GP Brasile F1 2014, Alonso: “Questa è stata la mia miglior stagione”

Formula 1: Alonso parla del suo 2014 definendolo come il suo miglior anno da pilota nonostante le difficoltà

da , il

    GP Brasile F1 2014, giovedi pre gara

    Ancora niente! Non è neppure il Gran Premio del Brasile l’appuntamento nel quale Fernando Alonso ha intenzione di far sapere cosa farà nella stagione 2015 di Formula 1. Lo spagnolo sembra divertirsi a tenere tutti sulle spine e ad alimentare ogni sorta di indiscrezione sul suo conto. Pensa, forse, di riuscire a strappare un ingaggio più consistente alla McLaren? Proprio il team di Woking vorrebbe mettere a posto tutti i tasselli e dare l’annuncio il prima possibile tant’è che nei giorni scorsi Eric Boullier è uscito allo scoperto ammettendo che le trattative con l’asso delle Asturie sono in fase avanzata. In tutta risposta, Alonso ha dichiarato su ferrari.com:“Non credo ci sia alcun limite di tempo per decidere: questa settimana la McLaren sta dicendo alcune cose, la scorsa Lopez della Lotus aveva detto che stavamo parlando, cosa vera, ma di un progetto che non riguarda la Formula 1. Ogni giorno ci sono delle voci e oggi ho anche letto che avrei acquistato la Marussia per un dollaro, cosa assolutamente non vera”. Secondo alcune testate internazionali, sono in crescita persino le possibilità che Alonso resti ancora un altro anno in Ferrari sfruttando l’opzione della terza vettura a disposizione dei top team. Per seguire il LIVE della gara in diretta web, con aggiornamenti costanti, tempi e classifiche, BASTA CLICCARE QUI!

    Alonso-Ferrari: titoli di coda, finale grigio

    Non ci sarà una prestazione eccezionale da regalare alla Ferrari come pensiero d’addio. Non ci sono le premesse né in Brasile, men che meno ad Abu Dhabi. Ad ammetterlo è lo stesso Alonso che non crede di poter trovare aiuto dalle incerte condizioni meteo di Interlagos:“Anche con la pioggia non abbiamo alcuna possibilità di successo – ha ammesso – Con un bottino di appena due podi in questo campionato, non possiamo aspettarci che qualche goccia d’acqua ci possa mettere in condizione di ottenere una vittoria. Sfortunatamente non abbiamo un livello di competitività sufficiente, anche se è senz’altro vero che con la pioggia ci sono più opportunità, ma anche più rischi. Puoi guadagnare posizioni più facilmente, ma puoi anche perdere tutto”.

    Tempo di bilanci: non tutto è stato negativo

    Così come Kimi Raikkonen, anche Fernando Alonso inizia già a fare un bilancio riassuntivo del suo 2014. Curiosamente, riesce a trovare comunque un bicchiere mezzo pieno:“Questa è stata una stagione difficile e impegnativa, ma probabilmente anche la mia migliore: ho dovuto fronteggiare sfide difficili, compreso dover convivere con un campione del mondo dall’altra parte del garage, e ho gareggiato dando il massimo”. L’asturiano individua nel GP d’Ungheria il suo momento migliore:“Ho comandato la gara fino a due giri dal termine e ho concluso al secondo posto mentre il peggiore è stato in Giappone, con le terribili sensazioni vissute dopo l’incidente di Jules (Bianchi) e la delusione di aver completato solo tre curve prima di essere costretto al ritiro”.