GP Brasile F1 2012, prove libere 1: Hamilton prima di Vettel e Alonso [FOTO]

da , il

    Il primo turno di prove libere del Gran Premio del Brasile 2012 dice che Sebastian Vettel e Fernando Alonso dovranno fare i conti, come negli Stati Uniti, con Lewis Hamilton. L’inglese è autore del miglior tempo, ottenuto nelle prime battute del turno di prove, con gomme sperimentali, quelle portate dalla Pirelli in ottica 2013. Grandissimo equilibrio nelle prestazioni, con i primi quattro piloti racchiusi in 8 centesimi. Dietro Hamilton ci sono Vettel, Webber e Button. E la Ferrari? Alonso ha ridotto il gap sul finire del turno, arrivando a 261 millesimi, dopo che a lungo ha navigato con quasi mezzo secondo di ritardo. Il tratto in cui sembra soffrire maggiormente la F2012 è quello centrale, là dove Felipe Massa è stato autore di un innocuo testacoda senza conseguenze. La seconda sessione di prove libere fugherà i dubbi residui sui reali rapporti di forza tra i top team in condizioni di asciutto, sempre che non arrivi la pioggia, tanto attesa specialmente dai tifosi in rosso.

    FOTOGALLERY PROVE LIBERE 1 – GP BRASILE 2012 – INTERLAGOS

    CLASSIFICA TEMPI PROVE LIBERE 1 – GP BRASILE 2012 – INTERLAGOS

    1. HAMILTON -McLaren- 1:14.131- 33 giri

    2. VETTEL -Red Bull- 1:14.140- 35

    3. WEBBER -Red Bull- 1:14.198- 34

    4. BUTTON -McLaren- 1:14.217- 31

    5. ALONSO -Ferrari- 1:14.392- 28

    6. MASSA -Ferrari- 1:14.716- 29

    7. GROSJEAN -Lotus- 1:14.719- 33

    8. DI RESTA -Force India- 1:14.738- 34

    9. MALDONADO -Williams- 1:15.015- 37

    10. HULKENBERG -Force India- 1:15.050- 32

    11. SCHUMACHER -Mercedes- 1:15.114- 36

    12. KOBAYASHI -Sauber- 1:15.255- 31

    13. PEREZ -Sauber- 1:15.396- 32

    14. BOTTAS -Williams- 1:15.413- 23

    15. RICCIARDO -Toro Rosso- 1:15.587- 35

    16. RAIKKONEN -Lotus- 1:15.701- 16

    17. VERGNE -Toro Rosso- 1:16.048- 35

    18. ROSBERG -Mercedes- 1:16.315- 36

    19. VAN DER GARDE -Caterham- 1:16.460- 32

    20. GLOCK -Marussia- 1:16.506- 31

    21. PETROV -Caterham- 1:16.617- 30

    22. PIC -Marussia- 1:17.234- 26

    23. DE LA ROSA -HRT -1:17.678- 15

    24. KARTHIKEYAN -HRT- 1:17.895- 13

    14:25 - Tutti in pista per le ultime battute delle prove libere 1 a Interlagos, incluso Kimi Raikkonen che ha risolto i problemi al motore della sua Lotus, dopo esser rimasto a lungo fermo ai box. Resiste ancora il miglior tempo di Lewis Hamilton, ottenuto a inizio sessione con gomme sperimentali e avvicinato da Vettel con le dure previste per il resto del week end.

    Alonso mette in mostra il potenziale della F2012, realizzando il suo miglior intertempo nel tratto centrale (38″1, a 2 decimi dal record) e abbassando il T3. A fine giro lo spagnolo resta quinto ma a 284 millesimi da Hamilton con 1’14″415. Il tempo è stato fatto con le gomme sperimentali.

    14:20 – Testacoda per Massa nel T2, nella lunga sinistra del tratto centrale che porta al secondo tornantino. Bandiere gialle per pochi attimi, poi ha ripreso la pista il brasiliano. Notevole il sovrasterzo sulla F2012. Marc Gene intanto ha confermato che il degrado delle gomme si attende elevato (sempre prendendo per buona l’idea di una gara sull’asciutto).

    14:15 - A 15 minuti dal termine prova nuovamente a scendere in pista Kimi Raikkonen, afflitto da noie al motore della sua Lotus.

