GP Belgio F1 2015, Vettel: “Vittoria titolo matematicamente possibile”

Formula 1 2015: in Belgio a Spa Vettel fa i conti con la matematica e vede la vittoria del titolo ancora possibile sebbene molto difficile vista la forza Mercedes rispetto alla Ferrari

da , il

    Il Gran Premio del Belgio 2015 di Formula 1 è decisivo. Assieme al prossimo Gran Premio d’Italia, dirà quanto è assurdo credere in un Sebastian Vettel in lotta con la sua Ferrari per il titolo mondiale. Gli aggiornamenti portati in pista soprattutto sul fronte della power unit, infatti, potrebbero consentire al Cavallino Rampante di ridurre sensibilmente il gap dalla Mercedes. Il condizionale è d’obbligo. E la precisazione che solo le frecce d’argento possono perdere questo campionato è doverosa. Ma se Vettel si veste da matematico e finge di crederci, non possiamo che stare al suo gioco. Per seguire il LIVE in diretta della gara del GP Belgio F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Vettel: “Ogni gara fa storia a sé”

    Sebastian Vettel non punta a vincere a Spa ma solo a raccogliere quanti più punti possibile sperando in qualche sfiga altrui. Sono altre le piste in cui la Ferrari può far valere il proprio peso specifico:“E’ difficile dire quali siano le nostre possibilità rispetto a quelle dei nostri concorrenti qui in Belgio, ma ovviamente non si può fare riferimento al risultato dell’ultima gara - ha precisato su ferrari.com – Dobbiamo affrontare tutti i fine settimana del Gran Premio con un approccio diverso. Detto questo, daremo il nostro massimo”.

    Titolo ancora matematicamente possibile per la Ferrari #5

    In ottica campionato, invece, il messaggio non è altrettanto chiaro. La logica dice che il sogno è impossibile, ma nel DNA del campione c’è sempre un modo di ragionare un po’ diverso da quello dei comuni mortali. In questo caso, si chiama matematica e consiste nel rendere l’impossibile “solo” difficile:Per me matematicamente è ancora possibile vincere il campionato ma siamo realisti e sappiamo che è una cosa molto difficile, visto il divario che ancora ci separa dai nostri concorrenti. Di sicuro, se come in Ungheria avremo la possibilità di cambiare le cose, dovremo mettercela tutta. Fino ad ora abbiamo colto l’occasione per due volte ed è andata molto bene. Quando non è stato così abbiamo fatto del nostro meglio per stargli subito dietro, ma di sicuro il vantaggio con la Mercedes è ancora lì e non scomparirà”, ha ricordato il quattro volte iridato.

    Ferrari: nessuna rivoluzione da nuovo sistema di partenza

    Secondo Vettel, non ci sarà da aspettarsi nulla di rivoluzionario neppure dal nuovo sistema di partenza:”Qui entreranno in vigore nuove regole sulle procedure di partenza, ma non credo che questo cambierà molto le cose. Ci sarà meno assistenza via radio dai box, minori possibilità di regolare la frizione al via, ma penso che in due o tre gare capiremo come fare”.

    Vettel: “Con Raikkonen grande lavoro di squadra”

    Ultimo argomento trattato dal tedesco della Ferrari è il rinnovo di contratto strappato da Kimi Raikkonen anche per il 2016:“Penso che Kimi sia un ottimo pilota, ho un buon rapporto con lui e credo sia un bene per la squadra, perché offre stabilità. Così possiamo continuare a lavorare insieme per la Ferrari, cercando di fare del nostro meglio. Di sicuro ognuno vuole correre per se stesso, ma non credo che né lui né io abbiamo un ego tale da ostacolare la squadra. Non sono stato direttamente coinvolto nelle decisioni che hanno riguardato il suo contratto, ma non è un segreto che andiamo molto d’accordo. Entrambi tendiamo a non sprecare energie con cose di poco conto, e a concentrarci su quello che serve per tornare al vertice, ha concluso Vettel.