GP Brasile F1 2015, Ferrari opaca. Vettel: “Difficile far funzionare le gomme”

Gran premio del Brasile 2015 in salita per le Ferrari. Dopo le libere, Vettel e Raikkonen non sono contenti dell'aderenza, tanto lavoro da fare.

da , il

    Non è il venerdì che lascia il sorriso agli appassionati, quello della Ferrari nelle libere del Gran Premio del Brasile. Il distacco sul giro secco è molto elevato, 1 secondo su un giro particolarmente corto come Interlagos è tanto, potrebbe diminuire al sabato, quando si sfrutterà al meglio il motore e la pista dovrebbe garantire un’aderenza superiore.

    Il passo gara non lascia sperare nemmeno tanto, perché a fare il ritmo c’è Rosberg, poi Hamilton e dietro loro due il vuoto. Meglio con gomme medie che con le morbide, le SF15-T, mescola che potrebbe essere quella preferita domenica, in caso di tre soste. Manca la velocità oggi, si spera arrivi nella notte, pronta per manifestarsi domani. Seguite insieme a noi la gara del GP Brasile F1 2015 LIVE in diretta.

    Le parole dei protagonisti

    «Tutti hanno avuto delle difficoltà con le gomme, è complicato farle funzionare, probabilmente ancora peggio dell’anno scorso. La pista è scivolosa, possiamo migliorare per domani, la macchina si muove molto e scivola parecchio, penso andrà meglio», ha commentato Vettel, più sbrigativo del solito. Il divario si accumula in maniera uniforme lungo il giro, sul singolo passaggio è apparso andare meglio nel tratto centrale, lasciando tanto terreno nel T1, circa 4 decimi persi in 3 curve.

    | LEGGI ANCHE – LIBERE 2, ROSBERG DETTA IL RITMO | LIBERE 1, HAMILTON SCAVA IL SOLCO. BENE VETTEL |VETTEL: LAUDA SENTE CHE STIAMO ARRIVANDO |GLI ORARI DEL GRAN PREMIO | LA STORIA DELLA F1 A INTERLAGOS |

    Prendendo come riferimento Vettel, la prestazione di Raikkonen non è da buttare. Rimedia poco più di 150 millesimi, con il neo di aver sprecato due passaggi a causa della bandiera rossa esposta quando era nel giro di lancio. Anche per Kimi, tuttavia, il passo gara non è particolarmente impressionante, così come la velocità in termini assoluti. «In generale la giornata non è stata bellissima, la prima mezz’ora del mattino abbiamo fatto test aerodinamici, poi nell’unico run ho avuto problemi d’assetto. Questo pomeriggio sono capitate parecchie cose, una situazione confusionaria. Sul giro secco non è andata male, ma nemmeno bene come avrebbe potuto. Sul passo gara sembrava a posto ma faticavo un po’, devo vedere i dati», commenta.