    Fonte: Twitter

    14:10 - Aveva già segnalato il surriscaldamento delle gomme sperimentali Pirelli, Lewis Hamilton. Adesso sembra che anche con le dure ci sia qualche difficoltà. Nel caso di gara sull’asciutto, sarà un tema da tenere in considerazione, anche perché le mescole 2012 rispetto allo scorso anno sono più morbide e il rendimento potrebbe essere diverso dalle medie e dure impiegate 12 mesi fa a Interlagos.

    CLASSIFICA TEMPI PROVE LIBERE 1 – GP BRASILE 2012 – INTERLAGOS

    1. HAMILTON -McLaren- 1:14.131- 22 giri

    2. VETTEL -Red Bull- 1:14.140- 24

    3. WEBBER -Red Bull- 1:14.198- 24

    4. BUTTON -McLaren- 1:14.217- 17

    5. ALONSO -Ferrari- 1:14.605- 20

    6. MASSA -Ferrari- 1:14.716- 20

    7. GROSJEAN -Lotus- 1:14.719- 22

    8. DI RESTA -Force India- 1:14.738- 23

    9. MALDONADO -Williams- 1:15.015- 29

    10. HULKENBERG -Force India- 1:15.052- 20

    11. KOBAYASHI -Sauber- 1:15.255- 23

    12. PEREZ -Sauber- 1:15.396- 19

    13. RICCIARDO -Toro Rosso- 1:15.587- 25

    14. ROSBERG -Mercedes- 1:16.315- 24

    15. VAN DER GARDE -Caterham -1:16.460- 24

    16. GLOCK -Marussia- 1:16.506- 25

    17. BOTTAS -Williams- 1:16.533- 10

    18. VERGNE -Toro Rosso- 1:16.535- 23

    19. SCHUMACHER -Mercedes- 1:16.579- 22

    20. PETROV -Caterham -1:16.617- 17

    21. PIC -Marussia- 1:17.527- 18

    22. DE LA ROSA -HRT- 1:17.755- 9

    23. KARTHIKEYAN -HRT- 1:17.895- 8

    24. RAIKKONEN -Lotus- senza tempo- 4

    14:05 - Ai fantastici tre si aggiunge Mark Webber, terzo a 6 centesimi da Hamilton grazie all’intermedio centrale record (37″9). Non sono stati risolti i guai tecnici al motore di Raikkonen.

    Via radio Massa segnala un importante sovrasterzo, mentre Alonso torna in pista dopo aver fatto delle modifiche all’ala anteriore, adesso la stessa di Austin.

    14:00 - Montate le gomme dure da parte di quasi tutti i piloti, la sensazione è che non si scenderà più di tanto nei tempi, con le squadre concentrate piuttosto a mettere a punto l’assetto per la gara. Raikkonen è riuscito a fare un altro installation lap prima di tornare ai box dov’è tutt’ora fermo. L’interrogativo sugli assetti, in vista di una gara bagnata e una qualifica tutta da decifrare, è su quali scelte di porteranno avanti: fino al terzo turno di libere sarà difficile imboccare una strada decisa in un senso o nell’altro, tutto asciutto o tutto bagnato.

    13:50 - In Lotus Grosjean si inserisce nella top ten (sesto) mentre Raikkonen ha effettuato appena 3 giri lamentando un rumore strano dal motore. I meccanici sono ancora al lavoro sulla E20. Anche sulla vettura di Massa si è intervenuti per risolvere qualche problema: sotto osservazione le pinze dei freni sull’anteriore destra e posteriore destra. Vettel monta le gomme dure, quelle previste regolarmente per il resto del week end, e riduce a 9 millesimi il ritardo da Hamilton. Record nel primo settore (18″8), vicino al suo miglior tempo nel T2 (38″1 contro 38″0) e copia il 17″2 nel T3, alla portata di tutti i migliori fino adesso.

    13:40 – A circa metà sessione di prove libere del GP del Brasile, la classifica vede Hamilton davanti a Vettel e Button, tutti in 8 centesimi, seguiti da Alonso a quattro decimi, Massa, Di Resta, Webber, Kobayashi, Hulkenberg, Maldonado. Hamilton sempre impegnato a mettere insieme giri tutti molto costanti sul 1’14″ basso, mentre il miglior tempo di Alonso conferma un passo per ora più lento della F2012 nei primi due settori. Il tratto dalla Descida do lago alla staccata prima della curva in salita che porta al traguardo è già feudo di Vettel con 38″0, 1 decimo meglio di Hamilton e tre su Alonso.

    13:35 – Scende in pista Alonso e fa tre tornate consecutive. Il miglior tempo è 1’14″792, a sei decimi da Hamilton e gli vale la quinta posizione dietro Massa, autore a sua volta di 1’14″716. Per Alonso 1 decimo di ritardo sul record nel T1, sei nel T2 e 1 nel T3. Entrambe le Ferrari stanno girando con gomme 2013.

