GP Brasile F1 2012, Alonso perdente con onore:”Fiero della squadra Ferrari” [FOTO e VIDEO]

da , il

    GP Brasile F1 2012, Alonso perdente con onore:"Ferrari deve essere orgogliosa"

    Si può perdere e perdere. Perdere con onore o meno. Fernando Alonso esce più che a testa alta dal Gran Premio del Brasile e dall’intera stagione 2012 di Formula 1. Nonostante i grandi meriti di Sebastian Vettel e della Red Bull, si fatica a vedere come giustamente assegnato un titolo mondiale piloti che, qualora fosse finito nelle mani dello spagnolo, non avrebbe trovato nessuno in grado di fare una sola critica al destino. L’asturiano si è reso protagonista di una stagione praticamente perfetta. Solo l’inadeguatezza della F2012 ed un paio di incidenti al via che sono costati carissimi, gli hanno impedito di portare a termine un vero miracolo sportivo. E’ proprio il concetto di “sport” che, abbinato a quello di “squadra”, viene citato più volte da Alonso in occasione dell’ultima conferenza stampa del 2012.

    Fernando Alonso: “Orgoglioso della squadra, questo è lo sport”

    Fernando Alonso parla sul podio di Interlagos con ancora l’amarezza in corpo per il mancato miracolo. Il suo discorso sa di qualcosa di già preparato. Nei giorni scorsi avrà ripassato mille volte lo scenario. Cosa dire quando la sconfitta sarà passata da una probabilissima eventualità ad una sentenza definitiva? Eccolo in tutta la sua pacata lucidità:“Sono orgoglioso della squadra e della stagione che abbiamo fatto. Abbiamo perso oggi ma non qua in Brasile. Abbiamo perso altrove - le frasi fatte usate dallo spagnolo non tolgono importanza al significato complessivo del suo pensiero – Questo è uno sport e se si fanno le cose al 100% si deve essere comunque fieri. Ora dobbiamo guardare avanti. Torneremo più forti il prossimo anno”.

    Ferrari, Domenicali: “Il destino non ci è amico”

    Stefano Domenicali ricorda una cosa importante. Alonso ha ottenuto due zeri in classifica pesantissimi per colpa di tamponamenti subiti in partenza. Vettel viene colpito oggi ma riesce a ripartire senza gravi danni:“Purtroppo è successo di tutto ma anche stavolta il destino non ci è stato proprio amico. In certe condizioni normalmente succedono altre cose – ha ricordato il capo della scuderia Ferrari - Mi è dispiaciuto molto per Fernando Alonso perché si meritava il titolo. Fa male soprattutto da un punto di vista emotivo perché non si può non apprezzare quello che è riuscito a fare. E’ un momento un po particolare dove dobbiamo reagire subito”.

    Felipe Massa: “Gara commovente”

    Felipe Massa ha regalato ad Alonso un inutile secondo posto. Alla fine lo ricorda senza timori:“Mi dispiace non essere più in avanti oggi nonostante me lo meritassi”. Poi parla delle sue grandi emozioni:“Penso che la seconda parte della stagione sia stata la mia preparazione per il prossimo anno. Correre qua è stato commovente. E’ stata una corsa fantastica. Posso solo dire di aver pianto alla fine”.