GP Belgio F1 2013, prove libere 2: Vettel domina a Spa, timori per le gomme? [FOTO]

Alonso e la Ferrari devono confermare nelle seconde prove libere del Gran Premio del Belgio quanto di buono mostrato al mattino

da , il

    C’è solo Sebastian Vettel e la Red Bull nel venerdì del Gran Premio del Belgio 2013 a Spa Francorchamps. Il tedesco campione del mondo strappa il miglior tempo, seguito da vicino solo dal compagno di squadra Webber. Gli altri? Lontani anni luce. Grosjean porta la Lotus a 8 decimi, meglio di Massa e della sorprendente Toro Rosso di Vergne. Più indietro Alonso, settimo e senza un giro pulito per esprimere il potenziale della F138 che, comunque, è decisamente lenta in assetto da qualifica.

    Le cose non vanno poi meglio in ottica gara, dove, invece, si segnalano Grosjean e Rosberg, possibili antagonisti delle due lattine volanti. Non è stato un pomeriggio in cui tutto è filato liscio in Red Bull, vista la foratura occorsa a Vettel mentre simulava il passo gara. Episodio occasionale, come è lecito pensare, oppure fantasmi inglesi che rivivono? E’ l’unico neo in un venerdì di prove libere perfetto. Cercasi avversari.

    CLASSIFICA TEMPI PROVE LIBERE 2 – GP BELGIO 2013

    1. Sebastian Vettel – Red Bull – 1’49″331

    2. Mark Webber – Red Bull – 1’49″390 +00″059

    3. Romain Grosjean – Lotus 1’50″149 +00″818

    4. Felipe Massa – Ferrari – 1’50″164 +00″833

    5. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso – 1’50″253 +00″922

    6. Kimi Raikkonen – Lotus – 1’50″318 +00″987

    7. Fernando Alonso – Ferrari – 1’50″510 +01″179

    8. Sergio Pérez – McLaren – 1’50″536 +01″205

    9. Nico Rosberg – Mercedes – 1’50″601 +01″270

    10. Paul di Resta – Force India – 1’50″611 +01″280

    11. Adrian Sutil – Force India – 1’50″629 +01″298

    12. Lewis Hamilton – Mercedes – 1’50″751 +01″420

    13. Nico Hulkenberg – Sauber – 1’50″972 +01″641

    14. Pastor Maldonado – Williams – 1’50″991 +01″660

    15. Jenson Button – McLaren – 1’51″195 +01″864

    16. Daniel Ricciardo – Toro Rosso – 1’51″447 +02″116

    17. Valtteri Bottas – Williams – 1’51″568 +02″237

    18. Esteban Gutiérrez – Sauber – 1’51″644 +02″313

    19. Giedo Van der Garde – Caterham – 1’53″157 +03″826

    20. Charles Pic – Caterham – 1’53″251 +03″920

    21. Jules Bianchi – Marussia – 1’53″482 +04″151

    22. Max Chilton – Marussia – 1’54″418 +05″087

    A cura di: @fabianopolimeni

    15:25 - Gran passo per Rosberg e Grosjean, entrambi sul 55″ basso e gomme dure.

    Deve tornare ai box per un calo della pressione del liquido di raffreddamento, Raikkonen

    15:19 - Grosjean gira forte con le dure, sul 1’55″9. Stesso tempo per Massa, al secondo passaggio ma con le medie… quelle che Vettel portava mezzo secondo più giù. Bene anche l’inizio della Mercedes di Rosberg (1’55″7 e 55″591).

    Le immagini della foratura di Vettel confermano che si è trattato di un lento cedimento di pressione, perché non si è notato alcun dechappamento in stile Silverstone per intenderci. Ricordiamo che due anni fa alla Red Bull vennero imposti determinati valori di pressione delle gomme, per altro ribaditi da alcuni gran premi a questa parte dalla Pirelli.

    15:12 - Va contro le barriere la Caterham di Van der Garde, in uscita dalla veloce destra di Stavelot. Pilota illeso, monoposto danneggiata sull’anteriore.

    15:10 - Foratura della posteriore destra per Vettel, sempre impegnato sulle gomme medie. Nessuna delaminazione, il battistrada è rimasto attaccato.

    Serve il terzo giro per strappare un misero 1’50″510, quando il meglio della gomma media era già andato. Settima piazza per Alonso, in ritardo di sei, otto e cinque decimi nei tre settori. La velocità massima è buona (318 km/h), segno che i sei decimi sono tutti da attribuire al deficit di trazione fuori da La Source.

    15:06 - Niente riferimenti chiari per Alonso, costretto a rallentare nel T2 del primo giro e con Button davanti a lui nella seconda tornata veloce. Fatto sta che il T1 nel primo giro accusava già mezzo secondo.

    Tornando a Vettel, dopo 14 giri paga 4 decimi sul suo standard di 1’55″5.

    Ala più carica per Alonso che va in pista con le medie. In precedenza, lo spagnolo deteneva il record nel T2.

    15:00 – Si mantengono stabili sul 56″ basso i tempi di Webber con le dure, mentre Vettel martella a 1’55″ medio.

    14:55 - Vettel è impegnato nel long run con le medie, Webber le dure e Rosberg medie. I primi tempi sono 56″1, 56″1, 59″0, 56″0 per l’australiano. 55″6, 55″4, 55″5, 56″0 per Vettel.

    Ancora modifiche all’ala posteriore di Alonso, si torna alla specifica sostituita prima, la standard. Non un buon segnale, tanto più che sposta in avanti la prova delle medie e la simulazione in assetto gara.