    13:30 - Massa fa il terzo tempo con le gomme sperimentali a un secondo da Hamilton; ottiene 19.1 nel T1, 38.5 nel T2 e 17.4 nel T3. Paga pesantemente nel tratto centrale, caratterizzato dalle curve lente che richiedono una grande trazione in queste primissime battute la Ferrari. Migliora il proprio tempo Vettel, chiudendo a 3 centesimi da Hamilton. Stesso tempo dell’inglese nel T1 e T3, mentre paga 1 decimo nel tratto centrale la Red Bull.

    13:25 - «E’ stata una mossa strategica per partire entrambi nel lato pulito. Abbiamo detto la verità, non molti team la dicono», ha detto Alonso tornando sulla rottura dei sigilli del cambio di Massa ad Austin. Quanto agli aggiornamenti che sono mancati sulla F2012, o meglio non hanno funzionato, ha detto: «E’ un po’ frustrante vedere che tutti nel team lavorano per portare pezzi nuovi, c’è un enorme impegno e non possiamo dir nulla su questo aspetto». Vettel dal canto suo inizia a girare e si piazza secondo a tre decimi da Hamilton, con Alonso tranquillamente seduto ai box in attesa.

    13:20 - A Interlagos si lavora come se si fosse in una sessione di test-invernali. Le prime impressioni lasciate da Hamilton sulle gomme 2013 sono: “Queste gomme di surriscaldano”. Guardando gli intertempi dell’inglese, nel T1 da 18.8, nel T2 37.9 e 17.2 nell’ultimo settore.

    13:15 – Si avvicina a tempi interessanti per il venerdì Lewis Hamilton, con gomme 2013 fa 1’14″3. Jenson Button, invece, resta fermo ai box con i meccanici impegnati a lavorare sull’avantreno, del tutto smontato. Il mini-stint di Hamilton continua e segna già 7 giri complessivi, abbassando il miglior tempo a 1’14″1.

    13:10 – Sebastian Vettel ha commentato così le previsioni meteo che portano pioggia per la gara. «In questo posto non sai mai cosa può capitare. Non ci sono motivi per cui dobbiamo temere la pioggia: mi piace il circuito, il posto, finora è un bel week end. Da domani (oggi; ndr) inizierà quello vero». Valtteri Bottas, che sostituisce in questo primo turno di libere Bruno Senna, è l’unico pilota al momento ad aver marcato un tempo: 1’21″2. Tocca a Perez adesso scendere a 1’17″7 con le gomme Pirelli sperimentali.

    13:05 - La Red Bull ha iniziato il programma montando dei rilevatori di pressione sulla parte sinistra del diffusore, collegati con l’ala posteriore sulla macchina di Webber. Sperimentazioni anche in Mercedes, con uguali sensori.

    Fonte: Twitter

    13:00 - Ha inizio il primo turno di prove libere del GP del Brasile. Le Toro Rosso, Pic e una Lotus sono i primi a scendere in pista, con la temperatura dell’aria a 22° C e l’asfalto a 32, entrambi valori in aumento. Due mescole disponibili come di consueto: medie e dure, oltre a due set sperimentali per ciascun pilota, contrassegnati dalla scritta Pirelli arancio.

    12:55 - Tra i tanti temi del Gran Premio del Brasile 2012 c’è anche l’abbandono della McLaren da parte di Lewis Hamilton, che per l’occasione sfoggia un casco speciale con la scritta “Thank you McLaren” sulla parte superiore. Anche Felipe Massa abbandona la livrea classica verde-oro per una blu-arancio e il nome Titonio Massa, in onore del padre e della sua carriera nel campionato turismo brasiliano.

    Fonte: Twitter

    L’avvicinamento progressivo al turno di libere porta con sé alcune interessanti notizie dal paddock. Due sono in ottica mercato piloti, con la Sauber che ha confermato l’ingaggio di Esteban Gutierrez – sostenuto da Carlos Slim, già patrocinatore di Sergio Perez – mentre la Caterham ha ingaggiato dalla Marussia Charles Pic.

    Spazio anche per i proclami decisi di un Fernando Alonso più che mai carico. Lo spagnolo su Twitter ha scritto: «Non possiamo tornare indietro, meglio combattere che subire il disonore di non averlo fatto», con l’hashtag #samurai. Un termine che meglio di ogni altro forse spiega le intenzioni del ferrarista.