GP Brasile F1 2013, clamoroso: Red Bull stavolta battibile… dalla Mercedes! [FOTO]

Nico Rosberg in vetta alla classifica dei tempi delle prove libere del venerdì del Gran Premio del Brasile 2013 di Formula 1

da , il

    GP Brasile F1 2013, clamoroso: Red Bull stavolta battibile... dalla Mercedes!

    Non c’è il sole a brillare. C’è, invece, un raggiante Nico Rosberg in vetta alla classifica dei tempi delle prove libere del venerdì del Gran Premio del Brasile 2013 di Formula 1. Il pilota della Mercedes accoglie la pioggia come una vera opportunità di ribaltare i valori in campo e battere, all’ultima tappa del mondiale, la Red Bull. Meglio tardi che mai. Il tedesco era stato ottimo profeta auspicando già dal giovedì una W04 molto competitiva sul bagnato. “L’unica nostra possibilità di stare vicino alla Red Bull è la pioggia – ha confermato ai microfoni di Sky – Anche con l’acqua, comunque, mi aspetto una Red Bull che sia la più veloce. Sarebbe bello, però, se piovesse durante le qualifiche”.

    Pioggia in Brasile: Rosberg esulta, Hamilton è pessimista

    “Non so perché, a dirla tutta è un po’ strano ritrovarci ad andare più veloci degli altri sul bagnato…”, ha concluso il suo intervento Nico Rosberg. Che sia onesto nell’ammettere candidamente che la Mercedes si sta muovendo più per inerzia che per convinzione è l’altra metà del box. Lewis Hamilton, infatti, descrive una W04 quasi inguidabile:“Non mi sono mai trovato in tutta la carriera così male con una monoposto sul bagnato. Se mi guardo indietro, mi accorgo che con la pioggia sono sempre riuscito a fare la differenza ma stavolta non ho grosse speranze. E’ chiaro che la macchina è veloce e Nico lo dimostra ma io sto ancora lottando con la mappatura dell’acceleratore e cose di questo tipo”. L’inglese ha anche criticato il regolamento che, limitando il numero di pneumatici a disposizione, non incentiva i team a mandare le macchine in pista.

    Vettel: stavolta sarà più difficile

    L’ultima vittoria del 2013 sarà probabilmente una delle più difficili da ottenere per Sebastian Vettel. Solo uno scenario climaticamente complicato poteva dare qualche spunto di interesse alla – altrimenti – ennesima cavalcata solitaria della Red Bull numero 1. “Qui c’è poco margine di errore e molti piloti sono andati in testacoda – ha dichiarato Vettel non citando la sua escursione sull’erba – ma quando c’è troppa acqua è difficile tenere la macchina in pista. Tutti hanno pensato soprattutto a risparmiare gomme in vista del prosieguo del weekend”. Anche l’altra lattina, quella di un Mark Webber alla sua ultima gara in Formula 1, è rimasta attaccata ai migliori:“Abbiamo fatto prove comparative in vista delle qualifiche per capire quando sarà meglio usare le gomme Full Wet o le Intermedie. E’ stata una normale giornata di prove, in definitiva, nella quale abbiamo raccolto i dati che ci servivano”.

    Lotus da rivedere

    All’appello dei favoriti per il podio manca stavolta la Lotus. Romain Grosjean, brillantissimo una settimana fa ad Austin, ha incontrato problemi di setup:“Dobbiamo fare ancora progressi nell’assetto da bagnato – ha ammesso ad Autosport – pensiamo comunque di sapere come intervenire. E’ una bella sfida guidare con l’acqua anche per via della scarsa visibilità”.