    Quarto tempo a 8 decimi da Vettel per Massa. Il ritardo nei tre settori è, nell’ordine: mezzo secondo, sei decimi, quattro decimi.

    14:49 - Monta le medie Massa con Di Resta risalito in settima posizione.

    Ferrari lavora ancora con gomme dure, per migliorare il bilanciamento della F138. Dovremo attendere ancora per verificare il potenziale della macchina con le medie.

    14:39 - In attesa del giro veloce di Hamilton e Alonso con le medie, non c’è tanto da gioire guardando i tempi attuali. Chi potrà contrastare le due Red Bull? Al momento, nessuno.

    Team radio di Massa: Massive oversteer everywhere. La traduzione è inutile

    14:34 - Vettel passa al comando, togliendo 1″2 dal tempo precedente. Tutto da leggere il crono, perché nel T2 Webber rifila ben 8 decimi al tedesco, indice che si sta ancora nascondendo e tenendo da parte del margine. T1 e T3 sono invece da record con 31″6 e 29″5. Il tempo ideale sarebbe 1’48″578, mentre il riferimento di Vettel è 1’49″331.

    Dal cameracar di Massa si conferma un enorme sottosterzo con gomme dure alla curva in discesa Rivage: il brasiliano deve dare molto più angolo di volante rispetto ad altri.

    Un’occhiata alle velocità di punta più elevate vede Maldonado a 320 orari, mentre Alonso è a 315, Webber a 314. Cambio dell’ala posteriore per Alonso, quando in pista Vettel sta cercando il tempo con le medie.

    14:25 - In controtendenza rispetto alle attese, Vettel è un fulmine nei settori più veloci, grazie all’ala posteriore da bassissimo carico: tre decimi più rapido nel T3 rispetto a Massa, altrettanti nel T1. Se riuscirà a copiare il riferimento segnato da Alonso nel T2, al momento quattro decimi più rapido, saranno problemi per tutti gli altri

    Hamilton porta davanti la Mercedes, copiando i tempi delle Ferrari: 1’51″180 gli vale la quarta piazza, davanti a Webber per sei millesimi. Ricciardo migliora intanto di 1 secondo nel suo giro con le medie.

    14:22 - Già gomme medie per Ricciardo, dopo appena 20 minuti di prove libere. Attualmente ha un crono di 1’52″4, vedremo quanto migliorerà con la mescola più morbida.

    Massa via radio comunica di aver perso aderenza sulle gomme: il brasiliano ha percorso finora 8 giri con lo stesso treno. La temperatura dell’asfalto è in netto aumento, visto che attualmente sono 32° C contro i 20 del mattino.

    14:16 – Record di Vettel nel T1 e T3, con il tratto centrale per ora proprietà di Alonso. Massa è secondo a sei decimi dal tedesco e in Mercedes Rosberg è stato avvisato delle temperature troppo basse delle gomme (circa 3 gradi sotto il working range).

    Già 5 giri per Massa, che si riprende il miglior giro (1’51″125), davanti a Webber (+0.190). Questo prima che arrivi Vettel, autore di 1’50″867.

    14:10 – Hamilton comunica via radio delle vibrazioni alle gomme, mentre Vettel (attualmente 12mo ma rallentato da una Caterham) sfoggia un T2 esente da correzioni e con una monoposto già molto precisa.

    Massa risponde prontamente, 1’51″699, subito seguito da Alonso che ritocca il tempo e scende a 1’51″645. Al momento tutti su gomme dure.

    14:04 – Subito 1’52″558 per Ricciardo, migliore finora davanti a Gutierrez e Hulkenberg.

    Button, Gutierrez e Hulkenberg sono i primi ad andare in pista

    14:00 - Salgono le temperature a Spa: 22° C l’aria, 29 l’asfalto. Il riferimento più veloce lo scorso anno fu la pole position di Button, con 1’47″5.

    13:47 - Niente Drd sulla Lotus oggi pomeriggio. Il team di Enstone ha chiuso le aperture ai lati della presa d’aria

    13:30 – Novità anche sulla Red Bull. Oltre all’ala posteriore dal basso carico, la RB9 sfoggia un nuovo muso particolarmente piatto nella zona dopo lo scalino. Questa modifica ha reso necessario un nuovo crash test di omologazione, mentre si possono apprezzare anche il diverso posizionamento delle telecamere, non più sull’estremità anteriore ma arretrati davanti ai bracci delle sospensioni.

    Fonte foto: Twitter

    Dopo l’exploit mattutino, Fernando Alonso e la Ferrari sono chiamati alla conferma nel secondo turno di prove libere del Gran premio del Belgio 2013.

    Inizia da una buona prestazione l’asturiano, ma devono scoprire le loro carte ancora Lotus, Mercedes e Red Bull. Novanta minuti intensi e da seguire attentamente, perché centrare il bilanciamento ideale su un tracciato da 7 km non sarà cosa facile.

    Intanto, un’interessante dettaglio spiega come si sia lavorato alacremente in fabbrica per migliorare la performance in qualifica, provando a sfruttare al meglio le gomme. Nuova forma per i cestelli dei freni, con l’obiettivo di veicolare il calore sulle coperture e innescare subito la finestra di funzionamento ideale.

    Fonte foto: Twitter

    Pronostica la pole della Fanta F1!

    Altro weekend, altro FANTA F1!. Il tradizionale gioco a pronostici di Derapate.it continua con la stagione di Formula 1. Lo scopo del gioco è indovinare la pole position e i primi 8 classificati di ogni Gran Premio. Leggi qui il regolamento, mentre se vuoi metterti alla prova con il nostro gioco, basta cliccare qui. Potresti essere il prossimo vincitore del FANTA F1!