GP Brasile F1 2015, Mercedes. Rosberg: “In Q3 due giri davvero al limite”

Rosberg vola nelle qualifiche del GP del Brasile 2015 e precede Hamilton, che non si presenta alla foto di rito. Le parole dei piloti Mercedes a Interlagos.

da , il

    Sbaglia di brutto Hamilton. Sbaglia nei comportamenti, nello sminuire il valore di Rosberg, che si prende la pole nelle qualifiche e proverà a dettare il ritmo nel GP del Brasile 2015 domani. Non si presenta alla foto di rito, clamorosa caduta di stile e mancanza di rispetto verso Nico, che non si è mai sognato di fare qualcosa del genere quando le prendeva durante l’anno. Le dichiarazioni post-qualifica non sono certo migliori, «il mio obiettivo principale quest’anno l’ho già centrato», dice quando gli chiedono se punti la vittoria nella patria di Senna; poi corregge il tiro e aggiunge: «Qui l’obiettivo è vincere, l’anno scorso in gara ero forte e spero di poterlo essere anche domani». Seguite insieme a noi la gara del GP Brasile F1 2015 LIVE in diretta.

    Le parole dei protagonisti

    Da quanto visto al venerdì, Rosberg ne ha abbastanza per dire la sua. «Un vantaggio solido, sono molto felice per Nico che ha fatto una bella qualifica come in Messico. La macchina ha funzionato bene, tutto a posto. Nico è ancora in battaglia con Sebastian per il secondo posto, Lewis ha meno pressione. Domani ci sarà poco da lavorare con la strategia, la gomma morbida non dura per molti giri, saranno strategie uguali», spiega Toto Wolff.

    Fa bene a sorridere Rosberg, «sono molto soddisfatto, è la miglior posizione di partenza per domani. Durante le qualifiche ho dovuto recuperare dalla Q2, nella Q3 ho fatto due giri davvero al limite, sono molto contento». Poi aggiunge, «vedo queste gare come eventi singoli, voglio vincere, ci sarebbe il secondo posto in campionato, sicuramente meglio del terzo e sarebbe bello vincere».

    | LEGGI ANCHE – QUALIFICHE, POLE DI ROSBERG |

    Analizzando il giro della Q3, Hamilton accusa il primo settore per i 78 millesimi finali che gli sono costati la pole: «E’ andata bene, c’era un buon bilanciamento in macchina, i giri mi sono sembrati buoni, in Q3 mi è mancato quel po’ di margine e non sono riuscito a sfruttare al meglio il primo settore».