GP Brasile F1 2014, Pirelli: “Gara eccitante, ne siamo sicuri!”

Formula 1: anteprima Pirelli per il Gran Premio del Brasile 2014

da , il

    GP Brasile F1 2014, Pirelli: "Gara eccitante, ne siamo sicuri!"

    C’è un nuovo asfalto sul circuito di Interlagos che domenica prossima ospiterà il Gran Premio del Brasile, penultimo appuntamento della stagione 2014 di Formula 1. Come se non bastassero le tante e solite incognite relative al meteo, i team ed i piloti dovranno confrontarsi con un’incertezza in più. Che la questione sia caldissima è confermato dal dietrofront della Pirelli che inizialmente aveva pensato di portare mescole hard come nel 2013 salvo poi, sotto la pressione delle squadre stesse, puntare ad una soluzione meno estrema che prevede gomme Medium e Soft sebbene sia dato quasi per scontato, senza neppure guardare le previsioni meteo, che ci sarà bisogno di utilizzare gli pneumatici da bagnato. Per seguire il LIVE della gara in diretta web, con aggiornamenti costanti, tempi e classifiche, BASTA CLICCARE QUI!

    “Il circuito impegna molto le gomme a causa della quasi ininterrotta successione di curve, alcune delle quali sono ad alta velocità. Quindi, saper sfruttare al massimo le coperture e le strategie sarà chiaramente di vitale importanza per la gara - ha spiegato Paul Hembery nel comunicato ufficiale della Pirelli in vista del GP del Brasile 2014 di F1In passato abbiamo assistito a molte gare bagnate a Interlagos, e sembra che anche quest’anno ci sia questo rischio. Il tutto contribuisce a mantenere alta la reputazione di questo circuito, che ha sempre regalato gare eccitanti e, ne siamo sicuri, sarà il caso anche questo weekend, ha aggiunto il direttore Motorsport Pirelli. Ricordiamo che nel 2013 la strategia vincente adottta da Sebastian Vettel fu quella di effettuare due soste partendo con le medie, confermandole al primo pit stop e passando alle hard per lo stint finale.

    Alesi: “Nuovo asfalto non cambierà le cose”

    Jean Alesi ha disputato 12 edizioni del Gran Premio del Brasile. In qualità di consulente Pirelli, inquadra così lo scenario di Interlagos:“E’ un circuito che amo moltissimo. Estremamente faticoso per il pilota: si è sempre in curva oppure in accelerazione a ruote sterzate. Si guida sempre in appoggio, e questo alla lunga è impegnativo a livello fisico”. Il francese parla anche del nuovo asfalto e lo definisce una non-novità:“Mi è successo molte volte in passato, ma alla fine si tratta sempre di un circuito con un fondo molto ondulato. Anche con l’asfalto nuovo, la tendenza di Interlagos è di essere piuttosto scivoloso il venerdì; poi, sessione dopo sessione, emerge la caratteristica di base dell’asfalto brasiliano, che finisce per essere piuttosto abrasivo”.