GP Brasile F1 2017, anteprima: lo sguardo già al 2018 e oltre

Tra regolamenti futuri, ritiri definitivi e mondiale 2018 da imbastire nelle scelte tecniche, il GP del Brasile a Interlagos ha ancora qualcosa da raccontare

da , il

    GP Brasile F1 2017, anteprima: lo sguardo già al 2018 e oltre

    Non ha più nulla da scrivere, il mondiale di Formula 1 2017. Il Gran Premio del Brasile 2017 sarà per tutti già un lavorare al prossimo anno, provare soluzioni tecniche da approfondire in inverno e valutare in prospettiva dei nuovi progetti. Mercedes chiamata a mettere mano ai concetti della W08 che non hanno permesso il dominio delle precedenti stagioni, Ferrari a intervenire sull’affidabilità che le è costata il titolo, Red Bull a sviluppare soluzioni buone per la RB14 in modo da essere immediatamente competitiva a Melbourne. Poi c’è la cronaca, il week end di gara da vincere. Hamilton mattatore un anno fa, Verstappen spettacolare sotto la pioggia. Le previsioni dicono che Interlagos manderà in scena una gara sull’asciutto, dopo prove libere e qualifiche altamente probabili sul bagnato.

    Hamilton cerca la vittoria per celebrare degnamente il titolo, Verstappen vuole proseguire la striscia positiva e sfruttare l’alchimia perfetta trovata da Red Bull sulle sospensioni. Poi c’è Vettel, velocissimo a Città del Messico, perfetto nel centrare la pole, non concretizzata in gara. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web le gara del GP Brasile F1 2017 con risultati e classifica

    Con un quadro da liberi tutti, i titoli già assegnati, si preannuncia un week end pirotecnico e senza sconti in pista. Chi finora era in lotta per il titolo potrà fare liberamente a ruotate con chi, vedi Verstappen, proprio non aveva nulla da perdere.

    Il Gran Premio del Brasile 2017 sarà l’ultimo per Felipe Massa. Stavolta il ritiro non è negoziabile, dirà addio al Circus, dove potrebbe rientrare Robert Kubica. La schiera di candidati al sedile Williams è folta, chissà che non la spunti Kvyat. Massa merita un congedo migliore di quello – poi rivelatosi provvisorio – avuto nel 2016. Purtroppo non ha una monoposto sufficientemente competitiva per trovarlo nelle posizioni a ridosso del podio, dove Force India si candida a confermarsi quarta forza e a dar via libera a Perez e Ocon per una rivalità senza limiti, ora che l’obiettivo nel mondiale Costruttori è stato raggiunto.

    A Interlagos si programmerà il 2018, con le novità tecniche. Ma a tenere banco sarà anche la visione della Formula 1 2021, le nuove power unit annunciate da Liberty Media e dalla FIA, per nulla convincenti secondo Mercedes, Ferrari e Renault. Si discuterà di quali interventi apportare, come riequilibrare il fattore ibrido per non perdere la grande fetta di efficienza energetica che verrà a mancare senza più l’MGU-H. Il tutto con la minaccia Ferrari di lasciare la Formula 1. Si parlerà anche dei limiti di spesa che si vorrebbero introdurre per rendere più equa la competizione. Insomma, il Brasile val bene ancora un week end di attenzione, perché, forse, gli spunti di interesse in pista e fuori saranno superiori a quelli delle ultime gare, già prevedibili nel loro esito finale.