabato e domenica che si attendono più stabili. Ha inoltre anticipato che sarà una giornata di prove libere sulla falsariga di quanto visto a Silverstone, con il lavoro concentrato nella sessione pomeridiana.

    Ancora le due Toro Rosso sono state le prime vetture ad animare gli ultimi 40 minuti di prove libere, provando a saggiare le condizioni dell’asfalto di Spa. Pioggia meno intensa, il problema è rimasto a lungo la presenza di rivoli d’acqua dovuti ai dislivelli del circuito.

    «Si può comunque fare un lavoro di controllo sulla macchina, specialmente sui carichi dell’ala anteriore e posteriore e su quando montare le gomme giuste. Anche la paraffina per valutare i flussi aerodinamici funziona allo stesso modo», è stata la spiegazione di Sam Michael alla domanda su quale utilità possa avere una sessione come quella odierna per gli ingegneri.

    Ricciardo, tornando a parlare di tempi cronometrati, ha migliorato il riferimento di Kobayashi, portando il nuovo limite a 2’13″244, seguito dal giapponese con 2’13″721 e protagonista di un lungo in fondo al rettilineo del Kemmel, mentre al terzo posto si è collocato Vergne (2’13″732), il tutto a poco più di mezz’ora dal termine. Dopo una breve tregua, che ha consentito a Maldonado di ottenere il miglior tempo (2’11″941) e agli altri di abbassare il crono ottenuto in precedenza, la pioggia è tornata con insistenza su Spa a poco più di 20 minuti dalla conclusione. Dei top driver solo Webber e Button avevano segnato un tempo cronometrato (2’13″992 e 2’16″861 rispettivamente): sesto posto per l’australiano, undicesimo per l’inglese.

    Da segnalare negli ultimi minuti il settimo tempo di Rosberg e la leadership passata nuovamente a Kobayashi (2’11″389), il più attivo sul circuito nella prima sessione di prove libere con 19 giri. Webber ha anche girato con le gomme intermedie, migliorando di 8 decimi il tempo ottenuto in precedenza con le full wet, mentre Vettel, Schumacher, Hamilton, Alonso sono scesi in pista per verificare nuovamente le condizioni della pista prima della bandiera a scacchi.

    Classifica tempi prove libere 1 – GP Belgio 2012

    1. KOBAYASHI -Sauber 2:11.389 19 giri

    2. MALDONADO -Williams- 2:11.941 12

    3. RICCIARDO -Toro Rosso- 2:12.004 11

    4. VERGNE -Toro Rosso- 2:12.824 13

    5. WEBBER -Red Bull- 2:13.191 11

    6. PEREZ -Sauber- 2:13.861 15

    7. ROSBERG -Mercedes- 2:14.210 13

    8. BOTTAS -Williams- 2:14.660 14

    9. VETTEL -Red Bull- 2:14.860 10

    10. SCHUMACHER -Mercedes- 2:15.402 11

    11. DI RESTA -Force India- 2:15.812 10

    12. GLOCK -Marussia- 2:16.409 14

    13. PETROV -Caterham- 2:16.788 14

    14. HAMILTON -McLaren- 2:16.827 4

    15. BUTTON -McLaren- 2:16.861 7

    16. PIC -Marussia- 2:17.519 13

    17. KOVALAINEN -Caterham 2:18.199 9

    18. DE LA ROSA -HRT- 2:19.546 11

    19. CLOS -HRT- 2:19.689 12

    20. ALONSO -Ferrari- senza tempo 3

    21. MASSA -Ferrari- senza tempo 2

    22. RAIKKONEN -Lotus- senza tempo 8

    23. GROSJEAN -Lotus- senza tempo 7

    24. HULKENBERG -Force India- senza tempo 8